laRegione
01.09.22 - 18:36
Aggiornamento: 18:52

Accoltellamento Manor: ‘È tentato omicidio non assassinio’

I difensori della 29enne ritengono che il 24 novembre 2020 non ci sia stata premeditazione ma che sia stato un atto di violenza improvviso e improvvisato

accoltellamento-manor-e-tentato-omicidio-non-assassinio
Ti-Press
La sentenza è attesa il 19 settembre

Ripetuto tentato omicidio intenzionale e non tentato assassinio. E nessun legame reale con jihadisti: proscioglimento pertanto dal reato di violazione della Legge federale che vieta i gruppi al-Qaida e Stato Islamico, nonché organizzazioni associate. Questa, in sunto, la lunga arringa degli avvocati Daniele Iuliucci e Simone Creazzo, che oggi alla terza giornata processuale al Tribunale penale federale di Bellinzona per il duplice accoltellamento alla Manor di Lugano del 24 novembre 2020 hanno chiesto una pena nettamente minore rispetto ai quattordici anni chiesti dalla procuratrice federale Elisabetta Tizzoni: otto anni.

‘Atto di violenza improvviso e improvvisato’

«Non c’è stata alcuna premeditazione – ha detto Iuliucci –. Questa è negata dallo shopping mattutino svolto dall’imputata prima dei fatti. Nemmeno luogo e ora scelti, nonostante quanto da lei detto, possono sostenere la tesi della premeditazione in quanto non trovano riscontro nei fatti: al momento dell’aggressione c’erano al quinto piano della Manor solo sei persone. Ce n’erano molte di più fuori, in piazza, dove un elicottero stava trasportando l’albero di Natale. Persino il coltello scelto non era il più adatto a uccidere». Oltre alla premeditazione, la difesa contesta anche la brutalità e la perversione dell’atto: «L’uso di un coltello e il fatto di averla colpita 4-5 volte non costituisce un agire particolarmente brutale – per il legale –. E non si riscontra una particolare freddezza, anzi: si è trattato di un’azione caotica, indice se caso del contrario. Infine, le lesioni: non hanno, fortunatamente, messo in pericolo la vita delle vittime. Ai sensi del Codice penale, non sono da quantificare nemmeno come lesioni gravi. In generale, l’imputata non si è in alcun modo preparata, ma è stato un atto di violenza improvviso e improvvisato».

‘Non c’è stato alcun atto terroristico’

Un atto di violenza dettato dunque da cosa? Dai problemi mentali della donna. «Definirlo atto terroristico, è un errore. È stato il gesto di una folle persona con gravi problematiche psichiatriche». Concordando con le conclusioni delle perizie, ma criticando in parte quella del dottor Carlo Calanchini che sostiene ci sia stata premeditazione, la difesa ha evidenziato che la 29enne ha agito in un contesto alterato dalla psicosi. «In lei convivono la donna ingenua e buona e la jihadista spietata. Quest’ultima però vive in un mondo inventato e fantasioso, frutto di una vita fatta di solitudine, isolamento, sottomissione, bullismo e umiliazione. Questa è stata la reale motivazione del suo gesto di violenza. Non c’è stato alcun atto terroristico» ha detto Creazzo.

‘Nessuno l’ha sentita urlare Allah U Akbar’

A causa dei suoi legami fantasiosi con il jihadismo, tra i quali una relazione sentimentale inventata, secondo la difesa, con un terrorista, Iuliucci e Creazzo la ritengono incapace di discernimento. Pertanto, mentre il Ministero pubblico della Confederazione l’ha definita una radicalizzata, un lupo solitario, per la difesa «i riscontri oggettivi non dimostrano nulla di tutto ciò, se non che ha agito da sola e che non fa parte di gruppi terroristici. Al contrario, sappiamo dalle dichiarazioni dei familiari che è un po’ ingenua e sciocca e che non parla mai di religione, non prega, va in chiesa con la madre e partecipa alle grigliate di famiglia dove si mangia carne di maiale». «Più che le dichiarazioni confuse della donna – sostengono infatti gli avvocati – bisogna tenere maggiormente in considerazione le testimonianze più credibili: dei presenti e del fidanzato della vittima. E nessuno di loro ha parlato in un primo momento di legami con il terrorismo. Nessuno l’ha sentita parlare di Allah U Akbar, né che avrebbe voluto vendicare il profeta Maometto. Nessuno riferisce di essere andato nel panico, diversi hanno pensato a una lite fra donne». Nessuno tranne la prima vittima, che riferisce di aver sentito Allah U Akbar una volta. Un falso ricordo, a causa del sensazionalismo mediatico, tuttavia secondo la difesa.

Il non luogo a procedere del 2017

La difesa contesta anche l’estensione dell’atto d’accusa al sostegno all’Isis: non vi sarebbe alcuna prova delle transazioni finanziarie in Siria. E se anche la 29enne avesse inviato soldi ai propri contatti, questi, ha ricordato Iuliucci, sono un giovane estraneo al terrorismo e un account inattivo col quale non era in realtà in contatto. «Nel 2017 era stato pronunciato un non luogo a procedere – ha ricordato –, in quanto giudicata incapace di valutare la sua decisione di intraprendere quel viaggio in Siria, a causa della sua malattia». I gravi limiti mentali dell’imputata non le permetterebbero inoltre di valutare un reato di carattere ideologico quale è quello legato al terrorismo. «La responsabilità penale richiede che avesse la consapevolezza di sostenere un’organizzazione terroristica, mentre ricordiamo che l’imputata è invalida al 100% per motivi psichiatrici».

La pena? ‘Oltre Gottardo’

Non avendo a che fare con una reale jihadista, «particolare attenzione dovrà essere individuata nella cura e nella risocializzazione dell’imputata». Sottolineando anche che se restasse in Ticino sarebbe costretta a scontare la pena alla Farera, che notoriamente ha condizioni di detenzione più dure, dato che alla Stampa non esiste una sezione femminile del carcere, la difesa ha quindi chiesto che la pena con trattamento stazionario chiuso venga espiata Oltre Gottardo, o al carcere per detenuti psichici pericolosi Curabilis del Canton Ginevra o al carcere femminile di Hindelbank del Canton Berna. Così come prospettato da Canuto. «Non è una persona malvagia. Non si deve buttare via la chiave della cella ma trovare una soluzione adeguata».

Domani è attesa la replica della procuratrice federale Tizzoni, mentre la sentenza verrà pronunciata il 19 settembre.

Leggi anche:

Accoltellamento alla Manor, chiesti quattordici anni

La difesa: l’accoltellatrice ‘chattava con un account fantasma’

‘Non solo non è jihadista, ma forse neanche musulmana’

‘La vittima dell’accoltellatrice è diventata una sopravvissuta’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 min
Parte il treno rossoverde, ‘Sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’.
Bellinzonese
1 ora
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
3 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
3 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
9 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
14 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
14 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
21 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
21 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
23 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
© Regiopress, All rights reserved