laRegione
30.05.22 - 17:46
Aggiornamento: 18:25

Crediti Covid e lavoro ridotto illeciti, in nove alla sbarra

Gli imputati, a processo da oggi alle Criminali di Lugano, hanno sottratto oltre un milione di franchi. Sentenza attesa per la fine della settimana

crediti-covid-e-lavoro-ridotto-illeciti-in-nove-alla-sbarra
archivio Ti-Press
Sottratto oltre un milione di franchi

Hanno ottenuto illecitamente una serie di crediti Covid e indennità per lavoro ridotto per oltre un milione di franchi gli otto imputati a processo da oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano per rispondere di ripetuta truffa, in via subordinata ottenimento illecito di prestazioni di un’assicurazione sociale o dell’aiuto sociale, e altri reati finanziari. Davanti al giudice Siro Quadri (giudici a latere Emilie Mordasini e Renata Loss Campana) ci sono otto uomini, cinque cittadini italiani e tre svizzeri, legati da rapporti professionali e di conoscenza. Uno di loro è assente giustificato per malattia, mentre il procedimento nei confronti di un cittadino rumeno, attualmente irreperibile, è stato disgiunto. La prima giornata di dibattimento – il processo continuerà almeno fino a mercoledì; la sentenza dovrebbe essere pronunciata venerdì – è servita alla Corte per ripercorrere i reati dei primi quattro imputati. Due di loro, un 50enne e un 49enne, sono in carcere dal 30 giugno e, rispettivamente, dal 30 settembre dell’anno scorso.

Fatti sostanzialmente ammessi

Quanto contestato dalla procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti, e tradotto in un corposo atto d’accusa – quello principale è composto da 72 pagine, ve ne sono poi altri tre aggiuntivi – è sostanzialmente ammesso dagli imputati, con alcune precisazioni legate alla qualifica giuridica. Tra il marzo e il maggio 2020, approfittando delle loro cariche di amministratori di varie società – più di una ventina quelle riportate nell’atto d’accusa legate principalmente alla gestione di immobili e locali, edilizia e sicurezza – hanno richiesto, e in parte ottenuto, crediti e fideiussioni solidali. Somme che sono poi state utilizzate per scopi privati o riversate nei conti di altre società. Il 50enne, consulente e avvocato attivo a Lugano e Zurigo, ha per esempio ottenuto indebitamente 620mila franchi e tentato di ottenerne 807’400. Il 49enne, invece, ha ottenuto 285mila franchi e tentato di averne altri 242’400.

Le indennità di lavoro ridotto

Tra l’aprile e il dicembre del 2020 tre imputati hanno presentato anche una serie di richieste per indennità di lavoro ridotto destinate al personale di un locale notturno di Lugano, la cui attività della società di gestione era però terminata nel dicembre dell’anno precedente. Sugli appositi formulari sono state annunciate fittiziamente delle ore lavorative perse da personale che già non era più alle dipendenze lavorative della società o che non era mai stato dipendenti della stessa. Il quarto imputato, un avvocato 46enne oggi consulente legale in Svizzera tedesca, lo ha fatto per sue società, e anche per la sua attività. Il nome del legale è comparso in un gran numero di società. «Conoscevo persone che mi chiedevano aiuto vista la mia professione – ha spiegato rispondendo al giudice –. Ho accettato un ruolo che non avrei dovuto accettare». Un atto d’accusa aggiuntivo, a carico unicamente del 46enne per ripetuta appropriazione indebita, ripetuta amministrazione infedele e tentata infrazione alla Legge federale sugli stranieri, è spuntato anche il nome di Adria Costruzioni e in particolare dell’ex direttore operativo Filippo Cambria. Nel corso del 2017, una società dove l’imputato aveva diritto di firma individuale era interessata a rilevare un cantiere di Adria a Besazio. «Sapevo che Cambria aveva avuto problemi, ma erano cantieri che aveva gestito lui e poteva darci una mano per capire la situazione. Non l’ho pagato».

‘Ho fatto da prestanome’

Alla sbarra compare anche un 66enne pensionato del Sopraceneri, che ammette i fatti ma non la qualifica. «Per fare una truffa ci vuole la volontà – ha affermato –. Mi sono fidato di quello che facevano gli altri due imputati». Nella sua veste di amministratore unico, ruolo assunto nonostante i suoi problemi di salute, di una società ha firmato varie richieste di indennità di lavoro ridotto per il citato locale notturno. «L’ho fatto anche per bisogno, come complemento alla pensione facevo qualche lavoretto». Riguardo alla società che amministrava, «per essere sincero ho fatto da prestanome – ha ammesso – mi arrivava la lista, controllavo quello che potevo e firmavo».

L’istruttoria riprenderà domani mattina alle 9 con la ricostruzione dei reati contestati agli altri tre imputati. La parola passerà in seguito alla procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti per le richieste di pena. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Valentina Zeli, Yasar Ravi, Eero De Polo, Nadir Guglielmoni, Samuele Scarpelli, Marco Masoni, Fabio Käppeli e Marco Cocchi.

Leggi anche:

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
6 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
7 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
7 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
9 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
9 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
9 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
10 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
11 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
13 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved