laRegione
12.05.22 - 21:05
Aggiornamento: 13.05.22 - 11:05

Plr di Lugano, Michele Bertini entra nella direttiva del partito

All’assemblea sezionale di Pregassona, l’ex vicesindaco accetta la proposta del presidente Paolo Morel: “Ma non si tratta di un comeback”

plr-di-lugano-michele-bertini-entra-nella-direttiva-del-partito
A. R.
L’ex vicesindaco Michele Bertini con il presidente della sezione Plr di Lugano Paolo Morel

«Stimo molto il presidente Paolo Morel e la sua squadra (l’Ufficio presidenziale, ndr). Per questa ragione, ho accettato di entrare a far parte della Direttiva del Partito liberale radicale di Lugano. Mi sembrava giusto continuare a partecipare. Come ho sempre detto, non ho mai pensato di cambiare partito». Al termine dell’assemblea della sezione Plr di Lugano, riunitasi stasera al capannone di Pregassona, sono queste le prime parole di Michele Bertini, ex vicesindaco di Lugano, che nel gennaio di due anni fa aveva annunciato di rinunciare a ricandidarsi alle elezioni comunali, non senza qualche polemica con la sezione. Tornerà a partecipare attivamente alla politica ed eventualmente pensa di ricandidarsi? «No, ho semplicemente accettato la proposta che mi ha fatto il presidente», risponde Bertini. Dal canto suo, Paolo Morel, non nega di sperare nel suo rientro più attivo sulla scena: «Per ora, sono felice di essere riuscito a riportarlo in politica e che il partito possa approfittare delle sue competenza. Starà a lui, valutare ulteriori eventuali coinvolgimenti».

Badaracco: ‘Coesione e compattezza’

Di fatto, l’ex vicesindaco è uno dei sei volti nuovi della Direttiva del Plr. Le proposte sono state avanzate dal presidente della sezione, per coprire gli otto posti vacanti (su 25). L’assemblea li ha ratificati, salutando l’ex consigliere comunale di Lugano (per 45 anni) Giancarlo Re, classe 1936, che ha lasciato la Direttiva di cui era membro dal 1964. All’assemblea era presente anche il presidente cantonale del Plr Alessandro Speziali che ha sottolineato l’importanza della sezione cittadina nel contesto ticinese, in vista del rinnovo delle cariche politiche, fra meno di un anno: «Tutto il cantone ha bisogno della ripartenza di Lugano». È intervenuto anche il vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco, secondo cui il vento è cambiato all’interno del partito che si è lasciato alle spalle incomprensioni e polemiche passate: «C’è voglia di parlarsi e di confrontarsi con serenità. Questo è un buon segnale che mostriamo alla cittadinanza, mentre fra Verdi e socialisti si litiga e Lega e Udc hanno posizioni contraddittorie. Siamo sulla buona strada, dobbiamo continuare a dimostrare compattezza e coesione». La municipale Plr di Lugano Karin Valenzano Rossi ha invece messo l’accento sulla necessità di individuare due o tre temi forti sui quali il partito possa profilarsi: «L’esecutivo, dopo un primo anno tribolato (leggi ex macello e scomparsa del sindaco Marco Borradori) sta ritrovando stabilità, ma si viaggia velocità di crociera e un po’ con il freno tirato a causa della pandemia e della guerra in corso. Bisogna abbandonare il pessimismo e l’eccessiva paura e osare di più».

Leggi anche:

Lugano, Bertini: 'Clima sfavorevole nel Plr, non mi ricandido'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
9 min
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
9 min
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
5 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
8 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
9 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
9 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
10 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
10 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
11 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
13 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
© Regiopress, All rights reserved