laRegione
ci-sara-sempre-una-luce-in-un-libro-i-110-anni-della-stac
Folta partecipazione per la presentazione del volume celebrativo
26.04.22 - 18:11

‘Ci sarà sempre una luce’: in un libro i 110 anni della Stac

Presentato oggi il volume che celebra la storia della Società ticinese per l’assistenza dei ciechi di Lugano

Si chiama ‘Ci sarà sempre una luce’ e ripercorre i primi 110 anni della Società ticinese per l’assistenza dei ciechi di Lugano, la Stac. Il volume – a cura della giornalista Cristina Ferrari – è stato presentato oggi nella sede della società alla presenza delle autorità comunali e cantonali. Quattordici capitoli, con prefazione di Gianni Ballabio, che spaziano dagli albori dell’11 dicembre 1911 per arrivare ai giorni nostri, attraversando oltre un secolo di cambiamenti epocali.

Lungimiranza e flessibilità

«La Stac è un valido esempio di quanto la società civile ha saputo ed è in grado di fare, in modo molto lungimirante e in un periodo nel quale non si parlava ancora di inclusione. Ha precorso i tempi e poi ha saputo mettersi in gioco evolvendosi e adeguandosi alle sfide del tempo» è l’osservazione del capodicastero Socialità di Lugano Lorenzo Quadri. «La lungimiranza all’origine della fondazione della Stac ha fatto da fil rouge al prosieguo della sua storia, consolidandone il ruolo nel corso del Novecento e poi ampliando ulteriormente la sua offerta e i suoi servizi negli anni Duemila» gli ha fatto eco il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. Il direttore del Dipartimento sanità e socialità ha ricordato poi nel suo intervento che «l’approccio ispirato alle teorie educative di Maria Montessori, adattate alle specificità dell’anziano, permette di porre al centro dell’intervento la persona, favorendone la maggiore autonomia possibile. La presa a carico è quindi il più possibile individualizzata, e capace di mettere in relazione il deficit visivo ad altre patologie simili».

A breve una quarta struttura a Melano...

De Rosa ha inoltre sottolineato che la Stac ha saputo stare al passo coi tempi anche dal profilo organizzativo e gestionale. Esempio concreto di quest’aspetto, è la recente costituzione, assieme alla Fondazione Tusculum, dell’Associazione Melograno, che si occupa della gestione e dello sviluppo dell’omonima rete di tre case per anziani: la Casa dei ciechi, la Tusculum e la Domus Hyperion, queste ultime due ad Arogno. «Presto se ne aggiungerà una quarta a Melano, c’è un accordo col Comune per creare una struttura in rete» anticipa Fabrizio Greco, direttore dell’Associazione Melograno. Gli attuali 126 posti letto e 180 dipendenti sono dunque destinati a crescere. «Lo sviluppo di reti di cura integrate e di sinergie per migliorare ulteriormente la qualità del servizio offerto rientra nella strategia tracciata con la Pianificazione integrata settoriale 2021-30, attualmente al vaglio del Gran Consiglio» ha evidenziato infine il consigliere di Stato.

... e un centro diurno sperimentale ad Arogno

L’occasione è stato propizia per parlare non solo di passato e presente, ma anche di futuro. «Difficile dire quali saranno le prospettive future – secondo Greco –. Siamo in un momento di cambiamento: i vecchi metodi non funzionano più e quelli nuovi non sono ancora del tutto attivi. Bisogna dunque fare delle riflessioni profonde ripartendo dalle nostre caratteristiche e dai nostri valori. Sta cambiando la presa a carico degli anziani, bisogna trovare un modello sostenibile dal profilo umano e finanziario». Concretamente, un modello virtuoso sembra essere il nuovo centro diurno «sperimentale» che aprirà ad Arogno: «Sarà una struttura senza limitazioni interne, più conviviale. Un centro simile esiste già in Valle Onsernone, questo sarà rivolto alla Val Mara: potrebbero essere dei modelli interessanti soprattutto per le regioni periferiche, dove le persone si conoscono di più».

Assente alla presentazione il presidente della Stac Davide Corti. A farne le veci, la vice Cecilia Brenna: «Per noi è un orgoglio assistere alla pubblicazione di questo libro. In questi cento anni la Stac ha saputo adattarsi, mantenendo il fil rouge della solidarietà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
3 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
4 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
4 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
5 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved