laRegione
origlio-condanna-contestata-dall-ex-municipale-udc-lega
Ti-Press/Francesca Agosta
La Casa comunale di Origlio
laR
 
23.02.22 - 05:25
Aggiornamento: 15:36

Origlio, condanna contestata dall’ex municipale Udc-Lega

Sfocerà in un processo in Pretura penale la denuncia per ingiuria e diffamazione sporta dall’esecutivo a tutela della propria onorabilità

Una polemica di paese nella quale i toni si sono alzati in maniera eccessiva e forse inopportuna sarà la trama di un prossimo processo, che andrà in scena in un’aula penale della Pretura di Bellinzona. L’ex municipale Lega-Udc Riccardo Braga era stato denunciato per ingiuria e diffamazione dal Municipio e dal segretario comunale di Origlio per due volantini che aveva inviato a tutti i fuochi tra la fine di dicembre del 2020 e la metà di gennaio dell’anno scorso. Ebbene, la querela è sfociata, nel gennaio scorso, in un decreto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Buzzi. Un decreto che lo ha condannato alla pena pecuniaria di 30 aliquote di 50 franchi ciascuna, al pagamento della tassa di giustizia e a una multa. Però, Braga non è d’accordo e ha presentato formale opposizione. Per questo, le parti saranno convocate a un dibattimento pubblico dinanzi a un giudice della Pretura penale che condurrà il processo. Oggetto del contendere, sono i volantini che hanno dipinto i rappresentanti dell’autorità politica come persone disoneste.

I precedenti della vertenza

Non è la prima volta che l’ex municipale di Origlio Riccardo Braga viene denunciato dal Municipio e dal segretario comunale. In due precedenti occasioni. Come si ricorderà, tutto cominciò durante una seduta municipale, quando l’esponente Lega-Udc era ancora in carica. Una seduta nella quale sono volate parole offensive e pure un... classificatore. Riccardo Braga aveva accusato il segretario comunale di averglielo scagliato addosso due volte, in malo modo, pretendendo le scuse per il gesto. Il Municipio, invece, aveva segnalato l’accaduto al Consiglio di Stato invitandolo a valutare se sussistono gli estremi per decretare provvedimenti nei confronti dell’esponente del gruppo Lega-Udc e aveva deciso di trasmettere alla Sezione Enti locali i verbali integrali delle sedute oggetto delle accuse. Risale a quel periodo il primo volantino distribuito a tutti i fuochi del Comune da parte del gruppo Lega-Udc in cui viene attaccato, con toni fuori dall’ordinario, quanto fatto nell’ultima legislatura, da parte del Plr, partito di maggioranza assoluta.

Dapprima, un decreto d’abbandono

Nel frattempo, Braga aveva rinunciato a candidarsi alle elezioni dell’aprile scorso, ma il Municipio di Origlio, alla luce delle esternazioni rilasciate a mezzo stampa, dal municipale Riccardo Braga, definite "inveritiere e infondate", aveva annunciato di vedersi costretto "ad adire le vie legali a tutela dell’immagine e dell’onorabilità degli altri membri della formazione municipale, dei dipendenti dell’Amministrazione e del buon nome del Comune". In particolare, il sindaco di Origlio Alessandro Cedraschi aveva espressamente dichiarato di aver querelato Braga per tutelare la sua credibilità come sindaco e il lavoro del Comune. Dalle parole ai fatti, Riccardo Braga è stato denunciato dall’esecutivo per diffamazione e calunnia. Di questo caso, risalente a circa un anno fa, avevamo riferito in due occasioni. La querela sporta dal Municipio e dal segretario comunale riguardava le esternazioni di Braga rilasciate a mezzo stampa e diffuse in un comunicato stampa ai media. Una querela sfociata in un decreto d’abbandono firmato dall’allora procuratore pubblico Nicola Respini. Poi, però, l’esecutivo aveva annunciato l’intenzione di produrre nuove prove. Da qui, il secondo procedimento condotto dalla procuratrice pubblica Chiara Buzzi, che ha chiuso l’inchiesta un paio di mesi fa pronunciando un decreto d’abbandono nei confronti di Braga. In estrema sintesi, la magistrata aveva considerato una questione di politica interna al Comune le dichiarazioni dell’ex municipale Lega-Udc, relative alla presunta modifica a posteriori di un verbale di una seduta municipale.

Volantini che ledono la reputazione

La procuratrice pubblica è invece giunta a una decisione di condanna per quanto riguarda i due documenti "Denaro e politica" e "Origlio: bucato anche il fondo" scritti da Braga e diffusi a tutti i residenti di Origlio, sempre nel periodo fra la fine di dicembre del 2020 e la metà di gennaio dell’anno successivo. Due volantini attraverso i quali, secondo la procuratrice, l’ex municipale Lega-Udc ha incolpato o reso sospetti tre municipali Plr e il segretario comunale di condotta disonorevole o di altri fatti che possono nuocere alla loro reputazione. Braga, come detto, non è tuttavia d’accordo e ha formalizzato opposizione al decreto d’accusa. Per questa ragione, si dirimerà la questione in un’aula penale.

Leggi anche:

Origlio, denuncia per il municipale Braga

Origlio, decreto d'abbandono per l'ex municipale Braga

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condanna municipio origlio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
3 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
12 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
14 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
15 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
16 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
16 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
18 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
21 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved