laRegione
plan-b-lugano-il-governo-rischio-ridotto-di-riciclaggio
Ti-Press
Opportunità e incognite
01.07.22 - 17:40
Aggiornamento: 18:27

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute

Plan B a Lugano, il rischio di riciclaggio non sarebbe elevato. Sostiene questo, in estrema sintesi, il Consiglio di Stato (Cds) nella risposta all’interrogazione dello scorso marzo – primo firmatario: Marco Noi (Verdi) – che chiedeva lumi al governo sul sistema promosso dal Municipio che consente il pagamento di beni, servizi, tasse, imposte ed emolumenti di qualsiasi tipologia a livello cittadino.

‘Il Plan B si rivolge a persone identificate’

L’atto parlamentare chiedeva se un sistema "incentrato sulle criptovalute implementato nella terza piazza finanziaria svizzera, che ha già notevoli problemi a controllare fenomeni di criminalità organizzata, sia un’ulteriore porta aperta per fenomeni del genere". Per la risposta, il Cds si è basato a un rapporto della Finma, che ha indicato che "il rischio di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo può accentuarsi in ragione di fattori quali l’anonimato potenzialmente maggiore, la rapidità delle transazioni e la loro natura transfrontaliera". Il Plan B tuttavia non rientrerebbe in questi canoni, dato che si rivolge a persone identificate o note al Comune, in larga parte contribuenti e persone iscritte nel Registro del controllo abitanti, per il tramite di un intermediario finanziario che rispetti le norme della Legge federale relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. In questo contesto, "il rischio derivante dall’anonimato è radicalmente ridotti, così come lo è il rischio di riutilizzo del prodotto derivante da non conformità fiscali. La natura prettamente locale e domestica delle transazioni contribuisce inoltre a escludere ragionevolmente l’ipotesi di rischio accresciuto di riciclaggio connesso con la dimensione cross-border".

Il controllo? Del Consiglio comunale

Sempre rispondendo all’interrogazione, il governo fa sapere di non essere stato coinvolto dal Municipio di Lugano nel progetto Plan B, ma che questo sostanzialmente non è un problema in quanto vige il principio dell’autonomia comunale disciplinato dalla Legge organica comunale (Loc). Allo stesso modo è "prematuro" che il Cds si attivi: Noi e cofirmatari chiedono infatti se non sia contro la Loc "pubblicizzare in pompa magna un accordo di partenariato pubblico-privato senza dapprima aver ottenuto il benestare del legislativo comunale". "Spetta semmai al Consiglio comunale esercitare i controlli sull’attività municipale". Sulla stessa lunghezza d’onda la risposta inerente alla conformità alle raccomandazioni contenute nel rapporto 2018 dell’organismo interdipartimentale federale sui rischi nazionali riguardante i rischi legati al riciclaggio e al finanziamento al terrorismo attraverso le criptovalute. Anche in questo caso si cita il principio dell’autonomia locale e si ribadisce che sarebbe "prematuro per il Cds attivarsi per verifiche presso organismi federali, intervenendo in un processo di autonoma valutazione di un esecutivo comunale tutt’altro che concluso". Il compito è di vigilare che le norme di diritto superiore siano ossequiate è, nuovamente, nelle mani del legislativo.

Appoggi Supsi e Usi

Infine, la risposta governativa chiarisce quali sarebbero stati gli appoggi accademici del Municipio di Lugano per il progetto. Da un lato la Supsi, che offre percorsi di formazione di base e continua ed "è attiva nella ricerca applicata con attività e progetti che toccano diversi ambiti dell’informatica e dell’intelligenza artificiale, fra cui l’ambito della tecnologia Blockchain e delle relative applicazioni". Dall’altra parte l’Usi che, pur sottolineando che non vi sia un accordo formale relativo al Plan B, conferma incontri fra Protettorato per l’innovazione e le relazioni aziendali, i rappresentanti del Municipio e i promotori del progetto, per identificare percorsi di formazione utili a formare specialisti.

Leggi anche:

Lugano apre al bitcoin, ‘saremo capitale delle criptovalute’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato lugano marco noi plan b
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
55 min
Risparmio energetico, Brissago fa la sua parte
Allo studio misure per ridurre i consumi senza penalizzare l’attività e l’appeal del paese. A cominciare dall’illuminazione natalizia
Luganese
1 ora
Motociclista tamponato sull’A2 a Mezzovico: ferite gravi
L’incidente della circolazione si è verificato poco prima delle 7. L’uomo, un 30enne del Varesotto, è stato tamponato dall’auto guidata da un 23enne
Ticino
2 ore
‘Una task force cantonale per l’approvvigionamento energetico’
È quanto auspica il Ps. Interpellanza del capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch. Che cita l’esempio grigionese
Locarnese
5 ore
Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione
Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Mendrisiotto
5 ore
Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting
Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
5 ore
Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’
Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
17 ore
Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno
Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Ticino
18 ore
Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza
Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Luganese
19 ore
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
23 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
© Regiopress, All rights reserved