laRegione
laR
 
22.09.22 - 05:30
Aggiornamento: 20:05

Medie, scatta la perizia psichiatrica sul direttore arrestato

E anche il Ps invoca la massima chiarezza sulla vicenda: ‘Amministrazione e Dipartimento facciano tutti gli approfondimenti necessari e in tempi celeri’

medie-scatta-la-perizia-psichiatrica-sul-direttore-arrestato
Ti-Press
Il 39enne è in detenzione preventiva alla Farera

Scatta la perizia psichiatrica sul direttore della scuola media del Luganese finito dietro le sbarre lo scorso 7 settembre con l’accusa di atti sessuali con fanciulli per aver consumato, in due/tre circostanze, rapporti completi con una allieva e per averne palpeggiata (un episodio almeno) una seconda. L’ha disposta nelle scorse ore, come è del resto prassi nei procedimenti penali per reati sessuali, il procuratore pubblico Roberto Ruggeri, titolare della delicata inchiesta. L’indagine prosegue e non sono da escludere importanti sviluppi. È un caso che fa parecchio discutere, che solleva non pochi quesiti e che sta assumendo anche una significativa dimensione politica. In Gran Consiglio sono infatti tre, al momento, gli atti parlamentari pendenti.

La vicecapogruppo socialista: ‘Totale solidarietà alle vittime’

Martedì su questa brutta, bruttissima storia che coinvolge in qualità di imputato il 39enne docente/direttore sono intervenuti il Centro/Ppd, la Lega, il Plr e l’Mps: tramite delle interpellanze, pongono numerose domande al Consiglio di Stato, affinché sia fatta la massima chiarezza. E sollecita massima chiarezza anche il Ps, con una presa di posizione che affida alla vicecapogruppo in Gran Consiglio e già presidente del partito Anna Biscossa. «Da un lato esprimiamo totale e ferma solidarietà alle vittime, dall’altro esigiamo l’assoluta chiarezza su questa vicenda, anche per evitare situazioni come quella riconducibile all’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità – dice Biscossa alla ‘Regione’ –. La giustizia farà quindi il suo corso, ma anche l’Amministrazione cantonale, e in particolare il Dipartimento educazione cultura e sport, dovranno fare, in tempi celeri, tutti gli approfondimenti che si impongono per garantire quella chiarezza che tutti si aspettano». Aggiunge Biscossa: «Chiediamo anche – ed è un aspetto importante – l’assoluta salvaguardia e il rispetto della dignità delle vittime e della loro sfera privata, a maggior ragione in un paese piccolo come il nostro».

‘L’istituzione scuola deve fare di più’

Non è tutto. «Essendo stata direttrice di una scuola e docente per quarant’anni, credo che oggi – sostiene Anna Biscossa – l’istituzione scuola, anche se offre già tanti servizi, debba fare di più. In particolare ci vogliono più formazione e più accompagnamento qualificato. Per i docenti, per gli allievi e anche per i genitori qualora lo richiedano. Perché anche un solo caso è un caso di troppo. Non possiamo permettere che succedano casi come questo, nel mondo della scuola come in altri settori. E per far sì che queste situazioni non si verifichino, occorre compiere un passo in più, per captare i primi segnali e correre ai ripari in tempo utile».

Il Decs incontrerà i genitori

Tra i numerosi interrogativi ancora senza risposta, c’è la carriera lampo del direttore, designato prima vicedirettore, poi responsabile di sede dopo ‘solo’ quattro anni di docenza. Secondo nostre informazioni, la sua nomina sarebbe stata sostenuta dall’ex direttore, con il quale non è stato possibile parlare nonostante vari tentativi di raggiungerlo telefonicamente. Nel frattempo il Dipartimento educazione cultura e sport ha deciso di incontrare le famiglie con figli che frequentano e hanno frequentato la sede scolastica diretta dal 39enne sino al giorno del suo arresto. Lo ha riferito ‘Ticinonews.ch’. Secondo il portale, l’incontro avverrà nel corso della prossima settimana. Ai genitori verranno illustrati, tra l’altro, gli aspetti legati alla nuova conduzione dell’istituto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
36 min
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
58 min
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
1 ora
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
2 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
2 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
5 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
6 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
© Regiopress, All rights reserved