laRegione
18.09.22 - 15:41
Aggiornamento: 17:24

Villa Costanza, da rifugio del conte a parco urbano di pregio

Un nebulizzatore, delle aiuole rialzate e... una volpe nel rinnovato spazio verde di Viganello

di Luca Marzullo
villa-costanza-da-rifugio-del-conte-a-parco-urbano-di-pregio
Ti-Press/D.Agosta

«Abbiamo raggiunto un risultato eccellente». Con questa frase di gioia – pronunciata dopo le note di bella Lugano suonate dall’OML, l’Orchestra mandolinistica di Lugano – si è aperta sabato la cerimonia di inaugurazione del parco di Villa Costanza a Viganello, in un’assolata e ventosa mattinata settembrina.

«La pandemia ci ha fatto capire quanto possano rivelarsi importanti le aree verdi per la comunità, l’avere uno spazio che consenta di trascorrere del tempo all’aria aperta in un luogo che sia anche bello» spiega la municipale Karin Valenzano Rossi del Dicastero sicurezza e responsabile degli spazi urbani. All’interno del parco sono stati mantenuti vari alberi secolari e la superficie dell’area arborea è stata aumentata al fine di aumentare la biodiversità cittadina. «Una pianta centenaria in una città è cultura, è vita politica, è parte dell’identità del luogo in cui sorge» ha aggiunto Michele Amadò presidente della commissione di quartiere di Viganello.

Carbonaro in fuga

Valenzano Rossi ha poi ricordato l’origine del nome di Villa Costanza e la storia di chi la fece costruire. Oggi si ha la tendenza ad associare il nome della Villa a una presenza femminile, ipotizzando maliziosamente l’esistenza di qualche amante del conte Giovanni Grillanzoni di Reggio Emilia (fedele invece alla moglie Valentina, con la quale amava passeggiare negli oltre 5’000 metri quadri di giardini della villa). In realtà questo appellativo si riferisce alla virtù della costanza. In particolare, alla tenacia e alla forza di lottare per i propri ideali, la costanza appunto, che permette di mantenere la propria integrità intellettuale anche se oppressi. Il conte venne infatti processato per essere un carbonaro, per aver cioè fomentato e organizzato moti contro l’Impero austriaco, che a quel tempo deteneva il potere. Nel pieno del tumulto del Risorgimento italiano, essendo arrivato a rischiare la propria vita per la costanza dimostrata nella difesa delle proprie idee; il conte Grillanzoni dovette rifugiarsi in Svizzera, dove fece appunto costruire questa splendida villa. Valenzano Rossi ha poi ricordato come «la presenza di simili personaggi nella storia di Lugano, così integri e caparbi, rappresenta oggi un onore per la città».

Del Comune dal 1974

Infine, la municipale ha specificato come «è assolutamente necessario riconoscere la lungimiranza del Municipio di Viganello, che il 26 novembre 1974 acquistò lo stabile» e come «oggi risulta importante destinare risorse alla creazione di spazi analoghi a questo, poiché si tratta di investimenti per il benessere della popolazione e delle generazioni future».

La futura rete naturale

«Uno degli obiettivi del futuro» ha aggiunto Michele Amadò, «è la realizzazione di un collegamento con il parco delle scuole elementari di Viganello e, quando sarà possibile, anche con il parco Viarno di Pregassona. Questo al fine di riuscire a creare un percorso che si snodi in una serie di aree verdi che permetta alla popolazione di fruire di soste piacevoli che possano, nella canicola estiva, offrire un po’ di sollievo dal clima torrido».

«Senza le persone non ci sarebbe il parco» hanno aggiunto gli architetti paesaggisti Federico De Molfetta e Hope Strode. «In virtù di ciò, è assolutamente necessario che il parco diventi un luogo di aggregazione della popolazione, in cui possa svilupparsi e crescere un sentimento identitario». Al giardino storico, i due architetti hanno apportato alcune modifiche volte a migliorare.

Dentro una nuvola

Lo spazio, come un’area bambini e la «piazzetta delle nuvole»: un’area in cui sono stati posizionati dei nebulizzatori. Questi, da un lato durante l’estate hanno offerto un po’ di frescura e sollievo a chi è accorso al parco per sfuggire alla canicola che imperversava in città, dall’altro divertono i bambini, che li hanno resi un gioco. A questi spazi si sommano una serie di aiuole rialzate (onde evitare il mal di schiena ai cittadini di Viganello) adibite alla coltivazione. Di grande bellezza anche la fontana, ampliata rispetto all’originale, realizzata in collaborazione con la Fondazione Diamante di Riva San Vitale.

Viganello si trova dunque impreziosita di uno spazio verde destinato ai cittadini, ai quali si aggiunge anche un simpatico abitante del parco, una volpe, che vi ha ricavato la propria tana e che non se ne è andata nemmeno durante i lavori di ampliamento, probabilmente proprio in virtù della bellezza di questo luogo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
2 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
9 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
11 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
12 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
15 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
16 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
18 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
22 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
© Regiopress, All rights reserved