laRegione
laR
 
14.09.22 - 21:11
Aggiornamento: 22:12

Violenza giovanile, esteso il Progetto Foce a Lugano

Mai allertata la polizia: visto il buon riscontro dell’iniziativa peer to peer durante l’estate, il Municipio ha deciso di estenderla e (forse) riproporla

violenza-giovanile-esteso-il-progetto-foce-a-lugano
Ti-Press
Un’estate senza grossi problemi. Nel riquadro, la casetta del Progetto Foce

L’esperimento è ritenuto riuscito. Al punto che l’iniziativa è già stata estesa per il mese di settembre e ci sono concrete possibilità che venga riproposta l’anno prossimo e, forse e in maniera un po’ differenziata, durante l’imminente stagione fredda. Bilancio positivo dunque per il Progetto Foce, avviato dalla Città di Lugano in collaborazione con alcune associazioni lo scorso aprile con l’intento di prevenire la violenza giovanile e altre forme di disagio legate alla movida, nel luogo ormai per antonomasia di maggior ritrovo delle estati luganesi, la Foce del Cassarate appunto.

‘Mai allertata la polizia’

«Sì, è andata bene – ci conferma il capodicastero Socialità Lorenzo Quadri –, la presenza degli operatori è stata ben accolta e, man mano che la stagione proseguiva, è stata riscontrata un’affluenza sempre più importante allo stand». Gli operatori in questione sono dei giovani, sui 20-25 anni: delle figure alla pari dei frequentatori della Foce. Peer to peer, ma formati. Quattordici studenti in Lavoro sociale della Supsi, o appena diplomati, con il compito di interagire con i giovani allo scopo fare prevenzione e, nei casi più ‘caldi’, evitare che eventuali conflitti escalino. Tuttavia, questa torrida estate si è rivelata meno calda del temuto dal profilo della violenza giovanile, quantomeno alla Foce. «Non c’è stata alcuna occasione nella quale gli operatori siano dovuti intervenire per sedare una rissa, né tantomeno hanno mai dovuto allertare la polizia. In generale, non è mai stato necessario neanche l’intervento della Securitas, almeno per quanto riguarda il nostro stand».

‘Tanta prevenzione’

Le ragioni potrebbero essere tante: una prima, e ipotetica, timida inversione di rotta della tendenza che durante la pandemia e in generale negli scorsi anni ha visto sempre più casi di violenza giovanile; altri luoghi di ritrovo per le ‘teste calde’; la prevenzione peer to peer – una presenza informale, distante da quella rappresentata dall’autorità – ha colto nel segno. Quali che siano i motivi di quest’estate più calma, il progetto è considerato un successo. Non si sono quindi fortunatamente riviste scene come quelle accadute nell’agosto e nel marzo del 2021, quando rispettivamente una lite fra ventenni è sfociata in un’aggressione e un party illegale (si era ancora al tempo delle restrizioni Covid) è degenerato in due risse fra giovani prima e in un attacco a suon di bottiglie contro la polizia poi. Ma se non c’è mai stata la necessità di allarmare le forze dell’ordine, che cosa hanno dunque fatto questi operatori? «Tanta prevenzione».

‘Acqua, frutta, posacenere, preservativi’

«Questo era anche l’intento iniziale del progetto: non imporre una presenza poliziesca, ma piuttosto di dialogo e prevenzione garantendo comunque un presidio. Già la loro sola presenza si è dimostrata un deterrente importante» conclude Quadri. Tra i punti di forza del progetto, la flessibilità: sono cambiati gli orari (passando da una presenza fra le 20 e le 24 a una fra le 20.30 e le 24.40, per coprire meglio il grosso dell’affluenza), quello che inizialmente era un gazebo è diventato col tempo una casetta vera e propria, molto riconoscibile. «Al punto che è diventata un punto di riferimento anche per un certo numero di adulti – sottolinea il municipale –: passano a chiedere informazioni o raccogliere materiale per i figli». Oltre alla documentazione del Servizio di prossimità della Città, allo stand è infatti possibile informarsi su un gran numero di tematiche inerenti ai giovani, dato che nel progetto sono coinvolti anche Radix, Incurf (Insieme contro l’uso ricreativo di farmaci) e danno.ch. E poi, tanto altro: «Alla casetta è stata distribuita acqua e frutta, visto il gran caldo di quest’estate, ma anche portacenere, preservativi».

In inverno? ‘Forse itinerante’

Il Progetto Foce si è rivelato dunque un buon test, al punto che è già stato esteso per tutto il mese di settembre fino alla Festa d’Autunno. E poi? «È previsto un incontro con il gruppo interdivisionale (che coinvolge, oltre alla Divisione socialità, il Dicastero eventi e congressi e la Polizia comunale, ndr) per fare il punto e capire in futuro cosa fare. Prepareranno un rapporto che verso fine mese dovrebbe arrivare in Municipio. Penso però che ci siano tutti gli elementi per riproporlo l’anno prossimo». E per la stagione fredda? «Già nelle ultime settimane l’affluenza dei giovani si è ridotta. Per ottobre si potrebbe pensare a una presenza due sabati al mese. Per i mesi invernali-primaverili potrebbe essere interessante rendere il progetto più itinerante. Sono aspetti che valuteremo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
4 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
6 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
6 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
8 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
10 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
12 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved