laRegione
12.06.22 - 15:58
Aggiornamento: 17:31

‘Sessista, misogino, omofobo: no al concerto di Fabri Fibra’

Lettera aperta del collettivo Io l’8 ogni giorno alla Città di Lugano: si chiede di disdire l’evento del 6 luglio con protagonista il rapper italiano

sessista-misogino-omofobo-no-al-concerto-di-fabri-fibra
Controverso. Piace per quello?

"Non concediamo alcuno spazio pubblicitario e promozionale a chi banalizza e legittima la cultura sessista, misogina, omofoba, violenta e discriminante per farne un vettore commerciale". È con queste parole che il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno chiede sostanzialmente di annullare il concerto che il 6 luglio vedrà esibirsi in piazza Luini a Lugano Fabri Fibra, controverso rapper italiano.

Il precedente di Roma

In una lettera aperta indirizzata al Municipio, al Lac e ai media che sostengono la serata, si punta il dito contro i testi di Fabri Fibra e contro l’evento. "Ci siamo trovate allibite e incredule – si legge – di fronte alla vostra decisione di offrire un palco illustre, altamente simbolico e un’ingente campagna pubblicitaria a un personaggio che da vent’anni costruisce la propria fama e profittabilità commerciale inneggiando pubblicamente all’odio e alla violenza contro le donne e le persone Lgbt, vantandosi regolarmente di perseguire unicamente una logica utilitaristica e le esigenze di mercato nella scelta dei contenuti e della violenza dei suoi messaggi". Per il collettivo non va dunque dato "alcuno spazio a discorsi banalizzanti nei confronti della violenza di genere, violenza sessuale e sessista! I contenuti e gli incitamenti all’odio, ai femminicidi, agli stupri e alla violenza propagati e banalizzati da Fabri Fibra non hanno alcun intento critico, artistico o culturale".

Una serata per artiste locali

Indignate e arrabbiate, le femministe sottolineano che "non si tratta di ‘libertà d’espressione’ ma di incitamenti all’odio e alla violenza, legittimati e banalizzati volontariamente e in modo colpevole e complice da chi contribuisce a promuoverli. Ricordando il precedente di Roma – quando un’associazione femminista italiana è riuscita a far annullare la sua esibizione al concerto del Primo maggio –, si domanda pertanto di disdire l’evento del 6 luglio. Non solo. Oltre a richiedere i finanziamenti pubblici dati per l’evento in questione, si chiede anche di organizzare "invece almeno una serata, magari proprio il 6 luglio, per promuovere musiciste e cantanti locali che vogliono impegnarsi per diffondere una cultura responsabile e rispettosa del genere e sensibilizzare alla gravità della violenza verso le donne".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
13 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
14 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
18 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
21 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved