laRegione
29.04.22 - 17:10
Aggiornamento: 17:39

Moncucco in ottima salute finanziaria

La clinica privata luganese nel 2021 è riuscita a conseguire un utile di 2,6 milioni nonostante l’impegno profuso per la pandemia

di Lugano Stagista e Luca Marzullo
moncucco-in-ottima-salute-finanziaria
Ti-Press
Mauro Dell’Ambrogio presidente e Christian Camponovo, direttore, davanti alla Clinica Moncucco

Il 2021 è un anno impegnativo e irto di sfide per la clinica luganese, che ha però saputo uscirne a testa alta. Tanto che, tirando un bilancio, i conti della struttura risultano più che positivi. «Sin da febbraio 2020, abbiamo lavorato affinché riuscissimo a dare un aiuto importante nel fronteggiare la pandemia» ha esordito Mauro Dell′Ambrogio, presidente del Consiglio di amministrazione. La Clinica Moncucco è stata infatti uno degli ospedali svizzeri che ha curato il maggior numero di pazienti Covid. «A un certo punto ci siamo trovati ad avere il 50% dei pazienti ricoverati per Covid, in quel momento è stato quasi come gestire due ospedali» ha aggiunto Dell’Ambrogio.

Di due ospedali sotto l’egida Moncucco comunque si parlerà presto, siccome tra le novità del 2021 è annoverata anche l’acquisizione della clinica Santa Chiara di Locarno, l’unica struttura ospedaliera privata del Sopraceneri. «Nasceranno grandi vantaggi dalle sinergie scaturite da questa nuova collaborazione» ha specificato il direttore della clinica, Christian Camponovo. Le due strutture opereranno interamente come un gruppo a partire dalla fine del 2022.

Nonostante le energie e gli investimenti profusi nella lotta in prima linea alla pandemia, la clinica ha ottenuto importanti gratificazioni, a partire da un utile di esercizio pari a 2,6 milioni di franchi, «un risultato più che soddisfacente» ha commentato Dell’Ambrogio. A questo si somma l’ottenimento – il primo sul territorio ticinese – della certificazione di Centro per la traumatologia dell’anziano. Sono inoltre stati realizzati nuovi spazi per il servizio di Pronto soccorso, che dall’inizio della pandemia è attivo 24 ore su 24. Tra i progetti futuri, anche l’integrazione dello stabile dell’Istituto San Carlo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
gallery
Mendrisiotto
25 sec
Il Nebiopoli incontra i bambini delle elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri.
Luganese
19 min
Grave incidente a Magliaso sulla strada cantonale
Non si hanno ancora dettagli del sinistro avvenuto all’altezza della rotonda per Pura: si ipotizza un malore
Ticino
1 ora
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
1 ora
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
3 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
6 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
7 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
7 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
8 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
8 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
© Regiopress, All rights reserved