laRegione
23.06.22 - 18:53
Aggiornamento: 19:28

Presidio del Comitato contro la guerra in Ucraina a Lugano

Il gruppo sta protestando in piazza Luini contro la Lugano Commodity Trading Association, rea di legami con gli oligarchi russi

presidio-del-comitato-contro-la-guerra-in-ucraina-a-lugano

"Tutta l’attività legata al commercio delle materie prime si muove dunque su un terreno dove si intrecciano affari, politica, drammi umani come la guerra in corso in Ucraina. Moralmente è inaccettabile!". Questo, in estrema sintesi, il motivo del presidio organizzato oggi pomeriggio in piazza Luini a Lugano dal Comitato contro la guerra in Ucraina contro la Lugano Commodity Trading Association (Lcta), che si riunisce oggi e domani. Meeting che, peraltro, il Comitato aveva chiesto in un altro presidio poche settimane fa di annullare.

Le ragioni sono state spiegate in una nota. "Dall’inizio della guerra in Ucraina – si legge –, il commercio internazionale delle materie prime è oggetto di grande interesse in quanto parecchi oligarchi russi sono attivi proprio a Lugano nel settore delle materie prime. In Ticino trovano sede diversi giganti internazionali nel commercio dell’acciaio, metalli di base, oro, gas, carbone, ma anche soft commodities come caffè, cacao, grano, soia, frutta e bestiame". Per quanto riguarda la Lcta, "nelle ultime edizioni ha invitato parecchi personaggi che orbitavano nella cerchia di Putin, o comunque non si distanziavano troppo dalla sua politica aggressiva, autoritaria e profondamente antidemocratica".

Pertanto, oltre all’annullamento della conferenza, si chiede: che le autorità politiche di Lugano e del Cantone si dissocino; che i partiti politici si esprimano contro il meeting; che sia creata una task force per identificare e bloccare i beni degli oligarchi russi in Svizzera e imposto un embargo sul commercio di gas, petrolio e uranio; che siano create un’autorità di vigilanza sul mercato delle materie prime e una legge sul commercio estero che permetta di sanzionare i regimi che violano i diritti umani; la fine dei privilegi fiscali per le grandi aziende e i ricchi; il divieto delle società di comodo; l’istituzione di un registro pubblico dei reali proprietari delle aziende; il rafforzamento della legge sul riciclaggio di denaro e la sua estensione agli avvocati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
1 ora
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
3 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
3 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
4 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
4 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
4 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
5 ore
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
5 ore
Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento
Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
© Regiopress, All rights reserved