laRegione
pirata-della-strada-a-110-all-ora-per-un-bisogno-fisiologico
Ti-Press
Fermato dal radar
15.03.22 - 10:42
Aggiornamento: 17:06

Pirata della strada: a 110 all’ora per un bisogno fisiologico

Un 49enne recidivo si è giustificato così davanti al giudice. Condannato a 16 mesi di detenzione sospesi. Via la patente a tempo indeterminato

«Avevo un bisogno fisiologico e volevo essere a casa il più presto possibile». Così un 49enne italiano domiciliato nel Luganese, pirata della strada recidivo, ha giustificato davanti al giudice il suo ennesimo superamento di velocità a bordo della sua moto: il 4 novembre dello scorso anno, su una strada cantonale di Gravesano dove vige il limite dei 50 chilometri all’ora, è sfrecciato a 111 orari. Il superamento di ben 61 chilometri è stato registrato dal radar. Conseguenza: ritiro della patente a tempo indeterminato e rinvio a processo per infrazione grave qualificata alle norme della circolazione. L’imputato si è presentato stamane davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta.

Non ha tratto insegnamenti dai suoi precedenti penali

Il 49enne ha alle spalle diversi precedenti penali: per un radar proprio poco prima dell’incidente di Gravesano, una condanna per stupefacenti nel 2012, guida in stato di inattitudine. E ancora: lesioni colpose e omissione di soccorso, guida senza licenza. Le parti hanno rinunciato alla discussione. La procuratrice pubblica, Pamela Pedretti, ha spiegato alla Corte di aver trovato un accordo con l’avvocato di difesa, Giorgia Maffei, per una pena di 16 mesi di detenzione posta al beneficio della sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni. Pena aggiuntiva al precedente radar beccato dall’imputato. La condanna è stata accolta dal giudice, Amos Pagnamenta, che ha definito la colpa del 49enne grave, «sia oggettivamente sia soggettivamente, dal momento che l’imputato non è nuovo a condanne della circolazione che sembrano non essere state utili a dissuaderlo dal compiere nuovi reati».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condanna pirata processo velocità
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
4 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
13 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
14 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
15 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
16 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
17 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
19 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
22 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved