laRegione
crediti-facili-con-documenti-falsi-una-condanna-a-lugano
Ti-Press/Archivio
Falsificati contratti di lavoro, buste paga, estratti conto
23.05.22 - 16:15
Aggiornamento: 19:04

Crediti facili con documenti falsi, una condanna a Lugano

Trenta mesi, in larga parte sospesi, a un 60enne che truffando banche e società è riuscito a ottenere finanziamenti per circa 65’000 franchi

Crediti, leasing e garanzie per affitti ottenuti fornendo documenti falsi. Questa la colpa principale del 60enne italo-nicaraguense comparso stamattina alle Assise correzionali di Lugano e condannato dal presidente della Corte Amos Pagnamenta a trenta mesi, ventidue dei quali sospesi condizionalmente per due anni di prova. L’uomo è stato altresì espulso per cinque anni dalla Svizzera.

‘Avevo debiti, mi sono fatto fregare’

Un procedimento svoltosi con la formula del rito abbreviato: prima del processo pubblica accusa e difesa si sono accordate, proponendo una pena adeguata per entrambe le parti in virtù anche delle ammissioni dell’imputato. «L’ho fatto perché ero in difficoltà economiche, con debiti, avrei dovuto solo far da tramite ma mi sono fatto fregare» si è brevemente giustificato in aula l’accusato. Le persone che l’avrebbero fregato sarebbero due individui non meglio identificati citati nell’atto d’accusa stilato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli, che sostanzialmente sarebbero state in grado di falsificare contratti di lavoro, buste paga, estratti conto e altri documenti necessari per l’atto delinquenziale, che l’imputato utilizzava per sé come anche per altre persone. Falsando in tal modo la situazione finanziaria dei richiedenti, gli istituti di credito venivano indotti a fare concessioni.

Altri 213’000 franchi di tentativi andati a vuoto

Una mezza dozzina i tentativi andati a segno, per un totale di 65’000 franchi ottenuti indebitamente. Ancor maggiore, invece, si parla di oltre 213’000 franchi, l’importo per i tentativi andati a vuoto. Una decina di casi nei quali la documentazione prodotta non ha convinto e i crediti non sono dunque stati approvati. Oltre che per truffa per mestiere (in parte tentata), l’imputato seguito dall’avvocata Alessia Minotti è stato condannato anche per ripetuta falsità in documenti, complicità in infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti (avendo aiutato dei trafficanti di droga a trovare un appartamento dove vivere e detenere la cocaina), complicità in ottenimento illecito di prestazioni di un’assicurazione sociale o dell’aiuto sociale e ripetuta infrazione alla Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione, per aver procurato documenti falsificati a cittadini stranieri per l’ingresso e il soggiorno in Svizzera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessia minotti amos pagnamenta assise correzionali chiara borelli lugano truffa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
3 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
3 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
9 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
11 ore
5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa
Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Ticino
14 ore
Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro
Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
14 ore
‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’
Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
15 ore
Impianti di risalita turistici, giugno positivo
L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
15 ore
Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli
Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
15 ore
Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’
Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
© Regiopress, All rights reserved