laRegione
04.05.22 - 12:24
Aggiornamento: 16:49

Molestie a Unitas, la Lega chiede al governo un’inchiesta

Un’interpellanza chiama in causa il consigliere di Stato Bertoli: ‘Non poteva non essere a conoscenza delle molestie che subivano le utenti’

molestie-a-unitas-la-lega-chiede-al-governo-un-inchiesta
Ti-Press
Un aiuto per chi non vede

C’è un capitolo importante che si va ad aggiungere alla vicenda su Unitas. Dopo un doppio atto parlamentare, un’interrogazione e un’interpellanza interpartitica, poi tramutata in interrogazione, ancora non evase, in merito ai casi di molestie di cui si è reso protagonista un alto dirigente e ai sussidi cantonali di cui è beneficiaria l’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana, è la Lega dei Ticinesi questa volta a farsi avanti, e lo fa con la richiesta al Consiglio di Stato di un’inchiesta.

Maruska Ortelli, con i cofirmatari Massimiliano Robbiani e Stefano Tonini, torna dunque sulla vicenda, giudicata di interesse pubblico ("dato il tema importante e sensibile"), non disdegnando di andare a ‘colpire’ anche il consigliere di Stato Manuele Bertoli. "La vicenda delle molestie all’Unitas – si legge nell’interpellanza leghista – per oltre 20 anni ha (giustamente) scatenato un putiferio, decine di articoli e due interrogazioni che ancora attendono una risposta. A seguito della vicenda, l’11 marzo di quest’anno, decine di utenti e operatori hanno chiesto le dimissioni dei dirigenti dell’associazione".

Da qui, il nuovo atto parlamentare ripercorre i fatti addebitati a chi ne era al vertice: costui, anziché tutelare gli utenti, aveva infatti ‘il vizietto’ di allungare le mani sulle utenti e sul personale femminile. Non solo, con diversi dipendenti mostrava anche chiari comportamenti di mobbing e abuso di potere: "Come spesso capita in queste situazioni, tutti sapevano, ma nessuno ha fatto nulla lasciando agire il molestatore indisturbato per decenni" rimarcano i deputati.

L’ex alto dirigente ancora ai vertici della fondazione

Neppure nel 2019, quando il molestatore, tramite una raccomandata a mano consegnatagli dall’attuale presidente Mario Vicari e dal vice Davide Balbo, viene esonerato dalle cariche istituzionali che detiene (membro della Commissione economica, membro del Gruppo Santa Lucia, delegato per le Assemblee della Fsc, membro dei comitati della Cab e della Fidaca), la sua posizione si... alleggerisce. Anzi, una copia dello scritto informa della decisione i Consigli di fondazione di cui fa parte, la Fondazione Unitas in memoria di Tarcisio Bisi e Anita Gaggini e la Fondazione Emma ed Ernesto Rulfo.

All’interno dell’associazione, dipendenti e utenti mostrano infatti insofferenza sulla permanenza dell’uomo all’interno del mondo Unitas, seppur con altra carica. Tanto che è proprio in quest’ambito che si fa il nome del direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport: "Da notare che il molestatore non è stato allontanato dalla Fondazione Unitas (di cui è tuttora presidente) dove, tra gli altri siede anche Manuele Bertoli, che all’Unitas ha lavorato in varie funzioni dirigenziali prima di essere eletto consigliere di Stato. Bertoli, che in qualità di membro del Consiglio di fondazione Unitas è stato informato delle misure prese nei confronti del molestatore dalla copia della raccomandata (a mano) che presidente (Vicari) e vicepresidente (Balbo) dell’associazione hanno consegnato al presidente della Fondazione". Per i tre granconsiglieri, quindi, Bertoli non poteva non sapere, seppur al nostro giornale abbia rilasciato un’intervista in cui affermava: "Non sono mai stato informato e non sono a conoscenza diretta di casi di molestie. Escludo vi siano stati casi di mobbing quando io ero direttore". Articolo poi ripreso anche dal ‘Mattino della Domenica’ in un recente approfondimento sulla vicenda "dove risulta evidente – sottolinea infine l’interpellanza – che Bertoli, non poteva non essere al corrente delle molestie che subivano le utenti dell’associazione, anche perché il suo nome è espressamente citato in una lettera del 16 dicembre 2001 (destinata ai dirigenti di Unitas di cui Bertoli faceva parte), scritta dalla stessa associazione. Nella lettera in questione venivano svelati gli abusi che avvenivano tra le mura della struttura per i ciechi".

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Sulle presunte molestie in seno a Unitas, i Verdi chiedono lumi

Molestie all’Unitas: ‘Sussidi solo con audit indipendente’

Manuele Bertoli: ‘Su Unitas non sono a conoscenza diretta’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
9 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
11 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
15 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
21 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
© Regiopress, All rights reserved