laRegione
la-voce-della-politica-luganese-rivive-in-digitale
archivio Ti-Press
Sedute tra il 1962 e il 2003
07.04.22 - 14:20
Aggiornamento: 16:38

La voce della politica luganese rivive in digitale

Dopo un anno di lavoro sono stati documentati oltre 100 nastri magnetici dei 443 che compongono il fondo sonoro. Il lavoro si svilupperà in 4 anni

Entra nel vivo il progetto di valorizzazione delle registrazioni delle sedute del Legislativo di Lugano. Dopo un anno di lavoro sono stati infatti documentati oltre 100 nastri magnetici dei 443 che compongono il fondo sonoro. L’opera di restauro e di digitalizzazione promossa dall’Archivio amministrativo della Città di Lugano, in collaborazione con la Fonoteca nazionale della Biblioteca nazionale svizzera, l’Associazione Memoriav e la Divisione della cultura e degli studi universitari del Cantone Ticino, riporta alla luce uno spaccato inedito della storia e della vita politica cittadina. Il lavoro si svilupperà sull’arco di quattro anni.

Il progetto di digitalizzazione del fondo delle registrazioni delle sedute del Legislativo tra il 1962 e il 2003 consente di accedere a un patrimonio storico di grande interesse e di ripercorrere quarant’anni di vita politica comunale. L’ascolto della viva voce di chi ha animato i dibattiti in quel periodo offre diverse chiavi di lettura sull’evoluzione della politica cittadina, sulle differenze e le somiglianze che accomunano i consiglieri comunali del passato e del presente. Negli anni Sessanta del secolo scorso, si legge in un comunicato congiunto, "le registrazioni audio delle sedute servivano per facilitare la stesura dei verbali; le incisioni non erano realizzate per la diffusione e in alcuni casi si è reso necessario un lavoro di restauro dell’audio". Una particolarità che emerge "anche nel caso di imprevisti". Il 28 maggio 1973, per esempio, la risposta dell’allora sindaco Ferruccio Pelli a un’interrogazione relativa alla Funicolare degli Angioli fu interrotta dalla musica suonata in quel momento in Piazza della Riforma. "L’opera di restauro è molto preziosa poiché consente di scoprire i temi più significativi che hanno animato in quegli anni il dibattito in seno al Legislativo, o ancora i progetti e gli investimenti promossi in diversi settori". Trovano spazio anche temi più leggeri e curiosi, "come la richiesta di regolamentare l’uso delle sirene dei battelli che solcano il Ceresio (intervento del consigliere comunale Lorenzo Gilardoni durante la seduta del 5 luglio 1971). Iva Cantoreggi, prima consigliera comunale a essere registrata durante una seduta, si oppone al progetto di variante al piano regolatore che consente di edificare appartamenti con cucine senza finestre".

Sul sito www.lugano.ch/consiglio-comunale/archivio-sonoro esiste una presentazione del nuovo archivio, nella quale è possibile ascoltare una selezione di registrazioni di valore storico e trovare il link per accedere al fondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consigio nazionale fondo sonoro lugano nastri magnetici politica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
8 min
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
2 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
3 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
9 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
10 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
17 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
17 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
17 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
© Regiopress, All rights reserved