laRegione
31.08.22 - 18:05
Aggiornamento: 01.09.22 - 14:47

Palestra e cattiva gestione, l’accusa chiede due condanne

Reati societari: proposti 18 mesi sospesi per l’imprenditore e 6 mesi sospesi per l’amministratrice. Le difese: vanno assolti. Domani la sentenza

di Guido Grilli
palestra-e-cattiva-gestione-l-accusa-chiede-due-condanne
Ti-Press
Per la pubblica accusa il danno societario è stato di oltre 400mila franchi

Compiti svolti. Il dirigente 62enne della società che gestiva la palestra del Luganese davanti alle Assise correzionali di Lugano per reati societari, incalzato ieri dal giudice Marco Villa a presentare alla Corte il business plan sugli investimenti di 10 milioni per il rinnovo del centro, ha depositato le carte richieste. I lavori sono iniziati nell’aprile 2017 e in novembre dello stesso anno i primi clienti hanno potuto iniziare gli allenamenti, seppure lo stabile fosse agibile solo parzialmente – ha spiegato l’imprenditore – che ha indicato nell’agosto-settembre 2018 l’inaugurazione vera e propria, precisando che l’investimento iniziale era di 8 milioni.

‘Senza più liquidità? La situazione era perfettamente sotto controllo’

Il giudice Marco Villa, durante l’interrogatorio, ha chiesto all’imputato: «Ma come ha fatto a non accorgersi che già da maggio 2017, dopo pochi mesi, la società era senza liquidità e che aveva già utilizzato tutto il capitale societario e aveva già attestati di carenza beni?». «Non dovevo accorgermi di nulla, dal momento che c’erano i finanziamenti garantiti e non mi risultano attestati di carenza beni. La situazione era perfettamente sotto controllo», ha risposto il 62enne.

L’amministratrice unica – coimputata – ha smentito le affermazioni dell’imprenditore, secondo cui il 62enne le avrebbe proposto di ricoprire la carica societaria per offrirle un’opportunità professionale. «Purtroppo ho accettato, ma mai mi sarei immaginata di ritrovarmi in una situazione tale. Io non ho mai voluto lavorare per lui», ha dichiarato la donna 37enne. Che ha ribadito: «Non ero a conoscenza di nulla».

Il procuratore pubblico, Daniele Galliano, nella sua requisitoria ha evidenziato come la denuncia penale al Ministero pubblico sia arrivata dall’Istituto delle assicurazioni sociali, dopo aver constatato presunte irregolarità nell’ambito della liquidazione della società anonima che gestisce la palestra, di qui l’inchiesta avviata a carico dell’imprenditore e della amministratrice unica. «Un insufficiente capitale sociale, il capitale – 100mila franchi – volatizzato in appena due mesi; una società già destinata a fallire con un preciso disegno, una società per la quale l’imprenditore ha deciso di non figurare come amministratore unico, dando incarico alla coimputata». Il pp Galliano ha puntato l’indice contro il sovra-indebitamento della società, una società «chiaramente con l’acqua alla gola». È manifesto – ha sottolineato il procuratore pubblico – che de facto a gestire la società era il 62enne italiano, era lui il "deus ex machina", era lui che decideva tutto e non certo l’amministratrice unica 37enne. Per quanto attiene alla donna, imputata pure dei reati societari, il magistrato ha comunque rimproverato di essersi disinteressata della gestione e dell’amministrazione della società anonima: «Poteva almeno controllarla, cosa che non ha fatto, anche se si capisce che nell’accettare di diventare prestanome volesse fare solo un favore al 62enne, ma è stata negligente nei suoi doveri dettati dal codice delle obbligazioni».

Il pp Galliano ha chiesto per il 62enne una condanna per i diversi reati societari, tra cui quello più grave di amministrazione infedele, a 18 mesi di detenzione, posti al beneficio della sospensione per un periodo di prova di tre anni. «Il suo agire ha presupposto una strategia, aveva il preciso intento di far fallire la società anonima, dal punto di vista soggettivo la sua colpa è grave. Il movente? Il guadagno: realizzare il rinnovo della palestra in un minor tempo possibile e con i minori costi. Con un risparmio, a conti fatti, di oltre 400mila franchi». Per la donna, il magistrato ha invece proposto una pena di 6 mesi con la sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni.

Dal banco delle difese l’avvocato Costantino Castelli, patrocinatore del dirigente, ha esordito: «La narrativa proposta dal magistrato non corrisponde ai fatti. Il mio assistito non era un organo della società e non aveva nessun potere di rappresentare la società e questo è un dato oggettivo». «È un serio imprenditore, non un faccendiere dedito a fallimenti», ha proseguito il legale. Ha poi evidenziato Castelli: «Che una società abbia accumulato debiti non presuppone il reato di amministrazione infedele». Infondata, inoltre, a mente del difensore, l’imputazione di cattiva gestione. Respinta dal legale anche la tesi dell’eccedenza di debiti. «Semmai si può parlare di una momentanea mancanza di liquidità». L’avvocato Castelli ha chiesto alla Corte, in conclusione, la piena assoluzione dell’imputato.

Stessa conclusione e richiesta finale quella formulata dall’avvocato Giovanni Molo, in difesa dell’amministratrice unica della società anonima che gestiva la palestra, al termine della sua arringa. «La mia assistita non è una cosiddetta "uomo di paglia" e non appartiene al mondo del commercio, ha assunto l’incarico in situazioni del tutto straordinarie. È vero che ha violato il codice delle obbligazioni, ma questo non significa che abbia compiuto un reato perseguibile penalmente». Ergo, la richiesta di proscioglimento da tutti i reati contenuti nell’atto d’accusa. La sentenza è stata annunciata per domani alle 15.

Leggi anche:

I vertici di una palestra luganese in aula per cattiva gestione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Nuovo svincolo autostradale di Sigirino, via ai lavori nel 2025
Presentati i dettagli del progetto. L’investimento complessivo è di 32,8 milioni, di cui l’80% a carico del Cantone.
Ticino
2 ore
Tre arresti per spaccio di anfetamine
I fermi di tre giovani sono scattati nel corso delle ultime settimane nel Locarnese e Luganese
Ticino
3 ore
Terremoto in Turchia e Siria, il Governo dona 50mila franchi
Il Consiglio di Stato ticinese ha devoluto la somma alla Catena della Solidarietà
Bellinzonese
5 ore
Aeroporto di Ambrì, ‘gestione equilibrata da non sconvolgere’
Pur evidenziando margini di sviluppo, l’ente comunale non ritiene necessario spingere per favorire grossi insediamenti oltre alla Gottardo Arena
Mendrisiotto
5 ore
Palazzine al posto dell’ex grotto Valera, ci si riprova
I promotori immobiliari presentano una variante al progetto, in prima battuta contestato dalle associazioni e bocciato dai servizi cantonali
Luganese
7 ore
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
7 ore
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Ticino
7 ore
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
7 ore
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Centovalli
15 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
© Regiopress, All rights reserved