laRegione
ho-commesso-degli-errori-e-reagito-in-ritardo
Ti-Press
Luganese
08.04.22 - 15:13
Aggiornamento: 16:52

‘Ho commesso degli errori e reagito in ritardo’

Fa autocritica il 68enne a processo per il buco da 24 milioni. La sentenza slitta a settimana prossima

Arriverà la settimana prossima la sentenza sul grosso dissesto nell’ambito degli investimenti immobiliari, che ha visto coinvolte società lussemburghesi e svizzere facenti capo alla M&A investors per un ‘buco’ da 24 milioni di franchi, sui 36 rastrellati presso investitori attirati dagli alti interessi promessi loro. Investimenti non andati a buon fine, interessi troppo elevati da pagare sulle obbligazioni e distrazioni di denaro per altri scopi hanno prodotto questo grave ‘crac’ finanziario. Due uomini alla sbarra: il titolare di queste società, un imprenditore 68enne italiano residente in Ticino, e un ticinese 58enne che operava come consulente finanziario. La posizione del primo è abbastanza pacifica, essendoci l’ammissione dei fatti – in particolare la ripetuta appropriazione indebita, mentre viene respinta l’accusa di ripetuta truffa per mestiere –, il lavoro per la Corte presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchietti è dunque relativamente semplificato. La procuratrice pubblica Chiara Borelli ha chiesto per lui una condanna a 6 anni e mezzo, il difensore Elio Brunetti invoca un massimo di 4 anni. L’uomo è in carcere dal 22 settembre 2020 ed è in esecuzione anticipata della pena.

Istruzioni dal superiore

Più ingarbugliata la situazione del 58enne ticinese: l’avvocato Michela Pedroli ne invoca l’assoluzione, o eventualmente una condanna per un massimo di 247 giorni, quelli già sofferti in carcere dal momento del suo arresto nel settembre 2020. La Procura chiede invece 5 anni e 5 mesi. Nella sua arringa, la difesa ha evidenziato il fatto che in quanto subordinato, egli non poteva essere al corrente del dissesto che stava maturando. Nel ‘vendere’ questi prodotti si basava su prospetti, opuscoli "si è sempre attenuto alle istruzioni del suo superiore. Non aveva accesso alle informazioni finanziarie della società". Insomma "poteva solo parlare di difficoltà finanziarie momentanee, di ritardi, di posizioni che si sarebbero sistemate. Non aveva accesso informatico ai dati contabili". A sostegno di questa posizione, la legale ha citato diverse testimonianze raccolte durante l’inchiesta. Non ha avuto la consapevolezza di ingannare gli acquirenti, per altro professionisti coscienti dei rischi connessi a questo tipo di titoli privi di ‘rating’ quindi dal rischio intrinseco. Il suo cliente, ha aggiunto, è incensurato, ed è stato collaborativo nel chiarire i fatti che conosceva.

L’autocritica

Infine, la parola agli imputati. Lunga e articolata quella del 68enne: "Sono un finanziere, nella vita ho gestito una grande massa di denaro e non sono mai giunto a una situazione di stress come questa che ho vissuto. Ho commesso degli errori, ho reagito in ritardo e con delle modalità superficiali. Solo quando i miei direttori finanziari hanno suonato il campanello d’allarme ho cominciato a ‘tagliare’ le cedole, nel 2017, ma non sono riuscito a portare a termine questo compito. Il tempo non è bastato. Convivevo con un tumore maligno, ma ho posto le basi per ristrutturare l’intero gruppo. Speravo che il mercato immobiliare ripartisse, ma così non è stato. È vero che ho tappato dei buchi, ma non ha funzionato. Accetto la mia pena, lamento di non aver trovato sulla piazza un consulente che mi accordasse cinque minuti di tempo. Quanto al 58enne, ha ammesso di aver ripensato a tutti gli investitori danneggiati, "alcuni li ho rivisti qui a Lugano, dove ho ritrovato lavoro, ci siamo detti belle parole, non sono dovuto scappare da nessuno".

La sentenza è attesa verosimilmente verso la fine della prossima settimana, e verrà comunicata alle parti senza udienza pubblica, cosa che l’avvocato Brunetti ha detto di accettare "a denti stretti".

Leggi anche:

In aula voragine da 24 milioni nell’ambito immobiliare

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crac immobiliare lugano m&a processo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
43 min
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
12 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
13 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
13 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
13 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
14 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
15 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
19 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
19 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
20 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved