laRegione
ex-macello-chiesti-100-000-franchi-di-risarcimento
Ti-Press
Le macerie a inizio giugno 2021, pochi giorni dopo la demolizione
20.04.22 - 17:59
Aggiornamento: 23:46

Ex Macello, chiesti 100’000 franchi di risarcimento

L’avvocato dell’associazione che rappresenta gli autogestiti ha notificato una pretesa a Comune e Cantone per gli oggetti sotto le macerie

Ex Macello: Città e Cantone paghino 100’000 franchi. A quasi un anno dallo sgombero e dall’inattesa demolizione del Centro sociale autogestito Il Molino, gli autonomi avanzano un’istanza di risarcimento ai due enti pubblici responsabili dell’abbattimento per i numerosi oggetti che si trovavano nello stabile nella notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi.

La richiesta, secondo nostre informazioni, è stata formulata nei giorni scorsi. «Sì, abbiamo notificato una pretesa, che è quantificata in maniera ancora sommaria e provvisoria in 100’000 franchi» ci conferma l’avvocato Costantino Castelli, che ha notificato l’istanza a nome dell’associazione Alba. «Al momento della demolizione c’era molto materiale nell’edificio – ricorda il legale –, beni di proprietà dell’associazione che aveva in uso lo stabile secondo la convenzione firmata vent’anni fa». La convenzione era stata sottoscritta da Alba (che sta per ‘Addio Lugano Bella Associazione’, costituita dagli autogestiti appositamente per le trattative), Consiglio di Stato e Municipio di Lugano, con il sindaco Giorgio Giudici (Plr) e i municipali Giuliano Bignasca (Lega) e Giovanni Cansani (Ps) trascinatori dell’iniziativa. La convenzione è stata poi rescissa unilateralmente dal Municipio della scorsa legislatura un paio di mesi prima della demolizione. E come vent’anni fa, tre sono le parti coinvolte anche oggi: la parte che si ritiene lesa, ossia l’associazione Alba, e poi Comune e Cantone «come debitori solidali»: ossia, qualora la pretesa venisse riconosciuta, la somma potrebbe venir rimborsata sia da una che dall’altra controparte.

Strumenti musicali, computer, elettrodomestici, bici e uno scooter

L’istanza è stata appena formulata e dunque gli autonomi sono in attesa di risposta, prima di passare, eventualmente, al foro civile per il contenzioso. Castelli sottolinea che la notifica è stata presentata in questo momento, in quanto «per legge va fatta entro un anno dai fatti». È stata prodotta una lista, che contiene almeno un centinaio di oggetti: «Sono di vario genere. Strumenti musicali, computer, elettrodomestici, mobili, effetti personali vari, biciclette e anche uno scooter». Cose che, verosimilmente, sono andate distrutte con la demolizione o con il tempo, in quanto dovrebbero trovarsi ancora sotto le macerie, dato che negli ultimi undici mesi l’area si trova sotto sequestro a causa dell’inchiesta penale tuttora in corsa: proprio Castelli ha impugnato lo scorso dicembre il decreto di abbandono del procuratore generale Andrea Pagani per i fatti di maggio, passando il caso alla Corte dei reclami penali. Nel frattempo, inoltre, si è aperto anche un altro fronte penale, relativo alla rioccupazione dell’ex Macello avvenuta poco prima di Capodanno. Episodio durante il quale si sono verificati degli scontri con le forze dell’ordine, che hanno portato da un lato a due arresti provvisori e undici fermi tra le fila dei manifestanti e dall’altro a una denuncia da parte di una donna che sostiene di aver subito uno spintone da parte della polizia, che l’avrebbe fatta cadere procurandole un trauma cranico. I manifestanti, oltre che dall’avvocata Immacolata Iglio Rezzonico, sono seguiti anche da Castelli. «Non ci sono novità su questo fronte. Negli ultimi mesi c’è stato qualche interrogatorio, ma sviluppi concreti non ve ne sono stati» ci spiega il legale.

La delusione di Valenzano Rossi

Stringata la reazione alla notifica della capodicastero Sicurezza di Lugano, Karin Valenzano Rossi. «Sì, l’abbiamo ricevuta settimana scorsa – conferma –. Di solito prima di fare le istanze ci si parla: la delusione è sempre la stessa, si va avanti a istanze senza parlarsi, è peccato. Vedremo nelle sedi giudiziarie che risposta dare».

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Ex Macello di Lugano, ricorso contro il decreto d’abbandono

Gli autogestiti rioccupano l’ex Macello

Lugano, manifestante ferita all’ex Macello: ‘Denunciamo’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
costantino castelli ex macello karin valenzano rossi lugano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
48 min
Mendrisio, ‘come si sta gestendo la penuria d’acqua?’
A chiederlo, con un’interrogazione urgente al Municipio, sono tre consiglieri comunali dell’AlternativA
Ticino
1 ora
Peste suina alle porte, previste limitazioni per alcune attività
Presentato dal Consiglio di Stato il ‘Manuale operativo’ per gestire il virus. ‘Segnalare le carcasse e smaltire correttamente i rifiuti’
Ticino
1 ora
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
2 ore
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
2 ore
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
3 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
3 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
4 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
5 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
10 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
© Regiopress, All rights reserved