laRegione
19.07.22 - 17:43
Aggiornamento: 23:00

Davesco-Soragno, a finire nel fiume migliaia di litri

Sarebbe una cisterna a essere stata rovesciata nel Cassarate. Addetti ai lavori ancora sul posto, mentre resta in vigore il divieto di balneabilità

davesco-soragno-a-finire-nel-fiume-migliaia-di-litri
Gli specialisti al lavoro per contenere i danni

La perdita di idrocarburi avvenuta in territorio di Davesco-Soragno e riversatasi ieri nel vicino fiume Cassarate potrebbe essere di migliaia di litri. Non si tratta del solito bidone rovesciato, ma sembrerebbe trattarsi di una cisterna. L’inquinamento potrebbe rappresentare un vero e proprio colpo di grazia per l’ecosistema del fiume, già a rischio a causa della siccità che ne ha ridotto la portata e della canicola che riscalda l’acqua. L’origine sarebbe riconducibile a una cisterna da migliaia di litri di benzina che è stata rovesciata nel fiume in territorio del quartiere cittadino di Davesco-Soragno, in zona al Maglio. Come confermato dalla Polizia cantonale in un comunicato stampa, sarà un’inchiesta a far luce sull’accaduto. E ovviamente la domanda principale è: chi ha buttato quel liquido inquinante?

La portata dell’inquinamento è senza precedenti negli ultimi 15 anni nel fiume, ricorda l’ex presidente della Delegazione consortile del Consorzio Medio Cassarate, Erminio della Torre interpellato in merito da laRegione. Si tratta di un episodio acuto ma puntuale, non legato a un riversamento continuo, ci informano gli addetti ai lavori che sono tuttora sul posto, assieme ai pompieri della Caserma di Lugano. L’inquinamento capitato ieri sera ha indotto le autorità a vietare la balneabilità del fiume Cassarate fino alla Foce. Il divieto resta tuttora in vigore. Probabilmente, il fiume tornerà balneabile nella giornata di domani. L’origine dell’inquinamento è stata nel frattempo circoscritta. Per quanto riguarda i quantitativi di idrocarburi finiti nel Cassarate fonti non ufficiali ci hanno parlato di migliaia di litri.

L’episodio è accaduto in un periodo delicato, come ci ha spiegato Maurizio Costa, presidente della Ceresiana: «Dispiace molto che l’inquinamento è arrivato in un momento già complicato. L’acqua è molto bassa, c’è poco ossigeno e l’acqua calda sicuramente non ha fatto del bene al fiume. L’ecosistema è già fragile, questo episodio è un brutto colpo. Una bella tratta del fiume è stata colpita. L’inquinamento avrà un impatto su tutta la microfauna e non solo sui pesci come si potrebbe pensare. Saranno i guardia pesca a dover verificare se c’è ancora vita e quali sono le condizioni delle specie presenti nel corso d’acqua. Ad ogni modo, ci vorranno mesi affinché venga ripristinato l’equilibrio».

La portata e la causa dell’evento sono ancora al vaglio degli inquirenti e della Sezione della protezione dell’aria e dell’acqua e del suolo del Dipartimento del territorio. Tiziano Putelli, capo dell’Ufficio caccia e pesca ha invece precisato che potrebbero volerci diversi giorni per risalire al luogo d’origine in cui è stato riversato il sostanzioso quantitativo. «Spesso a seguito di sversamenti di idrocarburi nelle acque normalmente non c’è moria di pesci. Resta però il discorso del danno ambientale perché gli idrocarburi talvolta galleggiano ma a volte possono anche precipitare nei sedimenti. Ieri sera, nel corso di alcune verifiche si vedevano delle gocce di olio risalire in superficie. I pompieri manterranno attivi gli sbarramenti per le ulteriori perdite. Sicuramente è da pianificare la pulizia della canalizzazione nel tratto interessato dallo sversamento e poi bisogna capire se l’olio che ha raggiunto il corso d’acqua nel momento più acuto è in parte precipitato e se è necessario un intervento di bonifica».

Riali e rogge i più colpiti

Sono numerosi gli inquinamenti capitati negli ultimi anni nei corsi d’acqua del Luganese. Nel settembre scorso, il fiume Vedeggio è stato interessato sulla sponda sinistra da un episodio rilevante, con affioramenti puntuali di idrocarburi. Un resoconto più dettagliato è emerso nella risposta a un’interrogazione, nella quale il Municipio di Lugano aveva precisato che i casi segnalati nella roggia Scairolo, in quattro anni, dal 2018 al 2021, sono stati ben 18. Di questi, tre interventi effettuati dalla Sezione protezione aria, acqua e suolo sono state riscontrate di pesci, mentre in 14 casi le cause sono state chiarite e al Ministero pubblico sono state sporte parecchie denunce. Negli anni scorsi, è stato colpito da inquinamenti anche il riale Barboi che corre lungo la Piana del Vedeggio.

Leggi anche:

Idrocarburi nel fiume Cassarate: pericolo per tuffi e acqua

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 min
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
1 min
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
1 min
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Ticino
7 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
8 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
10 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
12 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
12 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
12 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
14 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
© Regiopress, All rights reserved