laRegione
24.03.22 - 15:54
Aggiornamento: 18:56

Unitas: ‘Devono dimettersi anche i membri delle fondazioni’

Inviata una lettera, con copia al Dss, sottoscritta da una trentina fra soci e volontari dell’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana

unitas-devono-dimettersi-anche-i-membri-delle-fondazioni
Ti-Press
Passo dopo passo

Sono già una trentina i soci di Unitas che, spalleggiati da volontari e utenti, hanno sottoscritto una lettera che chiede le dimissioni immediate non solo dell’intero comitato dell’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana – con sede centrale a Tenero, dove c’è la casa anziani Tarcisio, e dotata di varie strutture sparse in Ticino, fra cui il centro diurno Andreina di Lugano – notizia anticipata dalla nostra testata, ma, ed è qui la novità, anche dei membri delle due fondazioni ‘Tarcisio Bisi e Anita Gaggini’ ed ‘Emma ed Ernesto Rulfo’ volte, secondo i rispettivi mandati, ad assistere, sostenere e garantire nel tempo le attività di Unitas nonché di fornire prestazioni a favore degli stessi soci in difficoltà.

Soci, volontari e utenti chiedono, dunque, quella che viene definita come una ‘reazione’. Nella lettera, dove si citano anche gli articoli pubblicati da ‘laRegione’, si ritorna sui casi di molestie e di mobbing di cui si sarebbe fatto autore negli anni un’importante figura ai vertici dell’associazione, persona che oggi riveste ancora cariche all’interno proprio di uno dei due enti paralleli. Alla missiva in particolare, preme sottolineare come "duole notare che buona parte di chi non ha commesso abusi, pur essendone a conoscenza, non ha fatto nulla per fermarli, agendo così per omissione". Comportamenti che vengono valutati "inaccettabili e compromettenti per l’integrità degli utenti e la credibilità degli enti stessi".

Nuovi interrogativi a Manuele Bertoli che ‘non ha più niente da aggiungere’

Per questo, è il succo importante della richiesta vergata da una corposa rappresentanza di persone che gravitano intorno all’associazione, "sulla base di queste informazioni e in seguito alla richiesta di presa di posizione del Consiglio di Stato per conto di una recente interrogazione del gruppo dei Verdi in Gran Consiglio, gli appellanti ritengono doverose le dimissioni dei membri dei comitati dell’associazione Unitas e delle fondazioni ‘Tarcisio Bisi e Anita Gaggini’ ed ’Emma ed Ernesto Rulfo’.

Con questa nuova presa di posizione, abbiamo girato nuovi interrogativi al consigliere di Stato Manuele Bertoli, già direttore di Unitas e oggi membro di uno dei consigli di fondazione. Tre, in particolare, gli interrogativi che abbiamo posto al direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport che, anche recentemente, ha ricevuto in copia comunicazioni inviate internamente dal comitato. A Bertoli abbiamo voluto chiedere soprattutto se non intenda dare spontaneamente le dimissioni dopo la situazione venutasi a creare intorno a Unitas. In secondo luogo, se sia intervenuto in queste ultime settimane all’interno della sua carica nella fondazione per magari biasimare i comportamenti della persona che era vertici del comitato e che ora siede accanto a lui nella fondazione. E infine, avremmo voluto tornare sul non luogo a procedere scattato per prescrizione dei termini in merito a una segnalazione, avvenuta lo scorso ottobre, che aveva attivato alcune verifiche da parte della Polizia cantonale, in particolare su casi più recenti risalenti al periodo fra il 2017 e il 2019 (di molestie si parlava infatti ben prima, come riportato in queste ultime settimane da alcune testimonianze da noi raccolte e trasmesse anche alla Rsi). La domanda a Bertoli era semplicemente questa: come commenta questa decisione? La stringata risposta dell’ufficio del presidente del Governo ticinese è invece stata: "Il consigliere Bertoli su questa vicenda non ha più niente da aggiungere".

Sul fronte del Dipartimento sanità e socialità, diretto da Raffaele De Rossa, referente di Unitas, da nostre informazioni si starebbe valutando il da farsi. Nel frattempo, il comitato, che appare sempre più ‘sfiduciato’, e la direzione stessa di Unitas hanno aperto un’inchiesta interna. Come indicato in un’informativa inviata negli scorsi giorni ai soci dell’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana. L’inchiesta sarà affidata all’avvocata Raffaella Martinelli Peter, che ha dunque il compito di accertare l’effettiva portata di quelli che nella lettera scritta dai vertici vengono definiti "comportamenti inappropriati attribuiti a un membro di Unitas". Comportamenti in relazione ai quali il comitato e la direzione "sono sicuramente a disposizione per fornire alle persone che fino ad ora non hanno voluto o potuto esprimersi un’occasione per essere ascoltate e sostenute. Desideriamo esprimere profondo rincrescimento e vicinanza alle persone che hanno subito quanto riferito – si legge ancora – e garantiamo che daremo tutto il sostegno necessario per i prossimi passi". Forse un po’ in ritardo, come del resto dice il proverbio ‘chiudere la stalla quando i buoi sono scappati’...

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Molestie Unitas, non luogo a procedere

Sulle presunte molestie in seno a Unitas, i Verdi chiedono lumi

Manuele Bertoli: ‘Su Unitas non sono a conoscenza diretta’

Molestie all’Unitas: parte l’inchiesta interna

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
45 min
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
1 ora
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
2 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
3 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
6 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
6 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
6 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
16 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
17 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
21 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
© Regiopress, All rights reserved