laRegione
17.06.22 - 18:43
Aggiornamento: 21.06.22 - 15:10

Lugano, riforniva il postribolo di cocaina: 29enne espulso

L’uomo ha trafficato oltre 600 grammi nell’arco di tre anni, coinvolgendo la compagna prostituta nello spaccio e nel consumo di droga

lugano-riforniva-il-postribolo-di-cocaina-29enne-espulso
Ti-Press/Archivio
L’uomo condannato alimentava il consumo di cocaina in un noto postribolo luganese

Uno spacciatore "cauto" – come lo ha definito la procuratrice pubblica Pamela Pedretti – che ha spacciato oltre 600 grammi di cocaina nel giro di tre anni, dal dicembre 2019 fino al mese di febbraio 2022. L’imputato, cittadino italiano di 29 anni, è stato considerato dalla pubblica accusa come avveduto e prudente, perché mandava in ‘missione spaccio’ la propria fidanzata, una prostituta di un noto locale a luci rosse del Luganese, che a sua volta rivendeva la droga ad alcune sue colleghe. Oggi, la Corte delle Assise criminali di Lugano, presiedute dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, lo ha condannato a due anni e dieci mesi di carcere. Di questi, 19 mesi sono stati sospesi condizionalmente per un periodo di prova di quattro anni. Ma non solo. Non avendo legami con la Svizzera la Corte ha inflitto all’uomo l’espulsione dal territorio elvetico per nove anni.

Colpevole di più reati

La Corte ha riconosciuto il 29enne colpevole di infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, per aver «detenuto e alienato a terzi almeno 695 grammi di cocaina, agendo in parte in correità con la fidanzata» e per aver consumato almeno 220 grammi della suddetta droga, importando e detenendo in Svizzera altri 7,50 grammi. L’uomo è accusato inoltre di tentata estorsione per aver minacciato una ex consumatrice e sua cliente di provocare un grave danno a lei e al figlio, se non avesse saldato il debito che in realtà non gli doveva. La donna, che verrà giudicata separatamente in aula penale, era pure sua amica, ma di fronte alle minacce subite, ha preferito denunciare il 29enne al Ministero pubblico. L’uomo è stato riconosciuto colpevole anche di guida senza autorizzazione, dopo il ritiro della licenza di condurre, e di infrazione aggravata alla Legge federale sulle armi e sulle munizioni, per aver portato con sé, senza diritto, un coltello a scatto, arma vietata.

Amanti e complici di spaccio

Niente ha trattenuto l’imputato dal continuare il suo mercato illegale. Neanche le condizioni aggravatesi della fidanzata lo hanno fatto rinsavire. La donna a causa del consumo smisurato di cocaina ha presentato lesioni piuttosto rilevanti in tutta la faccia, in particolar modo al naso. Il 29enne ha sfruttato senza indugi la debolezza della sua ragazza nei confronti della droga e l’ha indotta a distribuirla – nelle dosi da lui già confezionate da 0.55/0.6 grammi – alle sue colleghe del postribolo luganese. Ma il circo(lo) continua... Le prostitute, a loro volta, ne consumavano una parte e il resto lo rivendevano ai loro rispettivi clienti. I proventi venivano poi consegnati alla fidanzata complice, che poi li faceva pervenire nelle tasche dell’imputato. «Egli, poche volte si è esposto direttamente nello spaccio – ha attestato la pp –, mandava la sua ragazza che ha reso tossicodipendente. Lui non si sporcava le mani e l’ambiente in cui spacciava cocaina gli dava sicurezza». «Una situazione grave di spaccio che si è protratto su lungo lasso di tempo, in cui lo spacciatore non ha esitato neanche un momento a sfruttare la fragilità di gente che lavora in simili contesti, dimostrando spregio per la legge», ha poi sottolineato la presidente della corte Francesca Verda Chiocchetti (giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Giovanna Canepa Meuli) durante la lettura delle motivazioni della sentenza.

L’imputato sogna una nuova vita

«In realtà non vi è stato un gran guadagno per i due, perché molti dei proventi andavano a finire nel consumo. È indubbio che l’imputato e la sua compagna siano grossi consumatori. Lo spaccio di cocaina, in realtà, serviva a finanziare i loro consumi, che sono aumentati in maniera esponenziale. Hanno consumato di più rispetto a quanto hanno venduto» ha evidenziato invece l’avvocato della difesa Sabrina Aldi che, al termine della sua arringa, ha chiesto una pena non superiore ai 24 mesi di reclusione, tutti sospesi con la condizionale, e la revoca dei due decreti accusa già pendenti sul conto dell’imputato. Dal canto suo, il 29enne, ha riconosciuto di aver spacciato, detenuto e consumato cocaina, contestando tuttavia alcuni dettagli contenuti nell’atto d’accusa. L’uomo ha invece accettato l’espulsione, che ha ritenuto giusta, e ha detto di sognare un impiego in Romania, luogo d’origine della fidanzata. Vorrebbe sposarla e vivere insieme a lei una vita normale senza avere a che fare con la cocaina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
2 ore
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
2 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
3 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
4 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
4 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
4 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
4 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
5 ore
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
12 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
© Regiopress, All rights reserved