laRegione
lugano-arriva-la-prima-scuola-estiva-di-criptovalute
archivio Ti-Press
Saranno ammessi 50 partecipanti
19.05.22 - 17:50
Aggiornamento: 20.05.22 - 09:54

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale

A Lugano durante l’estate si va a scuola di... criptovalute. La ‘Plan B Summer School’ prevista dal 3 al 16 luglio alla Franklin University permetterà ai partecipanti – ne saranno ammessi 50 – di acquisire competenze nel settore delle criptovalute e della blockchain, rafforzando una nuova generazione di imprenditori, studenti, ricercatori e interessati al tema. «Si tratta del primo passo concreto del Lugano’s Plan B che abbiamo annunciato a marzo – commenta il sindaco di Lugano Michele Foletti –. In questi tre mesi siamo stati sommersi da richieste ed è emersa la necessità di aziende e operatori di blockchain di trovare personale competente. Quello della formazione è un aspetto che mi sta particolarmente a cuore: vogliamo dare ai nostri giovani e alle generazioni future la possibilità di acquisire conoscenze ed esperienze per poter essere protagonisti della tecnologia del futuro».

Uso delle tecnologie per casi pratici

«Una delle domande più frequenti che ci vengono poste dalle aziende – fa eco Paolo Ardoino, Cto di Tether – è se possono assumere personale esperto sul territorio». Poiché l’adozione delle criptovalute continua a guidare la partecipazione all’ecosistema blockchain, «è essenziale che il mondo della formazione sia reattivo per aiutare a formare meglio non solo i trader e gli investitori, ma anche i futuri proprietari di aziende che desiderano implementare questi strumenti nella loro vita quotidiana». Nelle due settimane di luglio i partecipanti potranno lavorare a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale, seguendo aspetti teorici e di contesto del mondo blockchain, casi di studio e partecipando in modo critico ai dibattiti sul settore. Gli studenti potranno inoltre affrontare in modo pratico lo sviluppo di casi locali e internazionali sulla blockchain e affronteranno temi come meccanismi di consenso, stablecoin, asset digitali, procedure antiriciclaggio e di conformità e molto altro. Al culmine del programma i partecipanti presenteranno i risultati dei loro progetti pratici e avranno l’opportunità di conoscere leader del settore. Tutti i dettagli sul programma e sulle iscrizioni sul sito planb.lugano.ch/summer-school.

Lugano città universitaria

Franklin University e Università della Svizzera italiana hanno subito risposto presente all’organizzazione della ‘Summer School’. «Questa esperienza trasmetterà alla prossima generazione di leader le competenze e le abilità necessarie per prosperare», ha spiegato il presidente di Franklin University Kim Hildebrant. Il prorettore dell’Usi Luca Maria Gambardella vede l’opportunità come «un segnale per poter attirare qui i ragazzi, per far crescere la comunità e il progetto di rendere Lugano una città universitaria per chi studia. È un passo convinto che mi piace molto».

IL MONDO DELLE CRIPTOVALUTE

‘I soldi non sono a Lugano ma alle Bahamas’

La presenza di Paolo Ardoino a Lugano è stata anche l’occasione per parlare del crollo delle criptovalute che ha tenuto banco nell’ultima settimana. Tether è però rimasta stabile, e il nome dell’informatico è balzato agli onori della cronaca come quello di ‘salvatore’ delle criptovalute, avendo la società garanzie per 87 miliardi di dollari e ha riacceso l’attenzione sulle stablecoin e le loro garanzie di stabilità. Sollecitato in merito, Ardoino ha precisato che non tutte le informazioni comparse su articoli di stampa sono corrette. «I soldi non sono in Svizzera ma utilizziamo le due più grosse banche bahamensi – ha spiegato –. Le informazioni relative alle nostre controparti vengono fornite alla Procura generale di New York su base trimestrale fino alla metà del prossimo anno. Non è un segreto di Stato: forniamo pubblicamente tutte le informazioni sulla composizione del portafoglio di Tether». Per Ardoino, in un discorso generale legato allo criptovalute, «c’è necessità di una regolamentazione per quanto riguarda la protezione degli utenti. È una tecnologia pazzesca che permette di ottenere dei risultati che prima ci si sognava in quanto a digitalizzazione e sicurezza, ma può diventare molto facilmente un ‘Wild West’ senza i controlli adeguati». L’esperto del settore ha inoltre spiegato che «molto spesso dico che tra le prime tipologie di criptovaluta da regolamentare ci sono proprio gli stablecoin, che devono avere una caratteristica fondamentale: la solidità di ripagare ai creditori i soldi». In 48 ore, «Tether ha processato pagamenti per 7 miliardi di dollari, più di qualunque istituzione bancaria. Oggi la situazione si è calmata, ma avremmo potuto continuare fino alla fine perché abbiamo tutte le riserve». Cosa ha insegnato questa esperienza? «Siamo molto soddisfatti di essere stati messi alla prova in questa settimana – conclude Paolo Ardoino –. Ha semplicemente reso onore al lavoro che il team di Tether ha svolto in questi anni».

Leggi anche:

Lugano apre al bitcoin, ‘saremo capitale delle criptovalute’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blockchain criptovalute lugano michele foletti paolo ardoino tether
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
1 ora
Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno
Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
2 ore
Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’
Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Ticino
3 ore
Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’
Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
4 ore
A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova
All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Gallery
Mendrisiotto
9 ore
Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue
Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
10 ore
Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne
Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior
Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina
Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior
Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito
L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior
Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)
Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior
La Centovallina torna a circolare in Italia
Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
© Regiopress, All rights reserved