laRegione
14.03.22 - 14:00
Aggiornamento: 16:28

Lugano, ‘la terza corsia non risolverà i problemi di traffico’

Interrogazione interpartitica al Municipio chiede quali saranno le conseguenze del PoLuMe per il Luganese

lugano-la-terza-corsia-non-risolvera-i-problemi-di-traffico
archivio Ti-Press
‘Colonne e tempi d’attesa rimarranno’

Nelle sue linee di sviluppo dedicate all’aumento progressivo della quota di trasporto pubblico e della mobilità lenta, la Città di Lugano ha dichiarato di "sostenere la realizzazione del progetto di potenziamento autostradale Lugano-Mendrisio (PoLuMe) fin da Lugano Nord per liberare il centro cittadino dal traffico parassitario". Sul tavolo del Municipio di Lugano è arrivata un’interrogazione interpartitica – sottoscritta da Melitta Jalkanen, Nicola Schoenenberger, Niccolò Castelli, Deborah Meili, Marisa Mengotti, Raoul Ghisletta, Tamara Merlo, Edoardo Cappelletti, Sara Beretta Piccoli, Aurelio Sargenti e Federica Colombo – sul tema. "L’aumento della capacità stradale – ottenuta mediante l’apertura temporanea di una terza corsia dinamica (recuperata dalla corsia di emergenza), la creazione di nuovi svincoli e di nuove gallerie – non risolverà a breve termine i problemi di traffico, rischiando al contrario di peggiorarli a causa del traffico indotto – sottolineano i consiglieri comunali –. Potenziamento significa più veicoli in circolazione sulla rete stradale e, di conseguenza, un carico ulteriore anche per le strade cantonali e comunali di alcuni comuni del Sottoceneri". Inoltre, "i colli di bottiglia alle entrate e uscite delle città permarranno, così come le colonne e i tempi di attesa. Questo progetto prevede diversi cantieri sull’arco di oltre un decennio, con il rischio di isolare il Mendrisiotto e il Basso Ceresio dal resto del cantone. Già oggi, infatti, singoli cantieri possono mandare in tilt il sistema viario". A questo si aggiungono le "conseguenze nefaste sulla salute dei residenti", una "condizione destinata a peggiorare con l’aumento del traffico", e l’aumento del pericolo "venendo a mancare la possibilità di fermarsi in sicurezza in caso di panne o incidenti". Quello del PoLuMe "per stessa ammissione dell’Ustra è considerato un progetto ‘cerotto’ e provvisorio fino alla messa in funzione del prolungamento a sud di Lugano di AlpTransit, previsto tiepidamente solo nel 2054".

Domande al Municipio

Al Municipio di Lugano viene chiesto se sostiene integralmente il progetto previsto da Ustra e, in caso contrario, quali modifiche apporterebbe; se ritiene il progetto "compatibile con una pianificazione del territorio votata alla protezione dell’ambiente e del clima, la promozione della mobilità sostenibile e lenta e della salute della popolazione. I consiglieri vogliono inoltre sapere "in che misura il PoLuMe è una misura strategica per aumentare progressivamente la quota di trasporto pubblico e della mobilità lenta a Lugano", se esistono delle perizie che dimostrano un effetto sulla ripartizione modale a Lugano del progetto PoLuMe, "in che modo la creazione della terza corsia libererà le vie residenziali del centro cittadino dal traffico parassitario. Pensando agli investimenti milionari votati dal Gran Consiglio per promuovere il trasporto pubblico, "il PoLuMe andrà a vanificare gli effetti benefici" di questi investimenti? Per gli interroganti "le colonne alle entrate e alle uscite dei centri urbani permarranno: è stato valutato l’impatto del maggiore volume di traffico dovuto al potenziamento dell’autostrada e al conseguente aumento del traffico motorizzato privato sull’area urbana del Luganese?". Al Municipio viene infine chiesto se "intende promuovere maggiormente e con più insistenza presso la Confederazione il prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Pizzicato al confine con 750 mila euro non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
3 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
3 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
Luganese
10 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
10 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
13 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
13 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
13 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
14 ore
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
15 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
© Regiopress, All rights reserved