laRegione
rogo-intenzionale-al-white-di-lugano-firmato-l-atto-d-accusa
RescueMedia
Il negozio di abbigliamento dopo il rogo
05.08.22 - 20:03
Aggiornamento: 20:24

Rogo intenzionale al White di Lugano, firmato l’atto d’accusa

Cinque indagati dovranno presentarsi al Tribunale di Lugano per rispondere dei reati di incendio intenzionale in Piazzetta San Carlo e tentata truffa.

Incendio intenzionale e tentata truffa che, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe potuto tradursi in un raggiro a sei zeri. Sono questi i reati principali di cui dovranno rispondere i cinque presunti autori dell’incendio scoppiato al White di Lugano il 12 febbraio dell’anno scorso. L’avvenuta estradizione del presunto autore del rogo – un 50enne campano – ha portato la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo a rinviare a giudizio, dinanzi a una Corte delle assise Criminali di Lugano, le cinque persone ritenute a vario titolo coinvolte. Il Ministero pubblico ha infatti comunicato che "gli accertamenti penali sono giunti a conclusione". Lo scopo dei presunti autori era quello di denunciare l’evento come un incendio accidentale per poi riscattare la polizza assicurativa. A confessare sono stati il commerciante, 43enne, un 34enne e un 47enne. A loro si aggiunge il 50enne campano, l’ultimo a essere arrestato a seguito di un mandato d’accusa internazionale emesso dalla Procuratrice.

Scoperti in poco tempo

Lo scopo degli autori era che l’incendio venisse archiviato dai pompieri di Lugano come un caso accidentale o scatenatosi per un sospetto cortocircuito. In questo modo, chi lo ha causato avrebbe potuto ottenere, dalla compagnia assicurativa, forse l’equivalente della merce presente all’interno del White portandosi a casa un bel malloppo. Ma i piani non sono andati come sperato. Sono infatti subito sorti i sospetti che l’incendio fosse intenzionale. Di fondamentale importanza per gli inquirenti è stato il sistema di videosorveglianza presente in centro città, come le videocamere private dei vicini commerci che confinano con il negozio di abbigliamento. Dalle immagini, come emerso durante l’inchiesta, si nota l’esecutore materiale del rogo: il 50enne campano in seguito identificato e arrestato dopo la fuga in Italia. Il mandatario, il commerciante del Luganese, gli chiese di disfarsi dei vestiti che si trovavano nel negozio, lasciandogli decidere in che modo farlo. Il 44enne gli ventilò così la possibilità di incendiare la merce. Detto, fatto. L’uomo appiccò il rogo con la classica azione delle taniche di benzina incendiate con l’accendino, bruciando senza ritegno i vestiti di marca che erano assicurati. Ad aggravare le responsabilità dell’ideatore del rogo, il fatto che il negozio era in perfetta salute finanziaria e che dunque lo scopo era unicamente quello di arricchirsi indebitamente. Il campano ha poi ammesso di aver tentato, complice del noto commerciante del Luganese, di truffare l’assicurazione per riscattare i soldi della polizza dalla copertura milionaria. E così il rogo, che avrebbe dovuto limitarsi agli indumenti di marca, si estese all’interno dell’Emporio. Infatti, vi furono anche danneggiamenti, altrettanto deliberati, al Cashmere Square di Via Nassa: un altro negozio di abbigliamento, anch’esso riconducibile alla stessa società.

Non solo danni al White

Rispetto all’episodio del White, quanto accaduto al Cashmere è precedente. Si parla dell’estate del 2020. Da nostre informazioni, all’origine dei danneggiamenti vi sarebbe una contesa con la proprietà a causa di pigioni scoperte. Tensioni sfociate, sembrerebbe, in uno sfratto. Da lì a breve, i vandalismi. E come già nel caso del White, ci sarebbe il coinvolgimento di chi il negozio lo gestiva. Nello specifico, ad ammettere sostanzialmente le proprie responsabilità, sarebbe stato il figlio del noto commerciante. L’avvocato Pascal Frischkopf, legale della proprietà dello stabile che ospitava il negozio, da noi contattato nel novembre scorso, ci ha confermato che a causa dell’accaduto è aperto un contenzioso civile da diverse decine di migliaia di franchi, fra affitti non pagati e danni, che la proprietà chiede agli ex inquilini. Importi che tuttavia, secondo nostre informazioni, la controparte contesterebbe parzialmente. Anche i danneggiamenti al Cashmere Square sono oggetto dell’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. È possibile che un’ulteriore ipotesi di reato si aggiunga all’atto d’accusa, qualora siano valutate delle responsabilità penali nei danneggiamenti al Cashmere.

Leggi anche:

Ha confessato l'amministratore unico del White

Rogo intenzionale al White di Lugano, verso un maxi processo

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
incendio intenzionale tentata truffa white
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
3 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
6 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
8 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
11 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
20 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
22 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
22 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
23 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
23 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
© Regiopress, All rights reserved