laRegione
conferenza-sull-ucraina-berna-blinda-lugano
Keystone
Lugano osservata speciale
10.06.22 - 12:05
Aggiornamento: 13:30
Ats, a cura de laRegione

Conferenza sull’Ucraina, Berna blinda Lugano

Per garantire la sicurezza in riva al Ceresio, il Consiglio federale mette a disposizione 1’600 soldati

La Conferenza sull’Ucraina del 4 e 5 luglio si terrà in una Lugano blindata. Viste le tensioni internazionali, il Consiglio federale ha deciso che rifonderà al Ticino buona parte (80%) delle spese per la sicurezza, mettendo a disposizione fino a 1’600 soldati a titolo sussidiario e garantendo la sicurezza dello spazio aereo.

La decisione odierna è dovuta al carattere ‘straordinario’ di questo appuntamento. All’Ukraine Recovery Conference (Urc2022) – Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina – sono infatti attesi rappresentanti di alto livello di circa 40 Paesi e 20 organizzazioni internazionali.

Sicurezza, Berna pagherà l’80%

Poiché la Svizzera è tenuta a garantire la sicurezza delle persone che godono di una protezione speciale, il governo ha deciso di considerare la conferenza un evento straordinario ai sensi dell’Ordinanza sulla protezione di persone ed edifici di competenza federale.

Ciò consente alla Confederazione di partecipare alle spese che saranno sostenute dal Ticino per garantire la sicurezza nell’ambito del suo mandato di protezione. La Confederazione contribuirà nella misura dell’80%. L’indennità sarà versata per il tramite di un credito aggiuntivo che verrà compensato all’interno del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Polizia ticinese responsabile

La direzione generale dell’operazione spetta alle autorità ticinesi, in particolare alla Polizia cantonale, che potrà contare sul sostegno dell’Ufficio federale di polizia fedpol, del Dipartimento federale della difesa, dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc) e del Servizio delle attività informative della Confederazione per valutare e adeguare il dispositivo di sicurezza.

La Polizia cantonale sarà sostenuta da forze d’intervento della Polizia di Confederazione e Cantoni, da militari e dal Corpo delle guardie di confine. Oltre ai 1’600 militi messi a disposizione, l’esecutivo ha stabilito una restrizione temporanea dell’uso dello spazio aereo che si applicherà, a seconda delle necessità, dal 1° all’8 luglio e riguarderà la regione di Lugano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano militari sicurezza ucraina urc2022
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
3 ore
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
3 ore
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
12 ore
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
14 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
15 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
21 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
23 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
© Regiopress, All rights reserved