laRegione
17.03.22 - 15:42
Aggiornamento: 16:32

Ripetuta violenza carnale di gruppo alle Criminali di Lugano

Tre ventenni sono stati rinviati a processo con l’accusa di aver stuprato una coetanea. Ma gli imputati negano. Rischiano oltre 5 anni di carcere

di Guido Grilli
ripetuta-violenza-carnale-di-gruppo-alle-criminali-di-lugano
Ti-Press
La procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis

L’avrebbero ripetutamente violentata, filmata con il telefonino cellulare durante gli atti sessuali e picchiata. La vicenda sarebbe avvenuta nel Luganese a casa di uno degli imputati, sei mesi fa, il 25 settembre scorso, al termine di una serata in discoteca. Autori, tre ventenni, due cittadini italiani e uno ticinese, che negano ogni addebito, sostenendo che la vittima – una loro coetanea – fosse consenziente. Non la pensa così, invece, la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, titolare dell’inchiesta penale, che dopo l’istruzione del caso ha disposto il rinvio a giudizio dei tre imputati per il prossimo 4 aprile davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano. Processo che potrebbe durare più giorni.

Avrebbero filmato le scene delle violenze sessuali

I tre giovani, a vario titolo e ognuno secondo le proprie responsabilità, dovranno rispondere di violenza carnale ripetuta, violazione della sfera segreta o privata mediante apparecchi di presa di immagini ripetuta, coazione sessuale ripetuta, lesioni semplici, subordinatamente vie di fatto, ingiuria e contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti. La Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani (giudici a latere, Aurelio Facchi e Monica Sartori-Lombardi) sarà completata dagli assessori giurati, motivo per cui se gli imputati saranno riconosciuti colpevoli rischiano condanne superiori ai cinque anni di carcere. I tre ventenni, che si presenteranno in aula in stato di detenzione, saranno difesi dagli avvocati difensori: Clarissa Indemini, Mattia Guerra e Deborah Gobbi. Il caso, come detto, è indiziario dal momento che gli accusati si professano innocenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
23 min
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
5 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
10 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
10 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
17 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
18 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
19 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
20 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
20 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
21 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
© Regiopress, All rights reserved