laRegione
processo-per-riciclaggio-il-credit-suisse-va-assolto
Keystone
25.02.22 - 19:03
ATS, a cura de laRegione

Processo per riciclaggio, il Credit Suisse va assolto

Per la legale dell’istituto di credito, la Procura federale ‘ha voluto a tutti i costi far condannare una banca svizzera’

La difesa di Credit Suisse ha chiesto oggi l’assoluzione su tutta la linea della grande banca nel processo per riciclaggio di denaro che vede coinvolti l’istituto di credito e la criminalità organizzata bulgara davanti al Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona.

Nella sua arringa, la legale di Credit Suisse Isabelle Romy ha inoltre denunciato il procedimento condotto dal Ministero pubblico della Confederazione. L’altroieri, nella sua requisitoria, l’Mpc aveva chiesto una multa di 5 milioni di franchi – il massimo consentito dalla legge – contro l’istituto di credito e una pena totalmente o parzialmente sospesa per gli altri coimputati.

Secondo l’avvocata, il procedimento è andato per le lunghe a causa dell’«accecamento della Procura federale, che ha voluto a tutti i costi far condannare una banca svizzera». Per questo motivo ha anche domandato un risarcimento equo per Credit Suisse. Accanto alla multa, l’Mpc aveva invece chiesto alla grande banca un doppio risarcimento: 34 milioni di franchi, che corrispondono ai fondi sfuggiti alla giustizia, e 7 milioni di franchi, che rappresentano i guadagni ottenuti nella vicenda.

Davanti al Tpf, Romy ha contestato tali accuse, affermando che l’origine illecita dei fondi non è stata accertata. Non v’è neppure motivo di sanzionare la banca per i presunti guadagni realizzati grazie al denaro della rete di trafficanti bulgari di Evelin Banev. Confutando qualsiasi manovra dilatoria od ostruzione da parte di Credit Suisse, la legale ha evocato i numerosissimi atti istruttori e le richieste di informazioni dell’Mpc. Parlando a diverse riprese di «fishing expedition», Romy ha ritenuto che l’accusa abbia condotto ricerche a tutto campo volte a confermare l’ipotesi perseguita sin dall’inizio, secondo cui la banca avesse riciclato del denaro proveniente dalla rete criminale bulgara di Banev.

La buona fede del Credit Suisse

«Al contrario, Credit Suisse aveva tutto l’interesse a dimostrare la sua innocenza in questo caso e a collaborare al procedimento per porvi fine», ha sottolineato l’avvocata. Nonostante questa buona volontà, l’Mpc ha violato i principi procedurali e redatto un atto d’accusa sotto forma di requisitoria scritta. La legale ha anche contestato il valore probatorio delle sentenze straniere che condannano Banev e membri del suo clan, che sono invocate dall’accusa. In Italia, ad esempio, non è stato provato che i fondi sarebbero stati riciclati da Credit Suisse. In Bulgaria, la condanna del ‘boss’ non ha riguardato atti di riciclaggio. In Spagna, non si è arrivati neppure al processo nei confronti di Evelin Banev. In queste condizioni, l’origine illecita del denaro non sarebbe stata accertata.

Nessuna carenza presso Credit Suisse

La difesa ha anche cercato di smontare la realtà degli affari immobiliari in cui era coinvolto Banev, nonché le pratiche di finanziamento in vigore in quel periodo di boom. L’Mpc accusa Credit Suisse di aver concesso un prestito a tal fine che, in realtà, avrebbe mascherato operazioni di riciclaggio di denaro. Elencando tutti i controlli che erano stati effettuati dai servizi della banca, Romy ha respinto al mittente le accuse di carenze nella documentazione.

L’avvocata ha ritenuto che è l’atto d’accusa, semmai, a essere lacunoso per quanto riguarda il sostegno a un’organizzazione criminale. Gli elementi di tale reato non sarebbero stati accertati dalla procura federale per l’apertura del conto e le transazioni. Romy ha quindi concluso che, in queste condizioni, le accuse di riciclaggio di denaro e di sostegno all’organizzazione non sarebbero provate, sia per quanto riguarda Credit Suisse sia per il suo ex consulente alla clientela.

Il processo proseguirà la settimana prossima con le arringhe dei difensori degli altri coimputati, contro i quali il Ministero pubblico della Confederazione ha chiesto pene sospese e multe di 10’000 franchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse processo tribunale penale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
5 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
17 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
18 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
19 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
20 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved