laRegione
18.03.22 - 19:33
Aggiornamento: 23.03.22 - 17:33

Maggio, Comuni e Dss: assieme per le cure a domicilio

Si è svolto ieri a Manno un incontro con l’obiettivo di ampliare il dibattito, e il lavoro in rete, nel settore

maggio-comuni-e-dss-assieme-per-le-cure-a-domicilio
Raffaele De Rosa, Daniele Bianchi, Stefano Motta e Marzio Della Santa

Avvicinare i Municipi del Malcantone e del Vedeggio per aprire il dibattito sugli scenari futuri delle cure a domicilio. Questo lo scopo dell’incontro tenutosi giovedì sera alla sala Aragonite di Manno tra i rappresentanti dell’associazione Maggio, i Comuni e il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità Raffaele De Rosa.

Durante la serata, il presidente dell’ente attivo nell’assistenza e nella cura a domicilio Daniele Bianchi ha evidenziato l’importanza dei Comuni nel settore: non solo perché sono i principali finanziatori delle attività di cura a domicilio, ma anche perché conoscono bene le realtà locali e possono pertanto raccogliere i bisogni e aiutare a individuare le soluzioni adeguate. Il settore è fortemente in espansione, ha ricordato da parte sua il direttore di Maggio Stefano Motta, tanto che nel decennio scorso è stato registrato un incremento delle prestazioni di cura fornite da Maggio del 70% e nel prossimo è previsto un aumento del 62%.

"Le sfide – si legge in una nota – non riguardano però solamente gli aspetti quantitativi; sono pure legate a un sempre maggior bisogno di prestazioni specialistiche, come ad esempio nel settore delle cure geriatriche, palliative o psichiatriche. Questo a fronte di un mercato del lavoro che registra una ormai cronica mancanza di personale sociosanitario". Pertanto, Marzio Della Santa, quale vicepresidente di Maggio, ha sottolineato la necessità di trovare soluzioni condivise e che coinvolgano i vari attori del settore, come ad esempio attraverso lo studio e lo sviluppo di reti integrate regionali. Il settore delle cure a domicilio, ricordiamo infine, sarà centrale nel modello di presa a carico dei bisogni previsto dalla Pianificazione integrata anziani e cure a domicilio orizzonte 2030 del Cantone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
3 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
4 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
7 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
7 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
7 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
15 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
15 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
16 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
16 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
© Regiopress, All rights reserved