laRegione
08.09.22 - 13:41
Aggiornamento: 19:07

‘Dieci minuti e sarebbe stata una catastrofe’

Anche il sindaco di Manno Giorgio Rossi al fronte del forte temporale abbattutosi sul Malcantone. In corso una riunione di crisi

dieci-minuti-e-sarebbe-stata-una-catastrofe
Il giorno dopo...
+6

Dieci minuti. Dieci minuti in più e l’esito del fortissimo temporale abbattutosi nella notte sul Malcantone avrebbe potuto essere ben peggiore. Fortunatamente in quella manciata di minuti Giove pluvio ha permesso che le nubi rientrassero nei ranghi e gli abitanti tirassero un sospiro quantomeno di sollievo. Certo, c’è poco da stare allegri, stamattina chi ha potuto dormire si è risvegliato con uno scenario spettrale. Fango, sassi, legni ovunque, e tanta tanta tanta acqua.

Una pioggia battente, infatti, ha fatto esondare il riale Vallone: «Il torrente ha cominciato a fuoriuscire verso le 23, ma non ci si è accorti subito – ci spiega il sindaco di Manno, Giorgio Rossi, fra gli sfollati di ieri, a sera inoltrata, in particolar modo su via Mondadiscio –. Personalmente sono uscito di casa, prendendo così atto di quello che stava succedendo, perché attirato alla finestra dalle luci della polizia. La strada stava cominciando ad allagarsi e una parte del muretto che circonda la mia casa era stato portato via dalla furia dell’acqua. Poco dopo abbiamo vissuto una breve pausa di maltempo, ma dall’una in poi è successo il finimondo!».

Maltempo: ‘Grave il doppio se non il triplo di un mese fa!’

Giù pioggia, allagate diverse strade, come anche la cantonale, tanto che alle 2 e mezza le forze d’intervento si sono dovute occupare dell’evacuazione di diverse persone: «Purtroppo il maltempo ha compromesso anche l’agibilità di alcune ditte del piano, non poche quelle che hanno subito gravi danni, fra cui la ex Ambrosetti e la Migrol. Già il 7 agosto vi erano stati casi di allagamento e alcune ditte avevano chiuso per lavori di pulizia e ripristino, e avrebbero dovuto riaprire proprio in questi giorni. Stanotte però è stato grave il doppio se non il triplo di un mese fa!».

Amministrazione comunale di Manno, polizia, pompieri, geologo cantonale e Protezione civile hanno già avuto fra la notte e questa mattina due riunioni di crisi mentre la terza è stata fissata alle 13.30 così da avere in chiaro l’attuale stato di pericolo: «Probabilmente – ci fa sapere ancora il sindaco – il brutto dovrebbe essere in parte rientrato, del resto le case meno colpite, fra cui la mia, hanno già avuto il permesso di rientrare. Va detto che le evacuazioni sono state necessarie non tanto per il pericolo di ulteriori smottamenti ma per favorire le opere di trasporto del materiale esondato. Una cosa è certa: se le precipitazioni fossero continuate per altri dieci minuti sarebbe stata una catastrofe».

Molti i detriti depositati lungo le vie e traffico fortemente congestionato un po’ tutta la mattina, in particolar modo fra Manno, Bioggio, Magliaso, fino a Ponte Tresa e Lugano. «In 52 anni che vivo a Manno – ci dice Rossi – non mi è mai capitato di assistere a un evento simile! Pensi che attraverso il Consorzio manutenzione arginature del Basso Vedeggio proprio quest’estate, il 12 luglio e successivamente ai fatti del 7 agosto, ci si era impegnati a ripulire l’intero alveo del riale, tanto che a fine agosto tutto risultava in ottimo stato. I detriti devono dunque essere stati trasportati dall’alto del torrente, poi franati a causa della violenta pioggia. C’è da dire peraltro che se ad agosto avevamo avuto soprattutto tronchi e rami, adesso riversati sulle strade sono stati soprattutto terra e sassi. Un disastro!».

Leggi anche:

Nel Malcantone fango e acqua affossano traffico e mezzi pubblici

Il Malcantone flagellato dal maltempo, frana ad Agno

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
30 min
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
53 min
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
1 ora
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
1 ora
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
1 ora
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
8 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
10 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
13 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
14 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
19 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
© Regiopress, All rights reserved