laRegione
02.09.22 - 18:51

Violenze alla moglie e alle figlie: a processo un 39enne

Un uomo domiciliato del Luganese avrebbe picchiato figlie e moglie, violentando anche quest’ultima e costringendola a vivere quasi segregata. Ma lui nega

violenze-alla-moglie-e-alle-figlie-a-processo-un-39enne
Ti-Press
A breve in aula

Violenze sessuali e fisiche, nonché minacce e una sorta di segregazione in casa, nei confronti della moglie. E poi anche violenze fisiche e psicologiche nei confronti delle figlie. Sono pesanti le accuse mosse nei confronti di un 39enne kosovaro domiciliato nel Luganese, che presto comparirà di fronte al Tribunale penale cantonale per essere giudicato da una Corte presieduta da Amos Pagnamenta. Lo anticipa la Rsi.

La vittima principale sarebbe la moglie, che sarebbe stata ripetutamente violentata a suon di minacce, spesso precedute da sberle, pugni, calci e lanci di oggetti. Per anni, inoltre, l’uomo l’avrebbe tenuta semisegregata in casa, chiudendola a chiave in sua assenza per esempio o facendola seguire dalla suocera quando usciva. Oltretutto, le avrebbe vietato di andare dal ginecologo fino alla ventesima settimana, precludendole la possibilità di scegliere se abortire o meno.

Ma non solo. L’uomo, difeso dall’avvocato Yasar Ravi, in più circostanze avrebbe picchiato con pugni, pizzicotti, schiaffi e sculacciate le due figlie. Il tutto in un silenzio imposto, ancora una volta, con pesanti minacce. Anche di morte. La procuratrice pubblica Pamela Pedretti ipotizza per lui i reati di violenza carnale, sequestro di persona, coazione, lesioni semplici e violazione del dovere di assistenza o educazione e chiederà una pena compresa tra i due e i cinque anni di carcere. L’imputato, d’altra parte, respinge però ogni addebito. Il processo sarà dunque indiziario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
31 min
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
3 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
3 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
9 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
10 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
12 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
13 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
13 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
14 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
14 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
© Regiopress, All rights reserved