laRegione
17.07.22 - 20:43
Aggiornamento: 21:53

Un ristorante al Lac? Badaracco: ‘Non se ne parla’

Secondo il vicesindaco, le offerte presenti funzionano e compensano almeno in parte l’assenza di un vero e proprio esercizio pubblico

un-ristorante-al-lac-badaracco-non-se-ne-parla
© Keystone - ATS / Ti-Press / Massimo Piccoli
Una veduta aerea del Lac (Lugano Arte e Cultura) e di Piazza Luini

Nuovi spazi per la ristorazione al Centro culturale di Lugano: il tema non è all’ordine del giorno della politica cittadina. La presunta carenza, che secondo alcuni sconterebbe il Lac, è controbilanciata dal Luini 6 Bistrot, punto di ristoro sulla piazza e dalle proposte interne (all’entrata del museo al pianterreno, il Mezzanino e il catering al terzo piano). Le offerte presenti compensano la lacuna di un ristorante vero e proprio. Gli spazi attuali sono sufficienti, ben frequentati e funzionano benone, ci informa il titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco, e rappresentano dei passi avanti, «anche se non suppliscono completamente la presenza di un ristorante, che non si potrà realizzare a meno di non costruire nuovi spazi, dei quali attualmente non si parla. Nemmeno sarebbero attuabili nuove costruzioni sul tetto del Lac».

‘Servirebbe piuttosto un teatro aggiuntivo’

Ciò che in realtà interesserebbe il vicesindaco di Lugano e alcuni suoi colleghi di Municipio, sarebbe «casomai la realizzazione di un teatro aggiuntivo (per 400-500 spettatori) sullo stile di quello che era il Cittadella, nello spazio dell’Agorà, (spazio esterno dedicato agli eventi privati, con una doppia funzionalità. Il suo anfiteatro può accogliere fino a 200 persone sulle gradinate per presentazioni o spettacoli, mentre l’ampio terrazzo è anche un contesto ideale per feste). Ma siamo a livello di auspici, non realizzabile a corto termine. Consentirebbe di liberare l’attuale sala teatro e proporre più attività». Di questo auspicio, per il momento non si discute nemmeno a livello politico, anche per ragioni finanziarie, visto che l’eventuale costruzione costerebbe parecchio.

La Città non lo volle realizzare

Un ristorante vero e proprio era stato voluto dalla Città di Lugano quando si progettò il polo culturale, oltre dieci anni fa. Dopo, alcuni tira e molla, l’autorità politica di Lugano rinunciò. «Al terzo piano ci sono sale dedicate a riunioni e conferenze, dove è possibile il catering e stanno dando ottimi risultati, con un significativo aumento degli introiti (della parte eventi e ristorazione) – osserva Badaracco –. Tanto che riceviamo molte richieste perché viene considerata una delle più prestigiose sale di Lugano. È tuttavia un peccato che non ci sia un ristorante vero e proprio».

La chiusura di un locale riapre la ‘ferita’

È un peccato, dice il vicensindaco di Lugano, a maggior ragione in seguito a una recente chiusura di un esercizio pubblico nella zona. E la discussione relativa alla presunta carenza della ristorazione al Lac è riemersa probabilmente a causa dell’epilogo dell’esperienza del bar ristorante Palace, che lavorava bene al pianterreno di quell’area privata, malgrado i problemi legati al contenzioso emerso con il licenziamento dell’ex gerente. Quel ristorante, riconosce il titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco, «era comunque uno spazio che diversificava l’offerta ed era funzionale alle proposte presenti al Lac e alimentava la socialità, l’ambiente e il movimento di persone presso il centro culturale». La chiusura del locale è dovuta al cambio di destinazione dell’attività commerciale, quale negozio di abbigliamento, voluto dai proprietari, come risulta dalla domanda di costruzione pubblicata all’albo comunale a fine giugno.

Leggi anche:

Contenzioso al bar Palace di Lugano sfocia in denuncia penale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 min
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Per diversi anni, presiedette l’associazione Carlo Cattaneo e fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
1 ora
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
1 ora
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
2 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
3 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
3 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
6 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
7 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
© Regiopress, All rights reserved