laRegione
lugano-sugli-hangar-e-una-vittoria-di-pirro
Ti-Press/Archivio
L’aeroporto di Lugano-Agno in un’immagine del 2019
28.03.22 - 16:45
Aggiornamento: 18:27

Lugano, sugli Hangar ‘è una vittoria di Pirro’

Malgrado abbia ottenuto ragione dal Tribunale federale, la Città non potrà spendere i sei milioni di franchi per le due strutture provvisorie

«Non c’è niente da costruire: il credito è scaduto. È la ‘classica’ vittoria di Pirro per la Città di Lugano. Il signor Kessel ha comunque ottenuto il suo obiettivo». Commenta così il titolare del Dicastero aeroporto di Lugano Filippo Lombardi la sentenza favorevole del Tribunale federale che ha respinto un ricorso presentato contro la costruzione di due nuovi hangar all’aeroporto di Agno. Quella del capodicastero è la conferma di quanto aveva dichiarato il municipale Michele Foletti: ossia che, nonostante il responso favorevole dei giudici di Mon Répos, le infrastrutture provvisorie non verranno realizzate dalla Città di Lugano. Il credito votato dal Consiglio comunale nella legislatura scorsa, più precisamente, nel maggio 2018 è definitamente scaduto.

Gestione privata, un incontro in vista

Di conseguenza, i sei milioni di franchi non si potranno spendere, nonostante la Città abbia ottenuto ragione nella vertenza avviata da Dario Kessel, imprenditore proprietario di alcuni fondi nel sedime aeroportuale. Tecnicamente, si parla di perenzione del credito, spiega Lombardi, secondo cui, «la vittoria può solo consolare la Città che aveva fatto le cose a regola d’arte, ma gli hangar non sono più realizzabili con il credito votato». Nel frattempo, quali sviluppi ci sono stati nell’operazione di passaggio della gestione dell’aeroporto in mano a privati? «Prossimamente il gruppo di lavoro tecnico-giuridico incontrerà le tre cordate rimaste in lizza», risponde il titolare del Dicastero aeroporto di Lugano. Lo scalo si deve tenere gli hangar che possiede, sarà casomai il gruppo di privati che assumerà la gestione aeroportuale a provvedere a un investimento ritenuto necessario, siccome le strutture odierne da diversi anni sono considerate vetuste e perché diversi aerei privati sono costretti a essere posteggiati all’aperto per carenza di spazio. Una necessità imprescindibile legata alla sopravvivenza stessa dell’aeroporto, come abbiamo scritto nel febbraio 2021.

Il voto quando esisteva ancora Lasa

D’altra parte, il credito di costruzione venne adottato dalla maggioranza del legislativo quando il contesto era completamente diverso. La Lugano Aiport Sa (Lasa) era ancora viva e, a livello politico, si discuteva di un messaggio municipale per ricapitalizzare la società e anche dell’opportunità di lanciare un referendum contro la realizzazione dei due hangar, ancorché provvisori. Intanto è cambiato quasi tutto. C’è stata l’ipotesi di un doppio referendum per il quale sono state raccolte le firme necessarie, contro i sostegni voluti dalla maggioranza del Consiglio comunale di Lugano (nel novembre 2019) di 5,76 milioni di franchi, e dalla maggioranza del Gran Consiglio che qualche settimana prima aveva votato il credito di 2,4 milioni a favore della ricapitalizzazione di Lasa e all’aumento della quota di partecipazione cantonale nella società dal 12,5% al 40%. Tali decisioni sono state oggetto di due referendum, uno cantonale e uno comunale, rinviati a causa della pandemia di coronavirus e infine annullati a seguito della liquidazione di Lasa.

Leggi anche:

Via libera dal Tribunale federale agli hangar ad Agno

Aeroporto, luce verde (sbiadita) agli hangar provvisori

Aeroporto, luce verde (sbiadita) agli hangar provvisori

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aeroporto hangar lasa lugano ottenuto ragione tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
4 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
5 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
11 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
11 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
11 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
19 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved