laRegione
27.04.22 - 15:54
Aggiornamento: 18:44

Commissione controllo Usi e Supsi: su Erez si poteva attendere

La separazione dell’Università dal suo rettore al centro dei lavori. Il presidente Pellegrini: ‘Con meno rigidità, le divergenze potevano essere risolte’

di Guido Grilli
commissione-controllo-usi-e-supsi-su-erez-si-poteva-attendere
Ti-Press
Nominato nel luglio 2016, dall’8 maggio Boas Erez non sarà più rettore dell’Usi

«Con meno rigidità da parte delle persone in questione, le divergenze potevano essere risolte in modo da poter mandare a termine il mandato di Boas Erez che scadeva fra poco più di un anno. È un peccato che si sia giunti a questo...». La separazione dal suo rettore, Boas Erez, decisa venerdì scorso dal Consiglio dell’Università della Svizzera italiana, presieduta da Monica Duca Widmer, è stata al centro della riunione in agenda oggi della Commissione di controllo su Usi e Supsi. Su volontà del presidente, Edo Pellegrini, «la questione» è stata posta all’ordine del giorno, con decisione unanime dei sei parlamentari presenti in rappresentanza di tutti i partiti. Con quale esito?

‘Auspichiamo che il nuovo rettore sia trovato al più presto’

«Va premesso che il compito della Commissione – dichiara Pellegrini – è quello di vegliare sull’attuazione del mandato di prestazione dei Cantoni nei confronti dell’Usi e della Supsi. Ma l’Usi essendo un ente autonomo, come Commissione non siamo tenuti a esprimerci su questioni come questa riguardante il rettore. Quello che speriamo è che la vicenda non si ripercuota sulla qualità dell’insegnamento, ciò che non dovrebbe essere un problema. Quanto auspichiamo è che il successore di Boas Erez sia trovato al più presto». La Commissione parlamentare, è stata opinione di tutti i suo componenti, ha espresso rammarico per la conclusione del contratto con il rettore, il quale cesserà la sua funzione il 7 maggio prossimo, in occasione del Dies Academicus, quando è atteso il suo intervento.

Ancora Pellegrini: «Siamo dispiaciuti. Sarebbe stato meglio portare a termine il mandato del rettore senza terremoti. D’altra parte si sa da tempo che c’era questa questione delle competenze amministrative, queste divergenze di opinioni tra il Consiglio dell’Usi e il rettore Erez». Sapevate dunque che c’erano divergenze? «Noi come Commissione non abbiamo mai notato che ci fosse qualcosa che non funzionasse, anzi, sembrava funzionare tutto bene: il numero di studenti e delle facoltà aumentava, la qualità dell’insegnamento aumentava. Qui penso che si è trattato di incompatibilità tra le persone, tra quello che si aspettava il Consiglio dell’Università e quello che era disposto a dare Boas Erez. Una divergenza di vedute che in qualche caso era già emersa, ma senza quel clamore suscitato nei giorni scorsi. Giravano voci, non per niente lo scorso 31 marzo il Consiglio dell’Università è uscito con un comunicato stampa nel quale annunciava che sarebbe stato nominato prossimamente un direttore operativo. Penso che questa sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso».

La Commissione di controllo su Usi e Supsi esprime insomma preoccupazione per il fatto che dall’8 maggio non ci sarà più un rettore titolare all’Università della Svizzera italiana. La carica sarà assunta temporaneamente dal prorettore, professore Lorenzo Cantoni il quale si avvarrà del sostegno degli altri attuali prorettori. «Sì, ma non sarà la stessa cosa», sostiene Pellegrini. Ieri la Rsi ha ipotizzato che tra le cause dei dissapori tra il Consiglio dell’Università e Boas Erez vi possa essere anche una diversa gestione della pandemia: quando nel settembre dell’anno scorso tutti chiedevano il certificato Covid per l’insegnamento di base, il rettore avrebbe scelto di non richiederlo. «Ne avevamo parlato in passato». Questo non ha inciso sulla separazione dell’Usi dal suo rettore? «Andrebbe chiesto alla signora Monica Duca Widmer se ha influito o no. Probabilmente lei sosterrà di no, ma è anche possibile, a qualcuno magari ha dato un po’ fastidio».

Leggi anche:

Boas Erez e Usi ognun per sé: le reazioni

Boas Erez non è più il rettore dell’Usi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
3 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
5 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
8 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
8 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
8 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
16 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
16 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
17 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
17 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
© Regiopress, All rights reserved