laRegione
19.05.22 - 17:50
Aggiornamento: 20.05.22 - 09:54

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale

lugano-arriva-la-prima-scuola-estiva-di-criptovalute
archivio Ti-Press
Saranno ammessi 50 partecipanti

A Lugano durante l’estate si va a scuola di... criptovalute. La ‘Plan B Summer School’ prevista dal 3 al 16 luglio alla Franklin University permetterà ai partecipanti – ne saranno ammessi 50 – di acquisire competenze nel settore delle criptovalute e della blockchain, rafforzando una nuova generazione di imprenditori, studenti, ricercatori e interessati al tema. «Si tratta del primo passo concreto del Lugano’s Plan B che abbiamo annunciato a marzo – commenta il sindaco di Lugano Michele Foletti –. In questi tre mesi siamo stati sommersi da richieste ed è emersa la necessità di aziende e operatori di blockchain di trovare personale competente. Quello della formazione è un aspetto che mi sta particolarmente a cuore: vogliamo dare ai nostri giovani e alle generazioni future la possibilità di acquisire conoscenze ed esperienze per poter essere protagonisti della tecnologia del futuro».

Uso delle tecnologie per casi pratici

«Una delle domande più frequenti che ci vengono poste dalle aziende – fa eco Paolo Ardoino, Cto di Tether – è se possono assumere personale esperto sul territorio». Poiché l’adozione delle criptovalute continua a guidare la partecipazione all’ecosistema blockchain, «è essenziale che il mondo della formazione sia reattivo per aiutare a formare meglio non solo i trader e gli investitori, ma anche i futuri proprietari di aziende che desiderano implementare questi strumenti nella loro vita quotidiana». Nelle due settimane di luglio i partecipanti potranno lavorare a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale, seguendo aspetti teorici e di contesto del mondo blockchain, casi di studio e partecipando in modo critico ai dibattiti sul settore. Gli studenti potranno inoltre affrontare in modo pratico lo sviluppo di casi locali e internazionali sulla blockchain e affronteranno temi come meccanismi di consenso, stablecoin, asset digitali, procedure antiriciclaggio e di conformità e molto altro. Al culmine del programma i partecipanti presenteranno i risultati dei loro progetti pratici e avranno l’opportunità di conoscere leader del settore. Tutti i dettagli sul programma e sulle iscrizioni sul sito planb.lugano.ch/summer-school.

Lugano città universitaria

Franklin University e Università della Svizzera italiana hanno subito risposto presente all’organizzazione della ‘Summer School’. «Questa esperienza trasmetterà alla prossima generazione di leader le competenze e le abilità necessarie per prosperare», ha spiegato il presidente di Franklin University Kim Hildebrant. Il prorettore dell’Usi Luca Maria Gambardella vede l’opportunità come «un segnale per poter attirare qui i ragazzi, per far crescere la comunità e il progetto di rendere Lugano una città universitaria per chi studia. È un passo convinto che mi piace molto».

IL MONDO DELLE CRIPTOVALUTE

‘I soldi non sono a Lugano ma alle Bahamas’

La presenza di Paolo Ardoino a Lugano è stata anche l’occasione per parlare del crollo delle criptovalute che ha tenuto banco nell’ultima settimana. Tether è però rimasta stabile, e il nome dell’informatico è balzato agli onori della cronaca come quello di ‘salvatore’ delle criptovalute, avendo la società garanzie per 87 miliardi di dollari e ha riacceso l’attenzione sulle stablecoin e le loro garanzie di stabilità. Sollecitato in merito, Ardoino ha precisato che non tutte le informazioni comparse su articoli di stampa sono corrette. «I soldi non sono in Svizzera ma utilizziamo le due più grosse banche bahamensi – ha spiegato –. Le informazioni relative alle nostre controparti vengono fornite alla Procura generale di New York su base trimestrale fino alla metà del prossimo anno. Non è un segreto di Stato: forniamo pubblicamente tutte le informazioni sulla composizione del portafoglio di Tether». Per Ardoino, in un discorso generale legato allo criptovalute, «c’è necessità di una regolamentazione per quanto riguarda la protezione degli utenti. È una tecnologia pazzesca che permette di ottenere dei risultati che prima ci si sognava in quanto a digitalizzazione e sicurezza, ma può diventare molto facilmente un ‘Wild West’ senza i controlli adeguati». L’esperto del settore ha inoltre spiegato che «molto spesso dico che tra le prime tipologie di criptovaluta da regolamentare ci sono proprio gli stablecoin, che devono avere una caratteristica fondamentale: la solidità di ripagare ai creditori i soldi». In 48 ore, «Tether ha processato pagamenti per 7 miliardi di dollari, più di qualunque istituzione bancaria. Oggi la situazione si è calmata, ma avremmo potuto continuare fino alla fine perché abbiamo tutte le riserve». Cosa ha insegnato questa esperienza? «Siamo molto soddisfatti di essere stati messi alla prova in questa settimana – conclude Paolo Ardoino –. Ha semplicemente reso onore al lavoro che il team di Tether ha svolto in questi anni».

Leggi anche:

Lugano apre al bitcoin, ‘saremo capitale delle criptovalute’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 min
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
1 ora
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
1 ora
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
2 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
2 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
4 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
6 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
8 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime Elezioni cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
9 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
9 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
© Regiopress, All rights reserved