laRegione
truffo-l-assistenza-per-13-anni-e-celo-due-vincite-al-casino
Ti-Press
Soldi al centro del processo
25.04.22 - 11:10
Aggiornamento: 16:59

Truffò l’assistenza per 13 anni e celò due vincite al Casinò

Condannata alle Assise correzionali di Lugano una cittadina brasiliana. Ottenne con inganno 100mila franchi. Nei guai pure il marito complice

Per 13 anni, tra il 2007 e il 2020, aveva ingannato l’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento sociale per complessivi 100mila franchi. Ai funzionari aveva raccontato, contrariamente al vero, di pagare un affitto ben più alto della somma reale, ottenendo così indebitamente prestazioni sociali superiori. Non solo. L’autrice della truffa aggravata, una cittadina brasiliana domiciliata a Lugano di 54 anni, comparsa oggi davanti alla corte delle Assise correzionali di Lugano, aveva pure sottaciuto due vincite al Casinò di Lugano per un bottino pari a 70mila franchi che aveva celato in una cassetta di sicurezza di una banca di Lugano.

I soldi vinti alla sala da gioco... rigiocati e persi

«I soldi vinti al Casinò che fine hanno fatto?», ha chiesto il giudice Mauro Ermani. «Li ho rigiocati e persi», ha risposto l’imputata. Ha osservato il presidente della Corte: «Li aveva celati in una cassetta di sicurezza e non certo versati su un conto bancario, per aggirare le tasse. Fregare lo Stato è reato. Se tutti rubano, salta tutto l’aiuto», l’ha ammonita il giudice. Anche il compagno, divenuto poi marito durante il procedimento penale, è stato condannato dal pp Daniele Galliano con un decreto d’accusa, perché è stato lui ad avere l’idea e a suggerire alla 54enne di mettere in atto l’inganno nei confronti dell’assistenza. In suo favore, la restituzione totale del maltolto. «I reati sono antipatici, dà fastidio un inganno allo Stato, che le ha dato ospitalità e la possibilità di integrarsi. Ha tradito le istituzioni». Questo il commento del giudice, prima di pronunciare la sentenza nei confronti della donna: 16 mesi di detenzione posti al beneficio della sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni. L’imputata, difesa dall’avvocato Marco Masoni, al termine del processo è scoppiata in lacrime.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise correzionali casinò inganno lugano truffa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
4 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
16 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
18 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
19 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
20 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved