laRegione
02.06.22 - 18:19
Aggiornamento: 18:46

Truffa transoceanica da 20 milioni. ‘Fui il capro espiatorio’

Chiesti 6 anni di carcere ed espulsione per un avvocato che operava a Paradiso, accusato d’aver raggirato tre facoltosi clienti americani e canadesi

truffa-transoceanica-da-20-milioni-fui-il-capro-espiatorio
Ti-Press
Vittime adescate con la promessa di laute eredità

Una truffa da 20 milioni. È l’imputazione da capogiro della quale deve rispondere un avvocato italiano di 48 anni, arrestato lo scorso 11 ottobre, approdato in aula oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano composta dagli assessori giurati. Operava in un tutt’uno tra studio legale e abitazione a Paradiso e uno studio a Manno. Vittime, tra il 2015 e il 2020, tre facoltosi clienti americani e canadesi, finiti nella rete "agganciati via email o telefonicamente grazie a un raffinato meccanismo di menzogne e documentazione falsa da parte di fittizi istituti fiduciari e banche che comunicavano loro di essere i beneficiari di importanti eredità", recita l’atto d’accusa stilato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli, che ha chiesto per l’imputato 6 anni di carcere e l’espulsione dalla Svizzera per 10 anni. L’avvocato di difesa, Michele Rusca, ammette eventualmente soltanto un ruolo di complice del suo assistito a partire unicamente dal luglio 2017, quando in effetti il 48enne scoprì di essere finito in un giro truffaldino e ciononostante di avervi partecipato «per reggere il gioco e perché minacciato».

Truffatore o vittima suo malgrado di un’organizzazione criminale? O, ancora, parziale complice? Sono i quesiti che dovranno sciogliere i giudici, che hanno annunciato la sentenza per martedì prossimo, 7 giugno. Incensurato, finito due volte in carcere in Italia nel 2014 e nel 2015 per procedimenti tuttora aperti, l’imputato si è detto estraneo ai raggiri. Nell’atto d’accusa – questa la particolarità del processo, che sfiora l’incredibile – compare anche un misterioso "Signor Rossi" – uno solo dei nomi con cui si sarebbe presentato nel 2013 all’imputato – latitante e ricercato e considerato correo dell’avvocato 48enne dalla pubblica accusa che gli muove lo stesso reato: truffa compiuta per mestiere. Se il "Signor Rossi", che per adescare le vittime si sarebbe fatto accompagnare da un sedicente nipote del presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, aveva avvicinato le vittime, convincendole a farsi consegnare complessivamente 20 milioni; l’imputato aveva invece quale ruolo quello di mettere a disposizione delle vittime delle sue società "dormienti", a prezzi esorbitanti – per sé ha complessivamente intascato 800mila franchi – convincendole che queste erano indispensabili per il trasferimento degli ingenti patrimoni. Cosicché le vittime, che volevano ottenere le fantomatiche eredità, nell’arco di cinque anni hanno girato complessivamente 20 milioni, effettivamente giunti a Lugano, ma l’inchiesta è riuscita anche a tracciarne la sparizione: sarebbero infatti stati spesi dall’organizzazione criminale.

Il 48enne ha contestato energicamente le imputazioni. «Ogni volta che incontravo i clienti, mi raccontavano talora di eredità, altre volte di soldi depositati in banca, altre ancora d’investimenti in nero. Erano sempre tante storie alle quali io non credevo. Intuivo che c’erano dei patti tra i clienti e il signor Rossi». Lei dunque gestiva società di cui non sapeva nulla? – ha chiesto il giudice Amos Pagnamenta. «Io ero solo un amministratore di facciata» ha risposto l’imputato. Perché continuava con veemenza a sollecitare le somme di denaro, nonostante avesse capito che dietro c’era una truffa?, ha chiesto ancora il presidente della Corte. «I clienti erano liberi di rescindere i contratti e cambiare amministratore».
Il 48enne è pure accusato – ma lui nega – di aver compiuto ripetute truffe sui crediti Covid nel 2020, raggirando l’ordinanza federale per complessivi 200mila franchi. Nei formulari di richiesta degli aiuti promossi per lo stato di crisi dovuto alla pandemia, l’imputato è sospettato di aver gonfiato le cifre d’affari e dunque di aver falsificato i documenti.

La difesa: semmai un parziale complice costretto per minacce

La procuratrice pubblica, Chiara Borelli, nella sua requisitoria ha esordito: «L’atto d’accusa, mi rendo conto, può sembrare un romanzo, ma non vincerà un premio letterario perché è una triste realtà. Più persone tra i 2015 e il 2020, si intersecano, tra cui un "Signor Rossi", personaggio inventato, dalle tinte fosche, facilitatore, un incaricato per progetti speciali. Ma l’imputato sapeva chi fosse il signor Rossi. S’inventa una storia l’imputato, ottimo affabulatore, una volta parla di fondi in nero, altre di eredità, ma è entrato in una organizzazione criminale» ha sottolineato il magistrato.

L’avvocato Andrea Gamba, rappresentante degli accusatori privati, ha illustrato il meccanismo dei contratti falsi.«Ai facoltosi clienti è stato fatto loro credere che dovevano acquistare società in Svizzera con particolari caratteristiche, in cui compiere versamenti. Società completamente vuote vendute a prezzi esorbitanti: per due di queste una delle vittime ha pagato ben 1,5 milioni, per cui gli si faceva credere un millantato "mantello giuridico"».

L’avvocato d’ufficio, Michele Rusca, ha contestato che il suo assistito, almeno fino al 2017, conoscesse la volontà truffaldina dei suoi sodali, in primis del misterioso signor Rossi, persona dalle tante identità, colui che è riuscito a ottenere il versamento dei 20 milioni. Il 48enne – ha evidenziato la difesa – gestiva le società che oltretutto erano dichiarate al fisco. «Anche il mio cliente è stato vittima della truffa e, dopo l’estate 2017, una volta saputo del raggiro, è stato costretto a continuarla». Prima di questa data, a mente della difesa, va dunque prosciolto dalla truffa e successivamente ha un ruolo unicamente di complicità e non di correità. L’imputato, al termine del processo, ha presentato un memoriale in tre faldoni per sostanziare la sua innocenza: «Sono stato un capro espiatorio. Mai ho mentito e mai ho presentato persone inesistenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
12 min
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
19 min
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
41 min
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
1 ora
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
1 ora
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
1 ora
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
5 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
6 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
7 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
8 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved