laRegione
lugano-tornano-i-getti-d-acqua-colorati-nel-lago
Rapporto Gestione di Lugano
Una cartolina di Lugano risalente a prima del 1998
laR
 
16.06.22 - 21:28

Lugano, tornano i getti d’acqua colorati nel lago

Il via libera alle cosiddette fontane (spente dal 1998) dovrebbe giungere fra qualche settimana, nella prossima seduta di Consiglio comunale

Stavolta, dovrebbe essere quella buona. Davvero. Se tutto filasse liscio in Consiglio comunale, bisognerebbe comunque attendere la prossima stagione. I getti d’acqua colorati torneranno ad abbellire lo scenario serale e notturno del lungolago di Lugano. La politica pare essere tutta schierata a favore della mozione presentata dal consigliere comunale Giovanni Albertini (Movimento Ticino&lavoro). Così pare, almeno, stando ai rapporti allestiti dalle commissioni della Gestione e dell’Edilizia. Dal canto suo, anche il Municipio è d’accordo. Il tema dovrebbe essere all’ordine del giorno della prossima seduta di Consiglio comunale, in agenda lunedì 4 luglio (conferenza sull’Ucraina, permettendo).

‘Mettiamole’, ma a noleggio

Ai voti ci saranno due proposte, il noleggio dei getti d’acqua in concomitanza con gli eventi primaverili ed estivi, come propone l’Edilizia, oppure l’istallazione per un lasso di tempo più lungo, opzione scelta dalla Gestione, perché si potrebbero ottenere prezzi più vantaggiosi. In ogni caso, come detto, occorrerà attendere la prossima stagione (o l’autunno), a causa dei tempi burocratici di crescita in giudicato della decisione. La richiesta di ripristino dei getti d’acqua fa seguito alla mozione del giugno 2017, accolta favorevolmente dal legislativo nel dicembre 2018, ma rimasta lettera morta in seguito al licenziamento, da parte del Municipio, della richiesta di un credito di poco meno di mezzo milione di franchi, per la procedura di Mandato di studi paralleli necessaria per l’elaborazione del Masterplan Lungolago e Lugano centro. Proprio in considerazione delle tempistiche prevedibilmente lunghe per l’elaborazione del Masterplan, e per svincolare la realizzazione di quanto votato dal Consiglio comunale nel 2018, Albertini ha chiesto che venga allestita un’istallazione temporanea ed è tornato alla carica con un’altra mozione.

Assenti da oltre vent’anni

La storia di quelle che impropriamente sono chiamate fontane e che erano di fronte alla Rivetta Tell venne interrotta, bruscamente, nel 1998 quando venne costruito e allestito sul lago, la nota riproduzione del San Carlino, opera effimera di Mario Botta creata per commemorare i 400 anni dalla nascita di Francesco Borromini, basata su una riproduzione dell’opera realizzata a Roma, considerata uno dei capolavori dell’architettura barocca. Da allora, l’impianto non venne più riacceso anche perché avrebbe dovuto essere sostituito. Il tema tornò alla ribalta con la costruzione del Lac, quando le autorità pensarono a giochi d’acqua colorati da posizionare in zona Belvedere. Il progetto, firmato da Daniele Finzi Pasca, tuttavia venne scartato a causa del costo: 30 milioni di franchi. Un altro tentativo fu promosso dal Municipio, con il progetto di costruzione delle fontane sempre di fronte al Lac e una perizia fonica sulla base di 100 getti. La perizia superò l’esame, ma il progetto definitivo, che prevedeva 130 getti, venne osteggiato da un privato che vinse il ricorso al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). Qualche anno dopo in Consiglio comunale si discusse pure di provare a raccogliere i soldi, attraverso un crowdfunding, per ripristinarle davanti al Casinò, proprio dove vennero accese per la prima volta all’inizio degli anni Cinquanta, con un sistema che pompava l’acqua direttamente dal lago.

Una visione per due rapporti che si assomigliano

Dal canto suo, il Municipio aveva deciso di approfondire il concetto nel 2020 ed eventualmente realizzarlo, legandolo però a un evento specifico già previsto o nuovo, come l’inaugurazione della stagione dei concerti all’aperto presso il Lac, in occasione della Pasqua in Città o durante il Longlake Festival. L’esecutivo, nel suo preavviso, riteneva più probabile, inoltre, approfondire la variante di fontane galleggianti sul lago, da ubicare davanti ai giardini del Belvedere, in zona Lac, esprimendo prudenza alla luce della situazione legata alla crisi sanitaria con le importanti misure di contenimento per il Covid 19. Anche la commissione dell’Edilizia, nel suo rapporto favorevole (relatore il leghista Marco Bortolin) concorda con la proposta municipale. La Gestione, invece, come detto, si spinge oltre. Il rapporto (relatrice la liberale radicale Giovanna Viscardi), espletati i dovuti approfondimenti, e sentito il mozionante, nella sostanza ritiene che il Municipio possa certamente ottenere prezzi più vantaggiosi se contrattati per un periodo di tempo più lungo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
colorati consiglio comunale fontane getti acqua lago lugano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
1 ora
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
3 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
3 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
4 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10.15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved