laRegione
laR
 
23.07.22 - 05:15

Si apre la Porta Ovest di accesso a Massagno e Lugano

Presentato dal Cantone alla delegazione delle autorità il progetto definitivo che ora passa in consultazione nei cinque Comuni

si-apre-la-porta-ovest-di-accesso-a-massagno-e-lugano
Ti-Press/Archivio
Una veduta notturna sull’incrocio fra via Lepori e via San Gottardo

Passo avanti nella tormentata viabilità luganese. Nei giorni scorsi, il Cantone ha presentato alla delegazione delle autorità il progetto definitivo della Porta Ovest, che sostanzialmente ricalca la progettazione di massima definita nel 2017. Stiamo parlando della riorganizzazione viaria di accesso all’area urbana. Si tratta di uno di tasselli del mosaico di interventi previsti dal Piano di agglomerato del bilancio dei dieci anni del tunnel a nord di Lugano. Un’opera attesa dai cinque Comuni coinvolti da alcuni anni. In primis Massagno, ma anche Lugano, Savosa, Vezia e Cadempino. La progettazione definitiva passa ora in consultazione nei cinque enti locali.

Cambierà la circolazione delle bretelle della A2

In estrema sintesi, il progetto di massima di Porta Ovest prevedeva la circolazione a doppio senso sulle ‘bretelle’ autostradali dalla rotatoria Lugano Nord agli incroci Cappella delle Due Mani e Cinque Vie, e conduce all’introduzione di una nuova intersezione semaforizzata alla confluenza delle bretelle (lato Piano del Vedeggio), per consentire la regolazione del traffico in vista della connessione con la viabilità di ordine superiore (rotatoria Lugano Nord). È stato stimato in 49 milioni di franchi il costo dell’opera, che contempla pure una nuova rotatoria in zona Valgersa, per garantire tutti i movimenti necessari tra la bretella, la zona "Atlantide/Liceo" e la via San Gottardo, lo smantellamento della rampa autostradale in corrispondenza dell’intersezione via Camara/via San Gottardo e la conseguente liberazione di spazio pubblico nella zona sportiva Atlantide e l’eliminazione della bretella da via Camara verso la Cappella delle Due Mani, con un importante recupero di terreno agricolo nel "polmone verde" di Povrò. Questa riorganizzazione consentirebbe di realizzare nuovi collegamenti ciclopedonali fra il Piano del Vedeggio e i quartieri di Massagno e Breganzona/Besso.

L’opera sblocca la Cappella delle Due Mani

Filippo Lombardi, dicastero Sviluppo territoriale di Lugano si dice soddisfatto di questo passo avanti, anche se si è giunti all’incontro solo dopo alcuni anni: «All’interno della delegazione delle autorità è emersa la volontà comune di accelerare. Ritengo che il cittadino abbia diritto di ricevere risposte in tempi ragionevoli». Dal canto suo, anche il sindaco di Massagno Giovanni Bruschetti non nasconde la propria soddisfazione, visto che questo progetto serve da supporto a quanto il Comune della cintura ha immaginato da qualche tempo. L’auspicio del sindaco è che si possa concretizzare a breve, visto che la Porta Ovest interessa la nuova visione del comparto Cappella delle Due Mani e della via Lepori che verrebbe trasformata in strada residenziale con tanto di arredo urbano.

Il riassetto viario aprirebbe nuove opportunità, nell’ambito di una rivalutazione urbanistica e ambientale di competenza comunale, che il Municipio di Massagno vorrebbe estendere anche all’area della Cappella delle Due Mani. L’auspicio è che il Consiglio di Stato tra qualche mese riesca a licenziare il messaggio con la richiesta di credito da sottoporre al Gran Consiglio l’anno prossimo.

PoLuMe fino al tunnel, Lombardi: ‘Chiediamo comprensione’

Sulla richiesta inoltrata dal Cantone e dalla Commissione regionale dei trasporti del Luganese (Crtl) al Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (Datec) di prolungare la terza corsia autostradale dalla galleria di Gentilino fino all’uscita di Lugano Nord, Lombardi ricorda i «vent’anni di politica federale trascorsi a Berna, di cui 16 nella commissione dei trasporti e mi sono sempre battuto a favore del Mendrisiotto. Sia per il prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano, per la Stabio-Arcisate, per lo svincolo di Mendrisio. Tutto ciò che si poteva fare è stato fatto. Ora si chiede un po’ di comprensione a tutto il Sottoceneri per una soluzione autostradale (PoLuMe) che eviti di penalizzare la Città Lugano, usata da numerosi automobilisti a mo’ di tracciato alternativo, come circonvallazione per aggirare la A2 intasata. Spero che nei prossimi mesi riusciremo a sederci attorno a un tavolo con i colleghi del Mendrisiotto. Questo lo dico in veste di presidente della commissione regionale dei trasporti del Luganese. E vorremmo anche poter discutere una serie di rivendicazioni avanzate dal Mendrisiotto».

Leggi anche:

Vedeggio-Cassarate ‘promossa’ e PoLuMe fino a Lugano Nord

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
1 ora
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
2 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
2 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
3 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
6 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
6 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
© Regiopress, All rights reserved