laRegione
23.09.22 - 10:48
Aggiornamento: 14:29

Mondiali in Qatar: a Lugano il Villaggio affidato a privati

Settimana prossima un bando di interesse per organizzarlo al Centro esposizioni. Il vicesindaco Roberto Badaracco: ‘È una sfida, vista la stagione’

mondiali-in-qatar-a-lugano-il-villaggio-affidato-a-privati
Ti-Press
Sarà un tifo diverso

Un’anomalia, in tanti sensi. Gli imminenti Mondiali di calcio in Qatar non saranno atipici soltanto per la collocazione temporale – si svolgeranno dal 20 novembre al 18 dicembre –, ma anche, di riflesso, per il minor potenziale di aggregamento rispetto ai tornei abituali. Quantomeno a Lugano. Come ci anticipa il vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco, è tutt’altro che sicuro che in città vi sarà un canonico Villaggio con tanto di maxi-schermo, così come siamo abituati per Mondiali ed Europei di calcio. La Città ha infatti deciso di concedere gratuitamente uno spazio al Centro esposizioni per dei privati che intendono gestirlo durante l’evento. «Ma si tratta di una sfida, direi quasi una scommessa».

Il periodo è lo stesso del Mercatino di Natale

In che senso? «Siamo partiti dal presupposto che durante l’inverno organizzare un Villaggio per i Mondiali all’aperto è molto difficile. Sarebbe potuta entrare in linea di conto un’area pubblica dove posizionare un tendone. Ma trovarne una adatta in centro, in quel periodo, è praticamente impossibile» osserva il capodicastero Cultura, sport ed eventi. Piazza Manzoni, ad esempio e in particolare, «l’abbiamo esclusa perché più o meno nello stesso periodo ospiterà il Mercatino di Natale». Pertanto, sono stati fatti degli approfondimenti tastando diverse sensibilità, in primo luogo quelle di chi generalmente è coinvolto in prima persona durante questi eventi: gli esercenti.

Costi esorbitanti per un tendone

«C’erano dei privati interessati ad allestire dei tendoni in alcune piazze, ad esempio piazza Rezzonico – ricorda il municipale –. Quest’ipotesi però man mano è caduta, sia per una questione di praticabilità, sia per una questione di inquinamento acustico del vicinato, senza dimenticare l’ultimo rilevante aspetto emerso: quello energetico. Avere un tendone a dicembre, da utilizzare tutti i giorni o quasi per tante ore, comporta molto consumo. Ci sarebbero stati costi esorbitanti, non solo per l’ente pubblico ma anche per i privati. E, non da ultimo, sarebbe stato un segnale sbagliato da parte della Città in questo periodo di crisi».

Spazio gratuito, ma gestione a carico dei privati

E quindi la Città ha deciso di rinunciare a un Villaggio per i Mondiali in centro. Tuttavia, «abbiamo riservato un’ala del Centro esposizioni appositamente per il torneo». Pertanto, essendoci un padiglione già riservato e non volendo rinunciare del tutto all’ipotesi di un luogo aggregativo anche durante la stagione fredda senza averci almeno provato, «settimana prossima pubblicheremo un bando di interesse mettendo a disposizione gratuitamente lo spazio ai privati interessati a organizzare il necessario per un piccolo Villaggio: maxi-schermo, mescite, altri servizi». Il bando sarà rivolto principalmente a esercenti, a società attive nel settore degli eventi o, volendo, ad associazioni interessate. La gestione tuttavia sarà integralmente sulle loro spalle, la Città si limiterà a concedere lo spazio. Il privato, dunque, si assumerà integralmente il rischio.

Possibilità che il bando non susciti interesse

«È così – conferma Badaracco –. Sarà una sfida, quasi una scommessa, anche economica: i privati dovranno valutare se la spesa vale l’impresa. Ne siamo consapevoli. Non nascondiamo che siamo molto cauti riguardo all’interesse effettivo che il bando susciterà». Ma perché la Città non investe nella gestione? «Non abbiamo risorse per un Villagio dei Mondiali, in questo periodo dell’anno: siamo già molto impegnati con il Mercatino di Natale che è un grande impegno». Non è detto dunque che il bando vada a vuoto. E in tal caso, la città resterebbe senza Villaggio per i Mondiali di calcio per la prima volta da tanti anni. «Vero. Abbiamo tuttavia già delle richieste di singoli esercenti per posizionare la tv su suolo pubblico all’esterno del locale, a uso dello stesso». Non una goleada, ma meglio di nulla.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
59 min
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
59 min
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
9 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
9 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
9 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
11 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
11 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
11 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
12 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
12 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved