laRegione
21.02.22 - 11:25
Aggiornamento: 17:49

‘Sbullo’, la polizia di Lugano incontra le quinte elementari

L’ottava campagna di prevenzione contro violenza giovanile e molestie tramite smartphone coinvolgerà 27 classi, per un totale di 440 allievi

sbullo-la-polizia-di-lugano-incontra-le-quinte-elementari
Il manifesto della campagna

Inizia domani, martedì 22 febbraio, l’ottava edizione di ‘Sbullo’, la campagna di prevenzione contro violenza giovanile e molestie tramite smartphone che la Polizia Città di Lugano organizza con i giovani di quinta elementare dell’Istituto scolastico della città di Lugano. Fino al 25 marzo, il sergente capo Claudio Mastroianni e il caporale Patrick Bruehwiler della Polizia Città di Lugano si recheranno nelle sedi scolastiche di Lugano per incontrare 27 classi di 5a elementare, per un totale di 440 allievi; al tema saranno dedicate due ore d’incontro formativo. Annunciata anche la presenza del referente per la regione del Luganese di Visione Giovani della Polizia cantonale. Gli allievi riceveranno tre opuscoli, editi dalla Prevenzione svizzera della criminalità. Si tratta di due pubblicazioni informative ‘My little safebook’, incentrate sui reati penali, uno per i genitori e uno per i figli, e del nuovo mini pieghevole ‘Come vivi online?’, che fornisce ai giovani informazioni brevi e concise sui comportamenti corretti da adottare in rete, specie per proteggersi.

‘Sbullo’ vuole trattare i temi violenza, furti, danneggiamenti e graffiti; educare i giovani ai valori del rispetto, identità e differenze, stima e autostima, emozioni e il loro riconoscimento; aiutare i ragazzi ad affrontare consapevolmente i rischi che si possono incontrare navigando in rete e sui social network; insegnare loro le misure di protezione dei dati personali, foto o selfie che si caricano sui social network; e, infine, sensibilizzare sulla necessità di comunicare immediatamente le situazioni rischiose ai propri genitori e a dialogare apertamente con i loro docenti a scuola.

Il perché una campagna indirizzata a un target così giovane è presto spiegato. "Una grandissima parte degli allievi delle scuole elementari è già fortemente attiva in internet e sui social network – spiega la Polizia Città di Lugano in una nota –. Tra pochi mesi, inoltre, gli allievi di 5a elementare passeranno alla scuola media, nel cui ambito potrebbero essere confrontati con comportamenti più aggressivi e molesti. Pare dunque più che sensato, per la nostra polizia cittadina di prossimità, offrire già ora buone informazioni e consigli riguardo alle situazioni indesiderate in cui potrebbero imbattersi".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
2 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
3 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
4 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
4 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
6 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
6 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
8 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
8 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
12 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved