laRegione
droga-e-armi-cavalli-di-razza-tutti-estradati-in-italia
Ti-Press/Archivio
Il traffico di droga proveniva dall’Ecuador
03.04.22 - 18:38
Aggiornamento: 20:01
di Marco Marelli

Droga e armi: ‘Cavalli di razza’ tutti estradati in Italia

I ‘tentacoli’ della criminalità organizzata sconfinano in Ticino e in Svizzera, dove sentono di poter agire in piena libertà

I sei presunti ’ndranghetisti, arrestati lo scorso novembre in Svizzera (due dei quali a Lugano), nell’ambito dell’operazione "Cavalli di razza" (104 gli arresti tra Calabria, Toscana e Lombardia), sono stati tutti estradati in Italia. L’ultima estradizione è stata eseguita nel fine settimana negli uffici della Polizia di frontiera di Ponte Chiasso, dove è stato consegnato un 39enne calabrese, originario di Chiaravalle Centrale, residente a Coira, dove era stato arrestato, affiliato alla ’ndrina di Fino Mornasco, una emanazione di quella di Giffone, che ritroviamo in tutte le indagini della Dda di Milano che, dal 1994, hanno certificato il radicamento della criminalità organizzata in provincia di Como, con tentacoli in Ticino.

In Svizzera per schivare il 416 bis

I Clan, per sottrarsi al 416 bis, ovvero l’aggravante dell’associazione mafiosa, che prevede pesanti condanne e un regime carcerario molto duro, avevano deciso di replicare in Svizzera un modello ben strutturato in Italia. E in Svizzera si sentivano di poter agire in piena libertà, come più volte ha sottolineato Alessandra Dolci, da qualche anno capo della Dda di Milano, dopo essere stata per lunghi anni, braccio destro di Ilda Boccassini: "Con questa inchiesta abbiamo documentato la presenza in Svizzera di propaggini della locale ’ndrangheta di Fino Mornasco. Si muovevano con maggior tranquillità, arrivando a dire che conveniva stare in Svizzera perché non c’è il 416 bis (numerose le intercettazioni telefoniche in cui gli arrestati a Zurigo e Coira parlano del carcere duro, ndr)". Negli atti dell’indagine condotta dalla Questura di Milano e dalla Guardia di finanza di Como, oltre che del traffico di droga e armi, si parla anche del fatto che oltre Gottardo al clan di Fino Mornasco veniva chiesta la protezione. Alessandra Dolci: "Abbiamo accertato anche casi di soggetti calabresi titolari di esercizi commerciali in Svizzera, soprattutto ristoranti e locali notturni, che hanno chiesto l’intervento e la protezione dei nostri indagati per far cessare un’attività di spaccio davanti ai loro locali".

Ruolo ‘apicale’ del 41enne arrestato a Lugano

A rifornire gli spacciatori erano gli stessi che poi garantivano la protezione. Nel frattempo, si è appreso che un primo gruppo di dieci arrestati nel Comasco comparirà il 23 giugno davanti al tribunale collegiale di Como con rito immediato. Nel novembre scorso gli oltre cento arrestati erano finiti dietro le sbarre per un ventaglio di reati, fra cui associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di cocaina (quasi cinque quintali il quantitativo sequestrato soprattutto nei porti di Livorno e Vado Ligure) e di armi (dalla Svizzera in cambio di cocaina: accusa mossa agli affiliati della ’ndrina di Fino Mornasco). Un ruolo apicale nel colossale traffico di cocaina proveniente dall’Ecuador, gli inquirenti lo cuciono su uno dei due arrestati a Lugano, il 41enne arrestato in riva al Ceresio, dove lavorava in un ristorante come cuoco-cameriere.

Leggi anche:

’Ndrangheta, rito immediato per 43 presunti affiliati

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi cocaina criminalità organizzata droga estradati lugano razza svizzera ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
5 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
5 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
5 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
13 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
15 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
16 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
16 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
16 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
16 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
© Regiopress, All rights reserved