laRegione
01.09.22 - 14:15

La difesa: l’accoltellatrice ‘chattava con un account fantasma’

In corso al Tpf l’arringa difensiva, che smonta i presunti contatti jihadisti: uno non esisterebbe e l’altro sarebbe un ragazzo interessato a foto di nudo

la-difesa-l-accoltellatrice-chattava-con-un-account-fantasma
Ti-Press
Oggi è la giornata di requisitoria e arringa

Nessun contatto con terroristi islamici, ma il frutto delle problematiche mentali della 29enne. Colpo di scena al processo per il duplice accoltellamento della Manor di Lugano in corso al Tribunale penale federale di Bellinzona: Daniele Iuliucci, difensore dell’imputata, sta smontando uno dei principali elementi dei legami fra la donna e il jihadismo. «Agli atti non vi è la benché minima traccia di un solo contatto con jihadisti». Anzi, dei due uomini, siriani legati allo Stato Islamico, coi quali l’imputata ha dichiarato di aver interagito, uno sarebbe un giovane siriano senza alcun legame col terrorismo e un altro... un account inattivo da anni.

‘Un ragazzo più interessato alle foto di nudo’

«Grazie alla rogatoria inviata negli Stati Uniti, si è risalito alle conversazioni – ha spiegato Iuliucci durante l’arringa –, e si è dimostrato che aveva contatti solo con un ragazzo siriano che non è un terrorista ma era interessato più che altro a ricevere foto di nudo dell’imputata. Dei 2’500 messaggi scambiati, la maggioranza sono emoticon e immagini che nulla hanno a che vedere con il terrorismo. In nessuno di questi ha parlato del presunto attentato di Lugano né ha ricevuto alcuna benedizione. L’interlocutore oltretutto le ha detto di non avere nessuna simpatia per l’Isis, anzi dichiara chiaramente di non essere un terrorista. Questo fa capire quanto viva in un mondo di fantasia».

‘Una bugiarda, mitomane, delirante’

Ancora peggio con l’altro contatto, l’uomo del quale la 29enne ha detto di essersi innamorata e che ha cercato di raggiungere in Siria per sposarsi. «L’account Facebook di questa persona non è aggiornato dal 2016. L’imputata gli ha inviato solo quattordici messaggi nel 2019, senza alcun contenuto sensibile. E nessuna risposta da parte del medesimo. Con lui non c’è traccia di alcuna chiamata. In altre parole, conversava con un account inattivo: un fantasma. Era ossessionata da un personaggio di fantasia, diversi suoi account lo testimoniano. Sono allucinazioni, deliri schizofrenici». Per Iuliucci la sua assistita è dunque una «bugiarda, mitomane, delirante» e anche il presunto invio di denaro – i 18’000 franchi inviati in Siria, dichiarati dalla 29enne – sarebbe «un’enorme bugia: non c’è alcuna evidenza delle transazioni».

Leggi anche:

Accoltellamento alla Manor, chiesti quattordici anni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
2 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
2 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
3 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
5 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
9 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
9 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
12 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
12 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
© Regiopress, All rights reserved