laRegione
16.08.22 - 12:47
Aggiornamento: 15:30

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento

a-casa-di-amici-approfitto-di-una-ragazza-semi-incosciente
Ti-Press

«Ho agito con incoscienza e sono molto pentito per quello che ho fatto. Se solo potessi tornare indietro...». Ammette le sue colpe il giovane sulla ventina condannato questa mattina nell’aula penale di Lugano al termine di un processo con rito abbreviativo come concordato dalle parti. Giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento, sul suo conto la Corte delle assise criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta ha inflitto una pena detentiva di 36 mesi, di cui sei mesi da espiare e i rimanenti trenta sospesi per un periodo di prova di due anni. Considerando la carcerazione preventiva (in totale 30 giorni), a cui è seguita l’esecuzione anticipata della pena (a partire dallo scorso 23 marzo), il giovane – patrocinato dall’avvocato Olivier Ferrari – uscirà presto di prigione: su di lui, gli ha però ricordato il giudice, penderà la spada di Damocle della condizionale.

Conoscendone e sfruttandone lo stato alterato dall’alcol, durante una festa con amici in un’abitazione del Luganese l’imputato ha abusato sessualmente di una coetanea dopo averla raggiunta in bagno. La vittima – ha scritto nell’atto d’accusa la procuratrice pubblica Valentina Tuoni – si trovava in uno stato di semi-incoscienza, e l’imputato non ha desistito malgrado il rifiuto espresso dalla ragazza, la cui testimonianza insieme a quelle delle altre persone presenti alla festa sono risultate decisive per ricostruire i fatti. La Corte non ha ritenuto adempiuto il reato di coazione sessuale, non essendoci la certezza che l’imputato abbia effettivamente spinto la giovane a consumare alcolici per poi approfittarne.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
9 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
11 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
11 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
15 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
17 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
17 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
17 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved