laRegione
22.04.22 - 11:54
Aggiornamento: 15:57

Campione ricorre alle sezioni unite della Corte dei Conti

Dopo la bocciatura del piano di riequilibrio finanziario. Di fronte all’ipotesi di un nuovo commissariamento, il sindaco Roberto Canesi è ‘tranquillo’

di Marco Marelli
campione-ricorre-alle-sezioni-unite-della-corte-dei-conti
archivio Ti-Press
Roberto Canesi

«Se ci dicono che dobbiamo andare a casa, non mi metto a piangere...». Roberto Canesi, sindaco di Campione d’Italia, commenta così la possibilità che il Comune dell’enclave possa essere nuovamente commissariato, così come è stato nel 2018, con l’arrivo in riva al Ceresio del commissario prefettizio Giorgio Zanzi. A inizio marzo la Corte dei Conti della Lombardia ha bocciato il piano di riequilibrio finanziario pluriennale 2021-2029. Una bocciatura lungamente motivata (il dispositivo è articolato in 87 pagine) che chiama in causa anche il Casinò che ha riaperto i battenti lo scorso 26 gennaio. «Una bocciatura dei nostri conti che erano stati approvati dal Ministero dell’interno, per cui abbiamo deciso di ricorrere davanti alle sezioni riunite della Corte dei Conti – continua Canesi –. E il ricorso è stato depositato ieri dai due avvocati a cui abbiamo affidato l’incarico, la professoressa Chiara Cacciavillani di Venezia e il professor Gennaro Terracciano di Roma».

Un ricorso sviluppato in una ventina di pagine in cui i due esperti ribattono alle valutazioni negative dei giudici contabili lombardi, secondo i quali i conti presentati dal comune dell’enclave sono "poco credibili", "incerti" e "inadeguati". Valutazioni che sembrano sottintendere un giudizio netto, definitivo, inappellabile. Così non è, ovviamente, per il sindaco dell’enclave. La decisione delle sezioni riunite della Corte dei Conti (la Cassazione del diritto contabile) è attesa fra novanta giorni. Se il piano di riequilibrio dovesse essere bocciato, il Consiglio comunale verrebbe sciolto. Insomma, nuovo commissariamento che per l’enclave sarebbe l’ennesima mazzata.

«Ma io sono tranquillo, anche perché il lavoro svolto da quando sono in carica lo considero più che positivo, e questo lo si deve al contributo della Giunta, del Consiglio comunale e dei dipendenti comunali – ancora Canesi –. Lo prova il fatto che il Comune presenta un bilancio comunale con un attivo di 4 milioni di franchi. Una somma considerevole per un Comune con 1’800 abitanti. La scorsa settimana abbiamo pagato una mensilità pregressa a dipendenti e a ex dipendenti comunali e l’indennità ai carabinieri. Certo c’è un problema di debiti. Quando sono entrato in carica ammontavano a 43 milioni di franchi, oggi siamo scesi a 41 milioni. Da qui la decisione di presentare un piano di rientro dei debiti lungo 9 anni. Periodo in cui pensiamo di chiudere questa partita che ha messo in crisi la comunità campionese. Però, attenzione, non escludo di anticipare i tempi, liquidare i debiti in tre-quattro anni. Come? Con la dismissione dei cinque beni comunali che senza successo abbiamo messo all’asta. Ora abbiamo scelto la strada della trattativa privata, che ha comportato una riduzione dei prezzi degli immobili, ma non di molto. Fors’anche per questo ci sono state diverse manifestazioni d’interesse, per quasi tutti gli immobili che il Comune ha deciso di alienare. Dovremmo riuscire a incassare una quindicina di milioni di euro». Insomma, non crede di dover fare le valigie? «Il tempo dell’impegno non è ancora esaurito», risponde Canesi. Giudici contabili consentendo.

Leggi anche:

Campione, no al piano di bilancio stabilmente riequilibrato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
10 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
10 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
11 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved