laRegione
26.07.22 - 17:25
Aggiornamento: 18:30

Tre anni di interscambio in Cochabamba

Marilena Bubba, rientrata da qualche mese a Taverne, ci ha raccontato la sua avventura di cooperante per la Fundación Estrellas en la Calle in Bolivia

tre-anni-di-interscambio-in-cochabamba
Marilena Bubba mentre svolge un’attività ludica per stimolare la creatività dei bambini

Doveva partire solo per un anno, ma sono diventati tre: l’educatrice Marilena Bubba è rientrata da poco a Taverne dopo un interscambio a sostegno delle persone in situazione di strada per la Fundación Estrellas en la Calle (Fec) attiva dal 2005 a Cochabamba, in Bolivia. In particolare, Bubba si è occupata di seguire ragazzi con un trascorso di sofferenza e violenza in condizioni di tossicodipendenza da cocaina, alcol e altre sostanze. Certo è che non è tornata con le pive nel sacco, al contrario, con una valigia piena di ricordi ed emozioni e... due cagnolini.

Dal Ticino alla Bolivia

Bubba, laureatasi come educatrice alla Supsi di Manno e interessata al mondo della cooperazione, si è affidata all’associazione Comundo che l’ha aiutata a scegliere l’esperienza di interscambio professionale più adatta alle sue esigenze. «Dopo un’esperienza simile in Africa, in Burkina Faso, il mio desiderio era quello di conoscere l’America Latina. Per la mia professione era aperto un concorso e così sono venuta a conoscenza della Fundación Estrellas en la Calle. È stata più la Bolivia a scegliere me che non io a scegliere la Bolivia». A marzo 2019 inizia la sua avventura. Intenzionata a rimanere un solo anno, Bubba si è infine appassionata al lavoro al punto tale che non se l’è sentita di concludere il percorso come prestabilito. Il fascino della cooperazione ha fatto breccia nel suo cuore, e in Bolivia è rimasta per altri due anni, fino allo scorso aprile. Anni caratterizzati da tensioni politiche, dovute alle elezioni presidenziali, e da condizioni sanitarie inaspritesi dallo scoppio del coronavirus. «In Bolivia è successo l’impensabile, e ho vissuto di tutto: gioie, dolori, arrabbiature epocali e momenti di meraviglia, preoccupazione, sofferenza, ma anche amore e solidarietà. Ho potuto vivere la Bolivia con le sue mille sfaccettature. Sono stati tre anni così pieni di emozioni e situazioni che mi sembra di averne vissuti 10».

Una giornata tipo

L’educatrice ticinese, ormai ben adattatasi alla realtà sudamericana, ha avuto modo di seguire due progetti della Fec: «Uno dedicato a ragazzi in situazioni di strada, mentre l’altro era un progetto di prevenzione, ovvero un centro diurno per bambini adolescenti o lavoratori a rischio». Ripercorrendo insieme a noi la sua esperienza a Cochabamba, Bubba ci ha raccontato una sua giornata tipo: «In mattinata ci si incontrava con gli altri educatori in ufficio per decidere il da farsi, e in particolar modo si sceglieva quale gruppo andare a visitare. Ci sono vari gruppi di ragazzi che vivono in diversi punti della città: sotto i ponti, su una collinetta, in piazza. Insieme valutavamo quali di questi non erano sotto l’influsso di stupefacenti, perché per poter svolgere le attività e poter capire meglio le loro condizioni dovevano essere lucidi. Tendenzialmente, la mattina era il momento più idoneo. Dopodiché salutavamo il gruppo e chiedevamo ai ragazzi se fossero disposti a partecipare alle attività, senza obblighi né costrizioni. Chi di loro accettava veniva insieme a noi in un campo di calcio, oppure nei boschi o al fiume. In un momento iniziale ci si dedicava all’aspetto cognitivo e motorio. Eravamo muniti di uno zaino pieno di disegni, giochi, palloni, carte, e in base alla situazione proponevamo un’attività piuttosto che un’altra a scopo educativo. Il disegno, per esempio, era volto ad attivare la motricità fine, come prendere la matita per vedere il loro livello di manualità e valutare le conseguenze del consumo. Sono ragazzi di strada, policonsumatori: consumano alcol puro al 90% e si drogano con la pasta base di cocaina (quindi il primo taglio della cocaina che è uno dei tagli peggiori).

Inoltre – racconta Bubba –, ogni giorno un educatore incaricato sceglieva un tema per il workshop: prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, informazioni sui metodi anticoncezionali, sensibilizzazione sulla tubercolosi, prevenzione e presa a carico dell’abuso di sostanze, promozione dell’autostima e la costruzione identitaria, sostegno nella richiesta di documenti ufficiali, animazioni di incontri per incoraggiare il cambiamento o sostenere nuovi progetti di vita volti al reinserimento sociale. A livello statale non c’è nessun tipo di aiuto, nessuno se ne preoccupa perché c’è un grande stigma nei confronti di questi ragazzi».

‘Ogni emozione è più forte’

Ma quali sono le raccomandazioni per chi è interessato a vivere una simile esperienza? «È importante fare una valutazione personale e capire che non è tutto rose e fiori. Occorre uscire dagli schemi, una bella flessibilità, e buone capacità di autoriflessione. Ma anche viverla appieno senza troppo stress. Inoltre si devono valutare anche le situazioni politiche e sanitarie in corso. Per questo ritengo fondamentale parlare con chi quest’esperienza l’ha già fatta. Ma se la si vive, ti cambia la vita. Lo shock culturale è sempre molto forte anche se si va preparati. Secondo me, gli alti e bassi succedono ovunque nella vita, ma in un contesto nuovo come questo, i bassi sono molto più bassi e gli alti sono molti più alti, ogni emozione la vivi in maniera più forte».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
11 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
11 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
11 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
12 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
12 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
13 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
13 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved