laRegione
18.03.22 - 17:42
Aggiornamento: 20.03.22 - 18:05

Molestie all’Unitas: parte l’inchiesta interna

Il comitato e la direzione dell’associazione affidano a una legale indipendente gli approfondimenti sui casi emersi nelle ultime settimane

molestie-all-unitas-parte-l-inchiesta-interna
Ti-Press
Accuse che vanno approfondite

Ci sarà un’inchiesta interna sui casi di molestie segnalati all’Unitas. Sono il comitato e la direzione stessi a promuoverla, come indicato in un’informativa inviata oggi ai soci dell’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana. L’inchiesta sarà affidata all’avvocata Raffaella Martinelli Peter, che avrà dunque il compito di accertare l’effettiva portata di quelli che nella lettera scritta dai vertici vengono definiti "comportamenti inappropriati attribuiti a un membro di Unitas". Comportamenti in relazione ai quali il comitato e la direzione "sono sicuramente a disposizione per fornire alle persone che fino ad ora non hanno voluto o potuto esprimersi un’occasione per essere ascoltate e sostenute". "Desideriamo esprimere profondo rincrescimento e vicinanza alle persone che hanno subito quanto riferito – si legge ancora – e garantiamo che daremo tutto il sostegno necessario per i prossimi passi".

Ammessi dei casi, ma non di mobbing

La decisione è stata presa ieri, 17 marzo, durante una riunione per fare il punto della situazione in seguito ai servizi apparsi sui media nelle ultime settimane. Unitas sostiene che, prima di questi contributi, non sarebbe stata al corrente degli accertamenti di polizia, mentre sempre dai media sarebbe venuta a sapere del non luogo a procedere. Si sottolinea inoltre che "sul tavolo del comitato non sono arrivate segnalazioni di casi di mobbing". Discorso diverso invece per delle molestie verbali o dei toccamenti. "Un caso di molestia verbale è stato trattato nel dicembre 2019 con la consulenza di un legale, ed è stato chiuso a soddisfazione della persona coinvolta. La collaborazione con un legale è stata voluta proprio per rispettare le procedure corrette e tutelare le parti come previsto dalla legge. La parte lesa medesima si è detta soddisfatta dei provvedimenti presi e non ha ritenuto di procedere oltre. Noi come datore di lavoro abbiamo accertato il fatto e siamo intervenuti. Per gli altri due casi di cui il comitato e la direzione sono venuti successivamente a conoscenza diretta, si trattava di molestie verbali o toccamenti per i quali le persone interessate non hanno voluto che procedessimo oltre".

La lettera si conclude con una condanna delle molestie: "L’importante per noi è la sicurezza e la difesa delle persone attive con e nella nostra associazione. Unitas non tollera e non tollererà nemmeno in futuro atteggiamenti e comportamenti simili da parte di dipendenti, soci, utenti o volontari". L’associazione ricorda a tal proposito che esiste una regolamentazione specifica sviluppata con l’Ufficio cantonale delle pari opportunità – entrata in vigore nel febbraio del 2021 –, che i quadri vengono formati e l’intero personale sensibilizzato.

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Molestie in Unitas? ‘Non luogo a procedere’. Per prescrizione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
6 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
7 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
8 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
10 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
10 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
10 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
10 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
12 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
14 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
© Regiopress, All rights reserved