laRegione
20.08.22 - 11:13
Aggiornamento: 07.09.22 - 18:07

‘Per gestire i grandi problemi, gli Stati devono collaborare’

In occasione del Congresso degli svizzeri all’estero di Lugano, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis mette l’accento sulla democrazia

Ats, a cura di Red.Web
per-gestire-i-grandi-problemi-gli-stati-devono-collaborare
Ti-Press
Il presidente

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha messo la democrazia al centro del suo discorso al Congresso degli svizzeri all’estero di Lugano. Ha sottolineato che dopo una democratizzazione continua, il mondo sta scivolando di nuovo verso l’autocrazia.

"Da diverso tempo, si sentiva che un’epoca di asserita stabilità stava arrivando alla fine", ha detto oggi Cassis, secondo la versione scritta del suo discorso.

"La guerra di aggressione brutale condotta da una potenza che dispone del diritto di verso al Consiglio di sicurezza dell’Onu contro un Paese sovrano in Europa, ha accelerato questo cambiamento d’epoca. Viviamo oggi in un mondo nuovo", ha detto il ministro degli esteri, alludendo all’invasione russa in Ucraina.

A livello internazionale emergono modelli alternativi rispetto a quelli occidentali, ha proseguito Cassis. "Penso soprattutto alla Cina", che conosce uno sviluppo economico senza precedenti, ma non si basa né sulla democrazia né sul mercato liberale.

Minaccia anche interna

In Europa anche le democrazie liberali sono confrontate a una crisi di fiducia. Dalla crisi finanziaria del 2008 le correnti populiste si sono rafforzate e hanno messo a soqquadro il paesaggio dei partiti nazionali. La democrazia e i progressi liberali sono dunque lontani dall’essere garantiti, ha sottolineato il ministro Plr.

La minaccia per la democrazia non è solo esterna ma anche interna. "Forze illiberali sono talvolta disposte a minare le istituzioni democratiche a cui devono il loro mandato e, se necessario, a farle crollare". Secondo il ticinese, non è esagerato parlare di "cambio d’epoca".

Tuttavia, Cassis resta fiducioso ed è "convinto che le democrazie liberali hanno ancora qualche asso nella loro manica nella concorrenza fra sistemi". A volte fanno errori, ma possono anche essere molto efficaci, come hanno mostrato a più riprese.

"Le democrazie liberali in particolare dispongono di meccanismi che permettono di correggere gli sviluppi erronei", ha affermato il presidente della Confederazione. La più grande forza, rimane il dialogo critico con i cittadini.

Democrazia contro autocrazia

I prossimi anni saranno marcati dalla lotta fra democrazie e autocrazie. Il Consiglio federale dovrà tenerne conto nella strategia di politica estera per gli anni dal 2024 al 2027, che verrà adottata l’anno prossimo, ha proseguito Cassis.

"Per gestire i grandi problemi mondiali, tutti gli Stati devono lavorare insieme. Per fare questo, servono un minimo di fiducia e dei costruttori di ponti come la Svizzera", ha detto ancora il ticinese.

Secondo lui, gli svizzeri all’estero giocano un ruolo importante nel rafforzamento della democrazia. Grazie al loro sguardo esterno possono speso portare nuove importanti conoscenze, ha evidenziato Cassis.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
7 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
10 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
11 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
11 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
12 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
13 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
16 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
18 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved