laRegione
25.02.22 - 16:42
Aggiornamento: 18:06

Spaccio di droga, 29enne condannato a tre anni di prigione

Trafficò due chili di coca e quattro di erba, ma all’uomo è stata inflitta una pena inferiore del previsto perché ha dimostrato un ‘concreto ravvedimento’

spaccio-di-droga-29enne-condannato-a-tre-anni-di-prigione
Ti-Press/Archivio
Tanta cocaina e marjiuana smerciate a consumatori locali

Un cambio di vita per il 29enne che è comparso oggi in aula penale al Palazzo di Giustizia di Lugano, nel giorno del suo compleanno: l’uomo, domiciliato nel Luganese, si è lasciato alle spalle un passato di tre anni, durante i quali ha spacciato grossi quantitativi di droga. Dopo l’arresto e la reclusione ha saputo reintegrarsi nella società avviando un’attività professionale indipendente insieme alla compagna dalla quale ha avuto un figlio. L’imputato avrebbe meritato una condanna superiore a quella inflitta dalla Corte della Assise criminali di Lugano, ma, nei suoi confronti, si è giunti a una pena più lieve – tre anni di prigione, di cui due sospesi condizionalmente per un periodo di prova di cinque anni – alla luce del suo riscatto e della sua risocializzazione.

La sentenza pronunciata dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti (affiancata dai giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Aurelio Facchi) combacia con l’accordo proposto dalla pubblica accusa, sostenuta dalla procuratrice Margherita Lanzillo, e dall’avvocato Yasar Ravi. Il 29enne è stato incarcerato preventivamente il 10 aprile 2019, per la durata di 99 giorni, per aver spacciato dall’aprile 2016 un quantitativo complessivo di circa 2’150 grammi di cocaina e di 4’050 di marijuana e hascisc. L’imputato solo oggi ha ammesso integralmente i fatti indicati nell’atto d’accusa, confessando che i motivi che l’hanno spinto a svolgere attività illegali, di facile guadagno, erano di natura prettamente egoistica. L’uomo ha mostrato di essersi pentito e di non aver considerato l’impatto che le sue azioni avrebbero avuto sul suo entourage. Il 29enne non tornerà dietro le sbarre: sarà il giudice dei provvedimenti coercitivi a stabilire le modalità di espiazione della pena.

Anche il secondo processo odierno è stato celebrato con il rito abbreviato. La Corte delle Assise correzionali di Lugano presiedute dal giudice Marco Villa ha inflitto all’imputato, un 32enne residente nel Luganese, diciotto mesi sospesi con la condizionale di due anni per aver spacciato oltre 300 grammi di cocaina, nel giro di sette mesi, tra il novembre 2020 e il giugno dell’anno successivo. Il giudice ha accolto la pena patteggiata dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti e l’avvocato Roberto Rulli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 min
Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
1 ora
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
1 ora
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
2 ore
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
3 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
4 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
4 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
4 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
8 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
10 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
© Regiopress, All rights reserved