laRegione
pse-non-si-poteva-rispettare-la-natura-e-i-suoi-tempi
Ti-Press
I lavori sono iniziati
20.04.22 - 15:32
Aggiornamento: 17:41

Pse, ‘Non si poteva rispettare la natura e i suoi tempi?’

Un’interrogazione dei Verdi di Lugano chiede lumi sulla distruzione di un biotopo durante i lavori preliminari al nuovo centro sportivo del Maglio

"Prima di procedere con il taglio degli alberi è stata effettuata una valutazione di cause ed effetti di tale processo sull’ecosistema dello stagno?". È questa una delle diverse domande che i Verdi Marisa Mengotti, Niccolò Castelli, Melitta Jalkanen e Deborah Meili hanno inoltrato al Municipio di Lugano. Il tema dell’interrogazione riguarda il biotopo situato in zona Maglio che, come denuncia il portale Naufraghi.ch, è stato distrutto durante i lavori preliminari per la creazione del nuovo Centro sportivo al Maglio (Csma) e del previsto autosilo da 80 posti. "Per anni non ha dato fastidio a nessuno, fino all’inizio dei lavori per il Csma. Evidentemente si è venuto a trovare nel posto sbagliato", denunciano i firmatari, che però riconoscono come lo stagno non sia inserito nell’inventario dei biotopi e delle zone palustri. "Tuttavia – prosegue il testo – secondo la legge tutte le zone umide sono ‘oggetti particolarmente degni di protezione’. Inoltre, se lo stagno in quanto tale non godeva di una protezione nazionale o cantonale, gli anfibi presenti nella pozza invece sì, poiché protetti a livello nazionale. Ma c’è di più: lo stagno in oggetto era tutelato a livello comunale poiché iscritto nel Piano regolatore intercomunale Piano della Stampa".

‘Le ovature degli anfibi sono andate distrutte’

Proprio la presenza di anfibi e la loro riproduzione sono al centro dell’interrogazione. "Le ovature sono infatti state inesorabilmente compromesse. Si è deciso di distruggere un habitat, proprio nel periodo della deposizione, ancora prima di aver predisposto un’alternativa". I firmatari chiedono quindi al Municipio "di riassumere le tappe che hanno portato all’eliminazione dello stagno in zona ‘al Maglio’. Chi ha preso la decisione dell’abbattimento degli alberi e chi ha stabilito i tempi dell’intervento?". Si chiede anche come mai non è stata considerata l’ipotesi di costruire il nuovo stagno prima di distruggere quello vecchio e se il periodo scelto era quello più adeguato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biotopo interrogazione lugano maglio nuovo centro sportivo verdi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
4 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
13 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
14 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
15 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
16 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
17 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
19 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
22 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved