laRegione
18.02.22 - 18:36
Aggiornamento: 21.02.22 - 17:13

Melide, sul futuro del porto deciderà la popolazione

Riuscito il referendum contro la variante di piano regolatore. Lunedì la consegna delle firme in cancelleria. ‘Vogliamo si riveda un po’ tutto’

melide-sul-futuro-del-porto-decidera-la-popolazione
L’area dove dovrebbe sorgere il porto galleggiante

Ha avuto successo, secondo i suoi promotori, il referendum lanciato a inizio anno a Melide contro la variante di Piano regolatore, votata da un’ampia maggioranza nell’ultima seduta di Consiglio comunale del 2021, che prevede la possibilità di realizzare un nuovo porto galleggiante. «Al momento abbiamo raccolto oltre 200 firme, quando per la riuscita ne bastavano fra le 145 e le 150», spiega Olga Mattioli, prima firmataria del referendum. «Il numero preciso non lo sappiamo ancora, perché fino a domenica andremo avanti a raccogliere adesioni». Le firme verranno infatti consegnate lunedì pomeriggio alla cancelleria comunale. Un progetto definitivo sul porto galleggiante ancora non c’è, nonostante questo i promotori si sono mossi considerando sproporzionata la variante pianificatoria. Nel messaggio del Municipio ci sono comunque alcune proposte, l’ultima delle quali permette 120 attracchi galleggianti per un costo di circa 1,32 milioni di franchi. «Vogliamo che si riveda un po’ tutto. Ci sono delle zone un po’ scure su questo tema che non sono state spiegate. È mancata una serata pubblica d’informazione prima di mandare il messaggio in Consiglio comunale». Le idee dei referendisti sono comunque chiare: «Non vogliamo la realizzazione di un porto galleggiante lì. Siamo in contatto anche con l’associazione pescatori che in quella zona, un vero microcosmo acquatico, getta le proprie reti». A preoccupare Olga Mattioli e gli altri firmatari è anche il numero d’imbarcazioni che potrebbero trovare posto a Melide. «Così tante barche riunite lì non vanno bene, bisogna ripensare il tutto».

‘Porto inquinato e parzialmente inagibile’

Il sindaco di Melide Angelo Geninazzi non si dice sorpreso della riuscita del referendum. «Sarà finalmente l’occasione per confrontarsi apertamente sul tema nei prossimi mesi e mettere in campo delle soluzioni possibili». Quello che si andrà a votare, sottolinea il sindaco, non è però il progetto del nuovo porto. «Siamo ancora allo stadio della variante di piano regolatore, che costituisce semplicemente la premessa per poter risolvere problemi che riguardano il porto da tempo. Se approvato, il nuovo piano regolatore darebbe il via alla discussione su un progetto nel quale, ad esempio, si potrebbe decidere quanti posti barca verranno davvero realizzati». A preoccupare le autorità in questo momento sono soprattutto le condizioni ambientali e logistiche dell’attuale porto, che da oltre cinquant’anni non subisce interventi di miglioria e ammodernamento. «La melma che si deposita sul fondale risulta molto inquinata ed è quindi complicato gestirla. Durante i lavori per la sua rimozione non è infatti possibile rigettarla nel lago, proprio per via del suo alto grado d’inquinamento». I livelli riscontrati negli ultimi rilievi risultano molto superiori al limite consentito: fino a sette volte oltre i parametri, con una forte presenza d’idrocarburi e zinco. L’operazione necessaria è quindi quella di estrarre la melma dal lago e smaltirla con apposite procedure, «un’operazione economicamente insostenibile se non fatta nell’ambito della revisione del porto, quest’ultima legata alla modifica del piano regolatore», spiega Geninazzi. A questa problematica si aggiunge il livello dell’acqua che, complice la melma e la siccità, risulta talvolta insufficiente per permettere il passaggio delle imbarcazioni. «In questo momento le barche non possono entrare e uscire dal porto, che risulta di fatto inagibile», conclude Geninazzi.

Leggi anche:

Porto galleggiante contestato a Melide

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
43 min
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Locarnese
2 ore
Polcom Locarno, nuova inchiesta amministrativa
Dopo il licenziamento di un agente, stavolta è il turno di un suo collega, oggetto di un’indagine per apprezzamenti verbali verso una donna
Ticino
3 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
5 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
8 ore
Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
8 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
8 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
16 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
18 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
© Regiopress, All rights reserved