laRegione
20.04.22 - 17:59
Aggiornamento: 23:46

Ex Macello, chiesti 100’000 franchi di risarcimento

L’avvocato dell’associazione che rappresenta gli autogestiti ha notificato una pretesa a Comune e Cantone per gli oggetti sotto le macerie

ex-macello-chiesti-100-000-franchi-di-risarcimento
Ti-Press
Le macerie a inizio giugno 2021, pochi giorni dopo la demolizione

Ex Macello: Città e Cantone paghino 100’000 franchi. A quasi un anno dallo sgombero e dall’inattesa demolizione del Centro sociale autogestito Il Molino, gli autonomi avanzano un’istanza di risarcimento ai due enti pubblici responsabili dell’abbattimento per i numerosi oggetti che si trovavano nello stabile nella notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi.

La richiesta, secondo nostre informazioni, è stata formulata nei giorni scorsi. «Sì, abbiamo notificato una pretesa, che è quantificata in maniera ancora sommaria e provvisoria in 100’000 franchi» ci conferma l’avvocato Costantino Castelli, che ha notificato l’istanza a nome dell’associazione Alba. «Al momento della demolizione c’era molto materiale nell’edificio – ricorda il legale –, beni di proprietà dell’associazione che aveva in uso lo stabile secondo la convenzione firmata vent’anni fa». La convenzione era stata sottoscritta da Alba (che sta per ‘Addio Lugano Bella Associazione’, costituita dagli autogestiti appositamente per le trattative), Consiglio di Stato e Municipio di Lugano, con il sindaco Giorgio Giudici (Plr) e i municipali Giuliano Bignasca (Lega) e Giovanni Cansani (Ps) trascinatori dell’iniziativa. La convenzione è stata poi rescissa unilateralmente dal Municipio della scorsa legislatura un paio di mesi prima della demolizione. E come vent’anni fa, tre sono le parti coinvolte anche oggi: la parte che si ritiene lesa, ossia l’associazione Alba, e poi Comune e Cantone «come debitori solidali»: ossia, qualora la pretesa venisse riconosciuta, la somma potrebbe venir rimborsata sia da una che dall’altra controparte.

Strumenti musicali, computer, elettrodomestici, bici e uno scooter

L’istanza è stata appena formulata e dunque gli autonomi sono in attesa di risposta, prima di passare, eventualmente, al foro civile per il contenzioso. Castelli sottolinea che la notifica è stata presentata in questo momento, in quanto «per legge va fatta entro un anno dai fatti». È stata prodotta una lista, che contiene almeno un centinaio di oggetti: «Sono di vario genere. Strumenti musicali, computer, elettrodomestici, mobili, effetti personali vari, biciclette e anche uno scooter». Cose che, verosimilmente, sono andate distrutte con la demolizione o con il tempo, in quanto dovrebbero trovarsi ancora sotto le macerie, dato che negli ultimi undici mesi l’area si trova sotto sequestro a causa dell’inchiesta penale tuttora in corsa: proprio Castelli ha impugnato lo scorso dicembre il decreto di abbandono del procuratore generale Andrea Pagani per i fatti di maggio, passando il caso alla Corte dei reclami penali. Nel frattempo, inoltre, si è aperto anche un altro fronte penale, relativo alla rioccupazione dell’ex Macello avvenuta poco prima di Capodanno. Episodio durante il quale si sono verificati degli scontri con le forze dell’ordine, che hanno portato da un lato a due arresti provvisori e undici fermi tra le fila dei manifestanti e dall’altro a una denuncia da parte di una donna che sostiene di aver subito uno spintone da parte della polizia, che l’avrebbe fatta cadere procurandole un trauma cranico. I manifestanti, oltre che dall’avvocata Immacolata Iglio Rezzonico, sono seguiti anche da Castelli. «Non ci sono novità su questo fronte. Negli ultimi mesi c’è stato qualche interrogatorio, ma sviluppi concreti non ve ne sono stati» ci spiega il legale.

La delusione di Valenzano Rossi

Stringata la reazione alla notifica della capodicastero Sicurezza di Lugano, Karin Valenzano Rossi. «Sì, l’abbiamo ricevuta settimana scorsa – conferma –. Di solito prima di fare le istanze ci si parla: la delusione è sempre la stessa, si va avanti a istanze senza parlarsi, è peccato. Vedremo nelle sedi giudiziarie che risposta dare».

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Ex Macello di Lugano, ricorso contro il decreto d’abbandono

Gli autogestiti rioccupano l’ex Macello

Lugano, manifestante ferita all’ex Macello: ‘Denunciamo’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
2 ore
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
5 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
5 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
8 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
8 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
8 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
15 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved